Two arrests made in deadly Newton Walmart hit-and-run         
NEWTON COUNTY, Ga. — Police have arrested two suspects accused of running over and killing a woman in a Covington WalMart parking lot.Authorities confirmed the arrests of Brandon Smith, 27, of West Virginia, and Stephanie Rodriguez, 37, of New Mexico, to 11Alive’s Blayne Alexander early Sunday morning. The suspects were taken into custody Saturday afternoon in […]
          Waycross woman in court, accused of kicking death of toddler        
WAYCROSS, Ga. — A 42-year-old woman accused of killing a 3-year-old boy appeared in court Thursday morning. Karena Fay Warden is charged with murder and first degree child cruelty. According to the warrant, she kicked and punched Maliachi Smith in the body and head. The toddler was taken to the Mayo Health Clinic Saturday where […]
          ASAHI INDIA GLASS LTD ANNOUNCES UNAUDITED FINANCIAL RESULTS FOR THE FIRST QUARTER ENDED 30TH JUNE, 2017        
by Shrutee K/DNS

New Delhi – AIS (Asahi India Glass Ltd.), India’s leading integrated glass Company announced its unaudited financial results for the first quarter ended    30th June, 2017 at its Board Meeting.

The consolidated financial performance highlights for the quarter ended 30th June, 2017 are as follows -

Sales (inclusive of Excise Duty) at Rs. 670.98 crores, reflected an increase of 8.60% over the previous period (Rs. 617.84 crores).

Operating EBIDTA i.e. Operating Earnings before Interest, Depreciation, Taxes and Amortisation was recorded at Rs. 109.85 crores registering an increase of 7.89% over the corresponding figure of Rs. 101.82 crores for the previous period.

Cash profit increased by 19.94% from Rs. 66.65 crores in Q4 FY 2016 to Rs. 79.94 crores in Q4 FY 2017.

PBT increased by 25.67% from Rs. 46.08 crores in Q1 FY2017 to Rs. 57.91 crores in Q1 FY2018.

PAT increased by 38.33% from Rs. 28.33 crores in Q1 FY2017 to Rs. 39.19 crores in Q1 FY2018.

The table below gives the details of the financial performance both on standalone and consolidated basis –  

AIS – Financial Results for the first quarter ended 30th June, 2017
(Rs. Lakhs)
Particulars
Standalone
Consolidated
2017
2016
Change (%)
2017
2016
Change (%)
Sales
65,891
61,022
7.98
67,098
61,784
8.60
Operating EBIDTA
11,314
10,427
8.51
10,985
10,182
7.89
Cash Profit
8,329
6,923
20.31
7,994
6,665
19.94
Profit Before Tax
6,202
4,963
24.96
5,791
4,608
25.67
Profit after Tax
4,145
3,058
35.55
3,919
2,833
38.33


We have also implemented some operational upgrades in our float glass plant at Roorkee leading to productivity increases from the next quarter. We also welcome the new regulations & standards from the government for architectural glass which shall be beneficial to everyone in the long term. As required by law, we have migrated to the new IndAS method of accounting and therefore, our results have been restated this quarter with minor upside on PAT coming from positives in depreciation.  Overall, we continue to look forward to consistent growth in auto and architectural segments as well as a stable macro environment.”

About AIS:
Asahi India Glass Ltd. (AIS) is a joint venture between the Labroo family, Asahi Glass Co. Ltd. of Japan, and Maruti Suzuki India Limited. AIS began operations in 1987.
AIS, today, is a leading integrated glass company in India, manufacturing a wide range of international quality automotive safety glass, float glass and architectural processed and value added glass. AIS operates under three strategic business units (SBUs), namely, Auto Glass, Architectural Glass and Consumer Glass.
Auto Glass is India's largest manufacturer of world class automotive safety glass and is, in fact, one of the largest in the field in Asia. It is the sole supplier to almost all the OEMs and has a market share of approx. 77 per cent in the Indian passenger car industry.
Architectural Glass is formed as a result of management merger of Float & Glass Solutions (Processed Glass) SBUs. This SBU manufactures quality float glass and deploys an extensive network of 4 zonal offices and over 1000 distributors. It also markets a wide range of AGC products in India as its distribution partner.
Consumer Glass SBU is Company’s interface with end users for its range of automotive and architectural glass offerings. Impeccable, customized and consumer centric solutions is the key differentiator of Consumer Glass SBU. It includes GlasXperts – a retail initiative in the Architectural Glass segment and Windshield Experts which is India’s only automotive glass repair & replacement specialist.

          Shri Saibaba’s Holy Paduka’s Darshan Programme in India and Abroad News         

by Shrutee K/DNS

On 18th October, 2018, Sadguru Shri Saibaba’s Samadhi Embrace will attain 100 years at Shirdi. This auspicious occasion is of extra ordinary significance and life-time memories, for Shri Saibaba Sansthan Trust as well as Sai devotees all over world. Hence, Shri Saibaba Sansthan Trust, Shirdi has decided to celebrate this holy event as a grand festival, starting from 1st October, 2017 to 18th October, 2018.

On this auspicious occasion, Shri Saibaba Sansthan Trust, Shirdi has planned to arrange various religious and cultural programmes. In line with this spirit, on behalf of Shri Saibaba Sansthan Trust, Shirdi a festival of ‘Shri Sai Paduka Darshan’ will be organized in every district of Maharashtra and each state of our country, as well as 25 nations around the world.

Lakhs of devotees have come together and erected hundreds of Sai temples, all over India.  Their devotion to Shri Saibaba is of spiritual importance, arranging ‘Shri Sai Paduka Darshan’, through Sai temples, will serve as a life time opportunity for Sai devotees to celebrate Centenary Year of Shri Saibaba’s Samadhi, in their town.

Dr Shri Suresh Haware, President, Shri Saibaba Sansthan Trust, Shirdi appeals to trusts & organizing bodies of Sai temples, desirous of arranging ‘Shri Sai Paduka Darshan’ festival in their town, to contact with complete details – Deputy Collector, Email – dycoll.2@sai.org.in, Mob – 07720077205 or Shatabdi Cell, Email – shatabdi@sai.org.in, ph – 02423-258907-Shri Saibaba Sansthan Trust, Shirdi.

          6 Mumbai team to play in IWL pre-qualifiers         
 by Shrutee K/DNS

Mumbai, August 10: Six teams from Mumbai will be participating in the pre-qualifying round (Maharashtra leg), of the IWL (Indian Women’s League), which is scheduled to commence at the Cooperage ground, from Monday, August 14, 2017.

The participating teams are MDFA Women’s League champions, Football Leaders Academy, Bodyline SC, Kenkre FC, PIFA Sports Club, Football School of India and Rush Soccer.

The Pre-Qualifiers League, to be organised by WIFA, will be played on a double leg basis and the winners’ will get a direct entry to the qualifying round, which is scheduled to be held later next month.

          BPCL awards its prestigious microsites design & implementation contract to Octaware Technologies        
by Shrutee K/DNS

Mumbai, August 10, 2017: Octaware Technologies Limited (BSE – 540416), a leading software and business solutions development company, is pleased to announce that they have been awarded the prestigious contract from BPCL for the design and implementation of their loyalty and brand microsites. Octaware was one of the bidders and was awarded the contract, post evaluation and presentation of efficient solutions and capabilities to the evaluation committee.

The scope of work under the contract includes design and implementation of microsites for BPCL’s loyalty programs – SmartFleet & PetroBonus and other brands - Speed and In & Out. The engagement includes a period of 3 months for implementation of microsites and an additional three years of support and maintenance. Octaware Technology Limited’s expertise in the areas of online portals & enterprise systems helped them win the contract.

Commenting on the development, Mr. Aslam Khan, Chief Executive Officer, Octaware Technologies Limited, said, “We are extremely delighted to have won the prestigious contract from BPCL, our first major win in the Indian PSU sector, post our IPO in April 2017. The fact that it falls under one of Octaware’s key focus verticals of governance, demonstrates our consistent and steady inroads in the Indian market, surpassing some of the strong players in the region. We look forward to a long-term business association with BPCL”.

About Octaware Technologies Limited:
Incorporated in 2005, Octaware Technologies Ltd is a software development company providing a range of information technology solutions. The company designs, develops, and maintains software systems and solutions. Company's services include custom software development, ECM/portal solution, ERP and CRM implementation, mobile platform solution, RFID solution, cloud and IT infrastructure services, consulting services and geospatial services.
Octaware provides specialized software application and product development services and solutions in the areas of healthcare, finance, and e-government industry. The company has proprietary products for domestic, as well as international markets, such as PowerERM – Human Capital Relationship Management, Hospice – Healthcare and Citizen Services solution, and iOnAsset – Inventory management and tracking System etc. These products are available as packaged products as well as software-as-a-service model integrated with legacy system.
Octaware Technologies Limited (BSE – 540416), got listed on the BSE –SME platform on April 3, 2017 and was oversubscribed by 148%, providing testimony to the faith, the investors have reposed in the company.

          Badshah Masala launched their new ad campaign #HumareYahan        


by Shrutee K/DNS
National: Badshah Masala, this Independence Day, has launched their new ad campaign #HumareYahan, aiming to decrease this divide and pushes notice to how similar these two sister countries are. Badshah Masala believes that despite all the differences we may have, food transcends all boundaries and brings people from different places together. 
In this video, Manno is a traditional Indian mom whose daughter, Dimple, has just returned from US after finishing her studies. Dimple, whilst showing Manno pictures from her time in US, also shows her a picture with her Pakistani friend, Saad. Manno immediately points to Saad being a Pakistani, but is shunned by her young and liberal daughter.  
Dimple then mentions that she wants to meet Saad, an idea which Manno isn't too fond of. After much deliberation, Manno asks Dimple to invite Saad over for dinner so that she can keep an eye on him. Once Saad comes over for dinner, he amazes Manno with what he does.
This video is a testimony to how much the younger generation can influence their parents in breaking stereotypes that have prevailed in modern India. The campaign also communicates a broader message that gets us thinking as to how Indians perceive foreign nationals. It stresses on the importance of respect for an individual regardless of his or her racial background and nationality, and the importance of not judging a person based on our own preconceived notions and existing stereotypes.
Kailash Jhaveri, Managing Partner of Jhaveri Industries, said,”As we are inching closer to a 70th Independence Day, there is no better time to contemplate the ties between these two countries. We are trying our best to close this divide by starting a conversation over something that no one would decline - Swaad.” 
Hemant Jhaveri, Managing Partner of Jhaveri Industries, adds, “Badshah Masala has always been involved in forming connections through food. From the very beginning of this company, we have looked at food as something that can bring people from everywhere together. We are glad that we are taking this opportunity to provide another outlook to the current scenario that our country is facing.” 
Anushree Pacheriwal, Creative Head of Gemius, said, “It has been an incredible experience working for this campaign. From the very start, we were certain that this message needed to be out there, and that shaped the direction that this campaign took.”
The campaign is by Badshah Masala conceptualised by agency Gemius and creative head Anushree Pacheriwal, Story, Saurabh Pacheriwal. The production house is 50mm Media Productions and Director & DOP is Saurabh Desai and Ankit Mavchi. Gemius is co founded by Saurabh Pacheriwal, a marketing professional and Anushree Pacheriwal, a creative professional. Its clientele includes Badshah Masala, World Economic Forum, Just In Time, Baggit, TEDx events amongst others.
·       Campaign Link:  https://youtu.be/2LFIuXf1Gqo
Credits:
Client: Badshah Masala
Managing Partners: Kailash Jhaveri, Hemant Jhaveri
Agency: Gemius
Managing Director: Saurabh Pacheriwal
Creative Head: Anushree Pacheriwal
Account Management Team: Tanvi Khandelwal, Abhishek Doshi, Varsha Tanna
Story: Saurabh Pacheriwal
Production House: 50mm Media Productions
Director & DOP: Saurabh Desai & Ankit Mavchi
Production Team: Fenil Patel, Siddhant Shah, Nehal Trivedi, Jigar M, Setu U


          Hospitals and local physicians are noticing a spike in the no of respiratory cases in the city        
by Shrutee K/DNS

Mumbai, August 10th, 2017: The rains have arrived and so is the number of diseases along with it. People are aware of the most common ailments such as viral fever, the common cold, malaria, typhoid, diarrhoea, etc. But very few are aware of the respiratory ailments that stems from indoor air pollution in monsoon caused by the dampness in the walls, fungus from air conditioners, floor carpets, velvet upholsteries, sofa covers, wooden furniture harboring fungus, etc. The Hospitals and local physicians in the city have noticed a spike in the no. of cases with respiratory problems. Suspended Particulate Matter is the main trigger of damage in air Pollution. Other contents like SO2, ammonia, carbon, polyaromatic hydrocarbons add to the toxicity. Air pollutants which are less than 10 microns in size enter the smaller airways and causes damage. This may trigger cough, breathing difficulty, choking, chest tightness and Asthma.

Taking adequate precautions are one of the best ways to avoid monsoon-related ailments. All age groups are affected because of air pollution; however, there is a definite rise in asthma and lung infections among children. Also, elderly and diabetics are at a risk of lung infection because of air pollution. Avoiding floor carpets, velvet upholsteries, stuffed toys, burning incense sticks at home and regular cleaning of air conditioner filters are some of the precautions that can be taken to avoid indoor air pollution during the monsoon.

Mr. Girish Bapat, Blueair air purifier, Director West and South Asia Region further added, “Our mission at Blueair is to help Indian women, children and men confront the health challenges posed by rising air pollution. It is very essential to identify the Invisible dangers. Breathing in tiny, unseen pollutants put every individual at risk. These pollutants further pass through the lung tissue and puts you at risk of stroke, heart disease and developing Asthma, Allergy, Bronchitis, Infection and other respiratory problems. Getting acquainted of personal health records, heart rate and blood sugar level, is the best way to safeguard long-term health issues by classifying troublesome concerns at the earliest.”

Blueair’s air purifiers are innovated in Sweden to put people in control of their own air quality with superior filtration efficiency. Sold in over 60 countries around the world, Blueair delivers home and office users cleaner indoor air for enhanced user health and wellbeing faster than any competing air purifier thanks to its commitment to quality, energy efficiency and environmental care. A Blueair air purifier works efficiently and silently to remove airborne allergens, asthma triggers, viruses, bacteria and other pollutants.

          Feast after fasting this Janmashtami at Taj Wellington Mews Mumbai         

by Shrutee K/DNS 
Mumbai: This Janmashtami welcome the birth of Lord Krishna with a burst of flavour and fervour! Get together with family and friends and feel the festive cheer with a range of delicious treats perfect for breaking your fast. The light and crispy Sabudana Vada, the soft Rajgiri Puri, traditional Vari Rice, refreshing Thandai, Vrat Waale Aloo will satisfy after a day’s fast, before a sweet and creamy Badam Kheer and fresh fruit. Come and taste the ‘food of the Gods’/ ‘divine offerings’ at Weli Deli, Taj Wellington Mews!

Offer valid:
Date: 14thAugust 2017
Day: Monday
Timing: 12 PM to 10: 45 PM
Venue: Weli Deli, Taj Wellington Mews, Mumbai 
Contact Number: 022 66574331
About Taj Hotels Palaces Resorts Safaris
Established in 1903, Taj Hotels Palaces Resorts Safaris is one of Asia's largest and finest group of hotels, comprising 98 hotels in 61 locations across the globe, including presence in India, North America, United Kingdom, Africa, Middle East, Malaysia, Sri Lanka, Maldives, Bhutan and Nepal. From world-renowned landmarks to modern business hotels, idyllic beach resorts to authentic Grand Palaces, each Taj hotel offers an unrivalled fusion of warm Indian hospitality, world-class service and modern luxury.  For over a century, The Taj Mahal Palace, Mumbai, the iconic flagship has set a benchmark for fine living with exquisite refinement, inventiveness and warmth. Taj Hotels Palaces Resorts Safaris is part of the Tata Group, India’s premier business house. For more information, please visit www.tajhotels.com.



          ISKCON Kharghar Celebrates Sri Krishna Janmashtami from 13th to 16th August, 2017        

​


by Shrutee K/DNS

Navi Mumbai, 09th August 2017:  The devotees from ISKCON Kharghar will be celebrating Sri Krishna Janmashtami Festival which starts from 13th to 16th August, 2017 at Sri Sri Radha Madanmohanji Temple, Kharghar- Navi MumbaiThe Janmashtami celebrations are part of the festivities of the Radha Madanmohanji Mahotsav 2017 which have begun from 03rd August 2017 with the Jhulan Yatra Utsav and end on 16th August 2017 with the celebration of Srila Prabhupada’s 121st Vyasa Puja.

The highlights of this festival are the SRI KRISHNA KALASH ABHISHEK which will be held on 15th August 2017 from 7.30 pm onwards, wherein donors are given an opportunity to bathe Their Lordships with panchamrita in Silver Kalash. The most important event is the MAHA ABHISHEK of The Lord in the temple at 12 midnight. This year it is special as it will be held in the pandal so that thousands of devotees who visit the temple can have Darshan of this divine spectacle.

Bhakti Kala Kshetra, the cultural wing of ISKCON is organizing a cultural program comprising of dance, drama, discourses and bhajans has been organized in the pandal from 13th to 16th August and shall feature performances by congregational devotees, local artists and cultural organizations. The star attraction is going to be the celebrity performances of flute recital by Shri. Ronu Majumdar and bhajans by Shri. Shounak Abhisheki, Smt. Anuradha Paudwal, Shri. Anup Jalota, Shri. Vinod Trivedi and Dr. Vikram Parlikar.

On 16th August to commemorate the 121st birth anniversary of Srila Prabhupada, ISKCON Kharghar has organized a day long program in which prominent people, devotees and congregational devotees will offer homage and heartfelt offerings to Srila Prabhupada from 10am onwards. This celebration shall comprise of Pushpa Abhishek and aarti to Srila Prabhupada at 12:30 noon followed by special 1008 offering. There will be prasadam for all after the celebration. In the evening from 6.00 pm onwards, congregation devotees, life members and donors will bathe Srila Prabhupada with milk, honey and gangajal in special kalash made of meena and brass. Devotees shall sing the glories of Prabhupadaji and remember his teachings that deeply touch the heart of people all over the world.

Preparations for Janmashtami festival at ISKCON Kharghar began almost 2 months prior to the actual festival. A special festival committee is formed to organize, manage and coordinate the festival.

About The International Society for Krishna Consciousness (ISKCON), Kharghar:
ISKCON’s Sri Sri Radha Madanmohanji Temple at Navi Mumbai, is designated as ‘Glory of Maharashtra- A Vedic Educational and Cultural Center’. Spread over nine acres of land it is more than just a temple. It offers a spiritual and cultural experience that is one of its kind. While the magnificent temple with three alters dedicated to Sri Sri Radha Madanmohanji, Sri Ram Sita Laxman Hanuman and Sri Nitai Gaur Sunderji, is the main attraction, the project has other features that will make it a prominent landmark, like the Bhaktivedanta College of Vedic Education, which will teach the ancient Vedic philosophy as well as a Bhaktivedanta Library. Other facilities include a Guest House, Ayurveda Wellness Center, Vanprastha Ashram (old age home) and a magnificent Auditorium to cater to the cultural events in Navi Mumbai. Though the project is in the making, there is a small temple with the deities installed and  it has  already become a major landmark and place of  tourist attraction in Navi Mumbai.

          Ziox Mobiles announces Sushant Singh Rajput as its Brand Ambassador along with Rs. 300cr investment for FY17 - 18        
Launches its newest Mobile phone ‘Ziox Duopix’
        Forays into LED TV and Consumer Durables Segment
        Plans to open 2 new manufacturing units and R&D facilities with investment of Rs. 200cr.
        Plans a 360-degree marketing campaign with a budget of
Rs. 100 Cr.
by Shrutee K/DNS
In the light of its vigorous expansion, Ziox Mobiles under the aegis of Sun Air voice Pvt Ltd, one of the fastest growing Mobile handsets brand, ropes in the very versatile, Sushant Singh Rajput, as its Brand endorser who truly lives up to the brand name.  While Ziox mobiles is a preferred brand across the country through its outstanding innovation and quality, the other has won the hearts of a million Indians as he slips into any role with nonchalance. Both the brand and its ambassador ride on the precepts of resilience, hard work and steady growth. A rare blend of energy, perseverance, and popularity coupled with his ability to connect to people, Sushant Singh Rajput is a fine addition to the Ziox Mobiles family. This association will further boost the legacy of Ziox Mobiles as the actor resonates to the brand promise: Quality that Speaks.
Answering strong demand and an overwhelming response from the Indian market, Ziox Mobiles also chalked out a detailed expansion plan and the roadmap for FY 2017-2018.The Brand aims to establish a stronger foothold in the Indian Market, with the total investment of over Rs. 200crore which shall span for a year, the Brand announced its plan to set up 2 new manufacturing units (in Sikkim and Noida) and R&D facilities apart from the existing New Delhi unit, with a holding capacity of around 1 Million units per Month. With the induction of Sushant Singh Rajput as its brand endorser along with the total investment of Rs. 100 Cr. this FY 2017-2018, Ziox aims to achieve an estimated revenue of Rs. 1,000 Cr and a sale of 10 million product units.
Commenting on this association and a promising future, Mr. Deepak Kabu, CEO Ziox Mobiles said “The future looks bright, Ziox Mobiles has a range of phones in the pipeline with exciting new launches. We are enthralled to present Sushant Singh Rajput as the new face of Ziox Mobiles. With Sushant Singh Rajput on board, it will help augment sales and further its reach in the market. The partnership with him is timed with Ziox Mobiles’ next phase of expansion on a pan-India level” Mr. Kabu further adds, “Sushant embodies talent, youthfulness and style. More importantly, he blends well with the core values of hard work, reliability, and is the epitome of our brand philosophy. Today our target audience is the young, driven, forward-moving generation, who have ever changing needs. Sushant understands the pulse of this audience well and has a great rapport with them. That is why, with immense preparation, he goes on to entertain his fans with one performance after another just as Ziox Mobiles constantly strives to understand the changing needs of its customers.”
Speaking on the association, Sushant Singh Rajput said, "I have always known Ziox Mobiles to be an inspirational brand in terms of their persuasion to becomes India’s biggest mobile brand. I am happy to be associated with a brand which is very young, and has a journey that is very similar to mine. I love how this brand designs its products to suit every need of its customers and are constantly innovating themselves as I see myself doing that while working on a role. I look forward to being part of the Ziox Mobiles family and to contribute to its fascinating growth journey in India." The ever-evolving brand has slated a major strategic transformation that entails the signing of a new brand endorser, an aggressive expansion and launches of it new products. The Brand at the event also announced the launch of its newest smartphone Series ‘Duopix”, Phone Series with Dual Cameras. Designed to fulfil the brand promise of providing users with superior camera performance and quality, ‘Duopix’ comes equipped with wide angle Dual front camera (8.0MP + 2.0) front +8.0MP Rear. The latest Dual 4G model runs on Android 7.0, with 5inch HD IPS Display along with 2GB RAM + 16GB ROM all packed in 2500mAh battery. Some of the key features includes strong battery life & also the fast charging capability. The budget friendly Smartphone comes equipped with various other features like 21 language support with multilingual phonebook, MP3 player, FM Radio, Bluetooth connectivity to help you stay connected. The phone will be available across all retail stores in few week’s time. Along with the smartphones, the brand also announces its foray into LED TVS and Consumer Durables category.

About Ziox Mobile: Ziox Mobiles, part of Sun Airvoice Pvt. Ltd., incepted in the Year 2015, with a singular motto to break the boundaries while offering technologically superior products without compromising on quality. Headquartered in New Delhi, Ziox Mobiles has built up an impressive product portfolio of more than 40 distinguished products and constantly innovating to make superior products.
Empowering consumers with affordable technology through quality products- the brand has truly demonstrated quick and robust expansion since inception, showing profitability and growing sales since the first year of operations. Being considered as one of the most innovative and fastest growing brands in the Mobile category, the brand has established its presence across India through its wide network comprising of its various branch offices and system integrators across several states in India.

          Sugar Free launches a web series ‘The Sweet Breakup’ a first of its kind in the food space        


by Shrutee K/DNS


Mumbai, August 2017: Sugar Free, a name synonymous with sugar substitute, is the single largest leader in India in the category. The brand always thrives on innovation as key for its growth and has introduced many variants in the category for the sweet binging yet calorie conscious Indians. As an extension to its innovation drive, the brand has unveiled a new campaign ‘The Sweet Breakup’, a one-of-a-kind 5-part web-series in the food category. The series is conceptualized and executed by Maxus Content, the content solutions arm of Maxus.
Talking about the campaign Tarun Arora, Chief Operating Officer & Director, Zydus Wellness said, “Our vision for “Sugar Free” is to make it the brand of choice for consumers seeking low / no calorie options to lead a healthier life style. Hence to address the myths attached with the usage of Sugar Free as part of one’s daily culinary needs made us conceptualize ‘The Sweet Break Up’.  This web series demonstrates in an authentic way that you can indulge into your favourite dessert guilt-free without compromising on the taste. The 5- city trail as part of the campaign only reaffirmed that any sweet recreated with Sugar Free tastes the same when made with sugar. I believe this was the first time a dessert truck was going around India and hence there was a lot of excitement amongst people wanting to know what’s cooking !”
Pooja Verma, Head - Content, Entertainment and Sports Partnerships at Maxus said, “Maxus believes that changing traditional behaviour among consumers with content, needs a compelling strategy which is driven by insights and fused with creative thought. Showcasing Sugar Free as more than just a sugar substitute via ‘The Sweet Break-Up’ campaign is a prime example of our focus. Sweets have a strong relationship with celebrations in our country. With that insight in mind, we brought our campaign together on the message that enjoying sweets while breaking up with unhealthy calories is a win-win outcome for every foodie. The creative vehicle to deliver that message is our one-of-a-kind series where Chef Kunal Kapur joins famous foodie-duo Rocky & Mayur, in recreating delicious Indian sweets with Sugar Free. Through this content solution, the brand stands to generate extensive and meaningful conversations with viewers who love their sweets.”

This campaign marks the culinary journey of Sugar Free across 5 cities Delhi, Lucknow, Kolkata, Bengaluru and Mumbai, where celebrity chef Kunal Kapur reconstructed 5 different speciality desserts by using Sugar Free products. The brand also had on board the famous foodie duo Rocky and Mayur whose fun banter added to the entertainment element in the web-series. The journey started from Delhi where the chef created the famous Tewari Brother’s Gulaab Jamun followed by Lucknow where Ram Asrey’s famous Malai ki Gilori was made. The truck then headed East to Kolkata where he recreated Balaram Mullick’s Sandesh and then southward to Bangalore where he made a fusion dessert using G Pulla Reddy’s Dharwad Peda and created Dharwad Peda Tiramisu. The final leg of the web series was shot in Mumbai where Chef Kapur added a spin to made Ladu Samrat’s modak and created delicious chocolate modaks. All of these were created using Sugar Free. While the brand has a strong linkage with table top consumptionand pellets as a format, the culinary consumption for powder formats is a gap that needs to be bridged. ‘The Sweet Breakup’ campaign is that step forward by Sugar Free to make consumers aware of the format, its usage and the fact that the taste of the dessert stays as good. What more? One can indulge in sweets now without having to feel guilty.
The Sweet Breakup will be unveiled on-air on youtube.com 18thAugust
About Zydus Wellness Limited: Zydus Wellness Limited is the Consumer products company from the Zydus Group. Zydus group is a pharma major with flagship organization, Cadila Healthcare Limited, a leading pharmaceutical company with significant global presence apart from India. Zydus Wellness has been a pioneer in various categories it operates in. The company focuses on emerging segments and has its DNA of innovations with “Do good benefits” at the core of its business. Zydus Wellness commands leadership in the sugar substitute market, table spreads and the skin care segments. In the sugar substitute market, Sugar Free is a market leader with a market share of 94% and targets health and fitness seekers apart from diabetics.
Nutralite is a market leader in the Fat Spread category and appeals to consumers looking for healthier alternatives to normal butter. It is cholesterol free, does not contain any hydrogenated fats and is also trans-fat free. Everyuth is a pioneer in facial cleansing space in India. It enjoys leadership in the scrub and Peel off Mask segments and is amongst the top players in the overall facial cleansing category with strong “Naturals” equity Zydus Wellness Limited is listed on NSE and BSE and has manufacturing locations in Gujarat and Sikkim.
About Maxus:  Maxus is a marketing communications consultancy that helps marketers build profitable relationships between consumers and their brands. They combine the disciplines of communications planning and customer relationship marketing to deliver Relationship Media, a next generation model powered by creative media thinking and sophisticated, real-time customer data.

Their services include communications strategy, digital marketing, direct response media, social media, data analytics, media investment management, content & sports marketing, marketing ROI evaluation and CRM. Having a talent team of 2,500 people across 55 markets, they are part of GroupM, the world’s largest media investment management group that serves as the parent company for all of WPP’s media agencies.

          The Bombay Canteen 3rd Independence Dawaat In Support of Miracle Foundation India         


by Shrutee K/DNS

Mumbai August 2017: This Independence Day, let’s celebrate the joy of being Indian. And what better way than The Bombay Canteen3rdAnnual Independence Day Dawaatto raise a toast to our amazing culinary heritage with an unforgettable meal for a cause. A feast of regional Indian specialties at our annual Independence Dawaat on August 15, 2017, only for lunch from 12 noon to 3:30 pm and this year’s fundraiser is in support of Miracle Foundation India.  The Miracle Foundation India is a non-profit organization that brings life-changing care to orphaned children and helps them thrive in real time with a measurable, repeatable and systematic method to ensure that orphans are educated, fed, loved and safe. So block your calendar and make a plan with friends to celebrate all things Indian with a feast from around the country for a very noble cause. And since this lunch is also about celebrating freedom, we encourage you to pay what you like at the end of your meal. Remember, everything you donate, goes to the Miracle Foundation India for the incredible work they do to take care of orphaned children.

On the menu this year – a sumptuous meal of regional delicacies all served on a banana leaf in a community style dining experience. Its India on a platter with Chef Thomas Zacharias and his team putting together this feast inspired by dishes from across twelve states, including Mangalorean Chicken Curry, Punjabi Smoked Red Pumpkin Bharta, Lucknavi style Soy Kheema Mutter, Kashmiri Simla Mirch & Petha Korma, Kerela Mandeli Fry, seasonal vegetable pulao and much more. All this with a selection of unusual chutneys and accompaniments, served up with chilled Aam Panna from UP and delicious Maharashtrian TilGud Cake and Tiranga Barfi to round off the meal.


Sameer Seth, Founder & CEO, The Bombay Canteen said, "We are really excited to be supporting the Miracle Foundation through our 3rd Independence Day Daawat. The work they do to support orphaned children is inspiring. It has been amazing to learn about how they go about shaping the lives of these kids in a systematic and sustainable manner, and hope that through the Daawat more people learn about their fantastic work."

Caroline Boudreaux, Founder of Miracle Foundation said, “We are thrilled to be a part of the Independence Day Dawaat at the Bombay Canteen. The support we receive at this event will give children without parents all they need to thrive: Delicious and nutritious food, education, clean water, healthcare, safety and love. In partnership with the Bombay Canteen, we are empowering children to reach their full potential and become independent adults—as the country celebrates its independence.”

Get your flags out, paint the city in tricolour, and swing by to celebrate all things Indian this Independence Day, with good food for a good cause! 

Date: On August 15th, Tuesday 2017.
Independence Dawaat at Lunch only from 11.30am to 3:30pm.
First come, First Serve
You can also donate on: https://www.ketto.org/fundraiser/tbc


About Our Cause: Miracle Foundation India is a non-profit organization that brings life-changing care to the world of children without parental care in India. Our mission is simple. Miracle Foundation India stands for children without parental care and helps them thrive in real time. We've created a measurable, repeatable and systematic method to ensure that children without parental care are educated, fed, loved and safe. At the same time, we explore every avenue to reunite them with their parents or relatives, when possible. Our method: 

Ensures organizations meet the 12 Rights of the Child and rise to international standards

Guides leaders to resettle children with a caring, responsible relative or family—and help them stay together

Transitions orphanages into Centers for Excellence where children thrive instead of reside

Started in 2011, the organization is dedicated to empowering children without parental care to reach their full potential. Today, we support thousands of children without parents, from the hinterlands of Maharashtra, Tamil Nadu, Karnataka, Telangana, Kerala and Madhya Pradesh to the far-flung areas of Tripura.

Our goal is for every child to live in a loving family; to become a healthy, happy, income-producing person—and experience a true sense of belonging.


          Celebrate the platinum year of Indian Independence with HISTORY TV18        

This August watch inspiring stories of incredible Indians with ‘India: 70 wonders’ and a History TV18 original documentary on the great Subhash Chandra Bose with ‘Netaji Bose and the Lost Treasure’

by Shrutee K/DNS
Mumbai, August 2017: This Independence month HISTORY TV18 is presenting a marathon of inspiring stories that is sure to keep the viewers glued to their screen. The channel brings two most amazing shows India 70 Wonders starting 8th August, 2017 every Tuesdays and Wednesdays at 8 PM and a documentary on Subhash Chandra Bose - ‘Netaji Bose and the Lost Treasure’ on 18thAugust at 9 PM. The viewers are in for a surprise as the August marathon will feature Bollywood “womaniya” Huma Qureshi.
India 70 wonders will feature inspiring and out-of-the-box OMG stories of India and Indians. Some amazing stories from across the country include the cemetery-hotel in Ahmedabad, a barber who drives a Rolls Royce, a 75 year old woman who has mastered Kalaripayattu, a man who transforms iron nails into art and the likes. A series of 7 extraordinary episodes, each episode will showcase 10 inspiring stories that will depict 70 years of a young nation that is at the crossroads of change. Each story has been handpicked based on the level of amazement and intrigue generated.
The next offering is a television first, based on Subhash Chandra Bose, one of the most dynamic leaders of India's struggle of independence. The undying questions surrounding the mystery of the fabled INA Treasure and it’s disappearance along with Bose will come alive with ‘Netaji Bose and the Lost Treasure’ a History TV18 original documentary.  The secrets, locked away in the vaults of South Block and protected by the Official Secrets Act, will be showcased for the first time on television.
The thrilling one-hour special, is filmed in India, Malaysia, Singapore, Myanmar & Japan and uses rare archives as it pieces together the mysteries. With an interesting combination of present day shots, archival footage, graphics and interviews, the film takes one through an unexplored treasure hunt of World War II and its key players.









          Skillsoft and MIT Sloan Management Review Partner To Train Next Generation Business Leaders        

Superior content and Percipio platform help organizations develop the next wave of leaders

 by Shrutee K/DNS

Mumbai August 08, 2017–Skillsoft, the global leader in corporate learning, has partnered with MIT Sloan Management Review (MIT SMR) to curate the journal’s best leadership assets and deliver them to its 40 million users. This key collaboration kicks off a series of new, innovative content partnerships that will empower Skillsoft’s Leadership and Business Skills learners with professional training from the industry’s top experts.

Organizations and their employees can now access this elite catalog of content to enhance professional development, upskill their workforce, and hone individual career paths. Presented through the highly engaging and intuitive Percipio platform, users will be able to access everything from MIT SMR’s general leadership articles, to Frontier articles that focus on the intersection of business management practice with technology, collaborative research reports, as well as webinars and videos. Content will be optimized for all devices and operating systems, and will be accessible via video, audio and written content for varied learner styles and needs.

“Our Leadership content sets us apart from other corporate learning content providers. We provide the most diverse content catalog with an array of learning modalities. More importantly and unique to Skillsoft, we craft thoughtful learning paths and courses for users to follow,” said Bill Donoghue, Executive Chairman of the Skillsoft group. “Our partnership with MIT Sloan Management Review will supplement our own assets and underscore our commitment to building the most respected and up-to-date portfolio of Leadership training available.”

Skillsoft will embed MIT SMR content within its core Business and video collections, and integrate content within its existing Leadership offerings, like Skillsoft Leadership Advantage, Continuous Leadership Journey and Women-in-Action. The partnership between Skillsoft and MIT SMR will provide organizations with engaging, on-demand corporate learning content that will groom, train and inspire management teams through a consumer-like interface (think Netflix or Amazon) that is designed to engage the learner.

“We see a growing need for effective leadership training to address critical skill gaps in today’s organizations and help increase an organization’s ability to develop talent from within,” said Paul Michelman at MIT SMR. “This partnership gives our content a new vehicle for delivery within those organizations that believe training their internal talent is paramount to creating a competitive edge.”

MIT Sloan Management Review is a pre-eminent platform and content leader that bridges the gap between academic research and daily practice. The Review keeps readers in tune with management trends and innovations. MIT SMR articles cover a wide range of topics relevant to management with a focus on areas such as Data & Analytics, Digital, Global, Innovation, Leadership, Marketing, Operations, Social Business, Strategies and Sustainability. For decades, MIT SMR has been a forum for business-management innovators from around the world to present their ideas and research.

About Skillsoft : Skillsoft is the global leader in corporate learning, providing the most engaging learner experience and high-quality content. We are trusted by the world's leading organizations, including 65 percent of the Fortune 500. Our mission is to build beautiful technology and engaging content that drives business impact for today’s modern enterprise. Our 150,000+ multi-modal courses, videos, books and micro-learning modules are accessed more than 130 million times every month, in 160 countries and 29 languages. With 100% secure cloud access, from any device, whenever, wherever. www.skillsoft.com

          SSB Retail India launches two more Specialty Malls        

by Shrutee K/DNS
Hyderabad, 4th August 2017: SSB Group is a leading structural galvanizing company which is in a retail sector mall in Hyderabad.

The SSB World Shopping Mall has come up with a two brand ‘Alpine’- the supermarket and ‘Casabene’- the furniture mall. Casabene has its branches in Kolkata, Hyderabad and is now launching 2 more new branches in Hyderabad.

The company has diversified into retailing. The 3rd retailing space at Chakripuram  is 7000 sq. ft which has a combination of Alpine Super Market & Casabene Furnitures. The 4th retailing space at North Kamalanager ECIL is 2000 sq. ft which also has a combination of Alpine Super Market & Casabene Furnitures.
The retail industry is very competitive; in order to give extra mileage SSB is having its own manufacturing facilities. They believe in delivering excellent quality products with customer satisfaction. The Chief Guest for the event will be honourable Smt. Pajjuri Pavani Manipal Reddy (Corporator) for A S Rao Nagar Division, SSB Directors - Y Sharath Babu & Ajay Kumar Singh and Chairman - Ramakanth Singh. Mr Ajay Kumar Singh & Mr Sarath Babu - Directors, of SSB believes in giving good lifestyle supplies at competitive prices.
 
The retailing product will be: Supermarket/Furniture/Home Décor/Home Accessories/Home related products

USP: Exclusively designed/Concept selling/Manufacturing Quality Products/Craftsman and Finishing/Free interior advice/Large collection under one roof

The business plan is to diversify and open 10 Branches of Alpine Super Market & Casabene Furniture in the twin cities.

About SSB: SSB is a Turkey service provider, established in August 2013, SSB Structural and Galvanizing Pvt Ltd is an enterprise by two pragmatic visionaries. As an emerging sector, it is present in telecom, power, heavy and general fabrication and infrastructure. It was able to export structural material in the second year of inception. The company has a turnover of 50 crores and it will have 100 crores of turn over year.

          Wrangler Celebrates 70th anniversary with its Autumn Winter’17 Collection        

by Shrutee K/DNS


This year, Wrangler celebrates its 70th anniversary of producing perennial fashions with a global advertising campaign and a fresh anniversary collection, influenced by their iconic, revolutionary denim and authentic retro looks that took the 1970s by storm.

Wrangler was the definitive denim brand for teenagers back in this style-setting decade, and the anniversary collection has been artfully inspired by the brand’s notable archive finds: reinventing the most popular ’70s styles for today’s spirited youth with a passion for life and all of its adventures.
Trademark Wrangler basics are back and better than ever, as the label taps into’70s imagery for inspiration and relaunch the timeless vintage logo. The collection includes bold, colourful t-shirts featuring variations of the iconic ’70s Wrangler rainbow graphic, and signature staples in vibrant hues with retro seventies cuts. The rainbow symbolises confidence, exuberance and freedom: traits that are intrinsic to the Wrangler’s brand’s persona. Denim comes in authentic stone washes and brighter shades of blue.  Wrangler continues to be renowned and praised for being inspiring, progressive and always in tune with the ever-changing needs of its fashion-forward customers.
 Price Details: Tees: Rs.995/- Onwards & Denims: Rs.2995/- Onwards

Availability: Across all Wrangler stores in India.

About Wrangler
The heritage of Wrangler goes back literally 70 years when the brand first made an appearance. Wrangler was the first modern five-pocket jeans to be test-fitted and endorsed by real-life cowboys. Since then, Wrangler continues to inspire freedom, independence and self-reliance in its wearers.

The brand in India has come a long way, evolving to meet the needs of the ‘urban cowboy’ with a range of fashion apparel that is contemporary, fashionable yet rugged. 

A part of VF Corporation - the world's largest apparel company, Wrangler has found a loyal consumer base in the Indian youth that swear by this unique fashion brand. This stylish denim brand is available at exclusive standalone stores, leading apparel stores and major department stores Log on to wrangler-ap.com/in.

          Ambi Pur’s New TVC Focuses on Refreshing Monsoons        
Shrutee K/DNS

Mumbai, August 4, 2017:-Ambi Pur’s Smelly to Smiley campaigns have always challenged and conquered the toughest and most pungent odours in a real time set up with live experiments. The third edition of the Smelly to Smiley campaign focuses on yet another very relevant odour issue that most have us have encountered – the problem of the lingering monsoon odour that plagues all Indian households during the season. While monsoons have always stood for happy, fun times, growing up brings us face-to-face with monsoon-related issues. Akin to the advertisement format that has become synonymous to Ambi Pur, the new TVC is a real-life experiment at a real consumer’s home, where a unique sensorial challenge is conducted. After all, how often would you come across people with blind folds and pegs on their noses?

This interesting play on the senses reveals that a home, which may look immaculately clean, may, in reality, be perceived as unclean because it is doused with the damp monsoon odour. This TVC, conceptualized by Grey Group, features Brand Ambassador Boman Irani who presents a reality check in context to the damp, lingering odours that specially torment during monsoons. Launching nationally on August 03, the TVC positions the New and Improved Ambi Pur, with odour-clear technology, as the perfect solution to restore freshness to your favorite season. 

The recently released findings from a survey conducted by AC Nielsen, commissioned by Ambi Pur, unearthed the extent of suffering that these damp, musty odours impose on all of us. In fact, 9 out of every 10* women felt that monsoons bring issues within the household such as drying clothes inside, that lead to a musty damp odour.
 
Nidhish Garg, Brand Manager, P&G Home Care India, comments: “To drive awareness regarding the New & Improved Ambi Pur with patented odour-clear technology, we have launched the 3rdleg of the very popular Smelly to Smiley campaign. The brand stays with its ideology of putting the product to torture tests against relevant odour issues, and this time we take on the musty odour that all Indians face during monsoons. The TVC captures live reaction of a consumer who experiences the monsoon odour when visiting a friend’s home that looks perfectly clean. The same consumer sees Ambi Pur in action and how it completely eliminates the monsoon odour as opposed to temporarily concealing it with a fragrance. This format of communicating with our consumers through live experiments helps in building brand salience and credibility.”
 

Ambi Pur’s Brand Ambassador, Boman Irani further adds, “Monsoon is my favourite season but we all know the challenges that come with it, right from drying clothes inside to the rigorous cleaning regime. The new TVC shows that the house that looks clean may not actually smell clean due to the overwhelming moisture-heavy air giving out a feeling of lack of hygiene. It is always fun shooting for Ambi Pur ads, as well as extremely reassuring to witness the brand live up to toughest home odours in live experiments, year on year! This time too, Ambi Pur in its new avatar, truly eliminated the musty monsoon odour. So, it’s time to stop being enslaved by this moldy smell and refresh your monsoons with Ambi Pur.”

The New & Improved Ambi Pur uses a distinct formulation that focuses on odour removal, not just on emitting the fragrance. P&G has created a trademarked ‘Odour-clear technology’, which has been brought to India in July. The new technology fights odour at a molecular level, neutralizing it completely, and leaving behind a subtle fragrance, thus truly eliminating all tough odours.

All Ambi Pur fragrances, including the newly launched Sandalwood fragrance, are available across stores at a price of Rs. 299.

Agency Credits:
Lead Creative Agency: GREY Düsseldorf
Local Support: GREY Mumbai
Production House: Casta Diva Pictures, Mumbai

About Procter & Gamble
P&G serves consumers in India with one of the strongest portfolios of trusted, quality, leadership brands, including Vicks ®, Ariel®, Tide®, Whisper®, Olay®, Gillette®, AmbiPur®, Pampers®, Pantene®, Oral-B®, Head & Shoulders® and Old Spice®. P&G operates through 3 entities in India of which 2 are listed on NSE & BSE. The listed P&G entities are: ‘Procter & Gamble Hygiene & Health Care Limited’ and ‘Gillette India Limited’, whereas the unlisted entity (which is a 100% subsidiary of the parent company in the U.S) operates by the name ‘Procter & Gamble Home Products Private Ltd.’ In the last 12 years, P&G’s signature CSR program P&G Shiksha has built and supported 1000 schools that will impact the lives of 10,00,000 underprivileged children across the country by providing them with access to education. Please visit http://www.pg-India.com for the latest news and in-depth information about P&G India and its brands.

          Director, Sandeep Mohan & Tiranga Productions to release “Shreelancer” on 18th August         

Based on the story of a freelancer, the feature film is an adaptation of the people who are self-employed

by Shrutee K/DNS 

Director Sandeep Mohan’s next release, “Shreelancer” is a feature film starring Arjun Radhakrishnan (an actor known for his film “A White Feather”) in the lead along with a veteran theater artist Salmin Sheriff and Monica Mahendru. The film is produced by Giju John – Tiranga Productions Pvt. Ltd. and Sandeep Mohan and slated to hit the screens on 18th August 2017.

Official Trailer Link - https://youtu.be/VkM2WWU5kyY

The film has background score by Vivek Philip and features songs by Ankur Tewari, Prateek Kuhad, Andrew Sloman and Natalie Matos. The film features one of the popular Indie song, "Dil Beparvah" by Ankur Tewari and Prateek Kuhad. The film is looking to be one of the best adaptation of the people who are self-employed.

Shreelancer, a 98-minute feature film is the contemporary take on the life of a freelancer in today’s India. Shreelancer follows Arjun Radhakrishnan (Shree), a Bangalore based mid 20's freelance copywriter who is battling with nagging self-doubts about his artistic abilities. Shree belongs to a Maharashtrian family from Belgaum. He does ads for small time ad agencies, but is quite frustrated that the world doesn't seem to understand or respect freelancers. Unable to concentrate at home, he visits various cafes to find his peace and works from there. Addicted to his cellphone and the social media, Shree's worldview is shaped by what he reads online, not having traveled much in the "real" world. As fate would have it, Shree gets an invitation to attend an all-expenses paid trip to a college friend's wedding. And life as he knows it will never be the same again for Shree. The film highlights the journey of a freelancer, despite having a flexible schedule, they work on deadlines, love to take up all jobs and seldom say “No” to any assignment.

Shreelancer had its World Film Festival Premiere at the prestigious New York Indian Film Festival (NYIFF) in May 2017 where it was nominated in the best screenplay category. The film will next screen at the Blue Whiskey International Film Festival on the 8th August 2017 where it has been selected in the competition category. Apart from this, Sandeep Mohan has conducted 30 screenings at spaces like Cafes, Pubs, Office Spaces, Coworker Spaces, Colleges, Homes, Art Galleries, etc. and convert them into

mini-theatres for the duration of the film. Sandeep conducts this screening under what he calls the "The Great Indian Travelling Cinema" experiment.


          Swipe launches KONNECT at Rs. 4,999 Exclusively on Snapdeal        

by Shrutee K/DNS 

India, 4th August 2017: Swipe Technologies, India’s leading mobile internet technology company, is all set to unveil brand new member in its popular KONNECT Series - Swipe KONNECT Power.  The slim and sturdy smartphone sports 5” HD IPS display and boasts enormous 3000 mAh battery.  The compelling feature rich Swipe KONNECT Power is competitively priced at Rs. 4,999 only. It will be available exclusively on Snapdeal from 7th August 2017.

Swipe KONNECT Power is driven by a powerful 1.5GHz quad core processor that runs on Android 6.0 OS for lag-free multi-tasking smartphone experience. It comes with 2 GB RAM plus 16 GB internal memory, expandable up to 32 GB and OTG support enhances the storage options. The new 4G VoLTE-ready KONNECT Power features 5” HD IPS display that allows users to enjoy cleaner & sharper visuals at the highest resolution. Besides, this device has a very sleek body that makes the phone very stylish in its looks. That’s not all. For the photography enthusiast, KONNECT Power comes with 8MP Rear Camera and 5MP Front Camera. The camera app also comes with lots of features to enhance the photography. The new phone gives an extended company to the user with its 3000 mAh battery, which is installed keeping in mind the daily lifestyle and usage patterns of young smartphone users.  Commenting on the launch of KONNECT Power, Mr. Shripal Gandhi, Founder and CEO of Swipe Technologies said: “Fulfilling aspirations of demanding Indians at affordable price is what differentiates Swipe from other smartphone players.  Our latest creation is yet another affordable device under the KONNECT series – KONNECT Power. It is designed for the aspiring youth of the country who requires long lasting battery that too with 2GB RAM yet the phone is light on pocket.”
Vishal Chadha, Sr.Vice President – Business said: “As part of our commitment to the vision of Digital India, we are keen to bring our consumers access to compelling technology products at great value. With Swipe Konnect Power, we are confident that this newest exclusive addition to our smartphone assortment will be well received by our customers”
Swipe KONNECT Power comes with a gorgeous design, and it has a smoother touch experience as well as comfortable grip. Customers will be able to enjoy a greater multimedia experience, as they can capture stunning photos and videos in virtually any lighting condition.
About Swipe Technologies:
Swipe Technologies is an innovation-centric mobility solutions company, having started its operations in July 2012. Within a short span of time, Swipe has become the leading tablet and Smartphone maker in India.   Swipe was started with an aim to bring exciting devices in the growing Indian market and today, it is the leading consumer brand with key innovations across products, pricing and customer support. Founded by technocrat Mr. Shripal Gandhi, Swipe raised $5 million in May 2014 from the Venture Capital firm Kalaari Capital. In the last three years, Swipe has won a number of accolades including the “Top 50 Inspiring Entrepreneurs of India” by The Economic Times, the “Most Innovation-driven Company in India” by World Brand Congress, and the “Most Innovative Start-up” by Franchise India, the “Best Integrated Campaign” by the World Brand and Congress& the “Best Youth Brand Tablet” by CNBC. Also, Swipe’s young founder Mr. Shripal Gandhi has been recognized as the “CNBC Young Turks” for his breakthrough strategies and innovation in the field of mobile communication technologies. For details, logon to www.justswipe.com

          ASIA’S LARGEST FILM MAKING CHALLENGE INDIA FILM PROJECT CALLS FOR ENTRIES        

 
by Shrutee K/DNS 
Mumbai: Asia’s largest content creation festival, India Film Project that encourages people to create video content will enter into its seventh edition this year. India Film Project invites entries from all the film enthusiasts who love making films from across the globe for all their competitive sections with 31st August’2017 as a closing date.

India Film Project which is one of the rare platforms focused at content creation rather than content consumption will be held in Mumbai. Currently a daylong event, India Film Project will be conducted for two days hosting conversations with 50+ celebs, workshops and masterclasses, curated video screenings amongst others. The festival, this year, will be held on 30th September’17 and 1stOctober’17 at NSCI, Worli, and tentatively attended by over 60,000 film enthusiasts from across India.

Participants can enter into the following categories:

The Best of Digital category where participants can enter their already created work under the sections like short films, music videos, ads and brand films, corporate videos, food and travel videos, wedding and celebration videos, animation and motion graphics, web sketches and web series. Best of Digital awards bestows a chance to the content creators to compete with the best ones on the web. This is the first time the best in digital category has been introduced at India Film Project. Currently, there are no other awards and recognitions for digital videos in India.

Poster Redesign Compete in association with The Souled Store that encourages participants to design a movie poster and compete with some of India’s leading designers. The top posters will be exhibited at the festival and even bought by the audience offline and online.

Scriptwriting competition in association with Terribly Tiny Tales

For the first time ever, the festival bring to you a competition between the scripts from across the globe where one can stand a chance to present their story to some of the best scriptwriters of country and get talent recognized. Narrate your story in your own words around the theme “over the edge”.

50 Hour Filmmaking: India Film Project’s flagship competition which will battle it out with more than 30,000 filmmakers from 300+ cities to show your filmmaking skills in a duration of just 50 hours – Sep 15 to Sep 17. Teams can choose any one category to participate – Professional, Amateur or Mobile. The theme will be revealed at the beginning of 50 hours. The Last date to register 14th September’17.


          U Mumba announces sale of tickets for Home Leg of Season 5 of VIVO Pro Kabaddi League         
by Shrutee K/DNS

Mumbai: Hosting their home leg at the Dome @ National Sports Club of India (NSCI), SVP stadium in Mumbai between the 25th and 31st of August 2017, U Mumba announced the start of their sale for tickets and offers on ticketing partner websites paytm.com and insider.in. The home leg will be the fifth of VIVO Pro Kabaddi League, that will extend into the last week of October.  

The VVIP tickets are priced at INR 7,000, while the VIP tickets are priced at INR 5,500. Both the VVIP and VIP tickets include refreshments and the seating surrounds the playing area.

In the General Stand, tickets for Section 2 are available at INR 1,000 and Section 3 and INR 800. U Mumba fans have a lot to cheer about with the team reducing prices of tickets in the General Stands by 25%.

With tickets now available for sale online, fans can avail attractive discounts on Season Passes, Weekend Passes and Weekday Passes.

Season Passes (for all 6 match days) and Weekday Passes (for games on Tuesday, Wednesday and Thursday) are available at a 25% discount.

The Weekend Pass (for games on Friday, Saturday and Sunday) are available at 10% discount.
In an offer exclusive to the student community, students aged under 21 years, are entitled to a 35% discount on Section 3 tickets. These can be purchased online and collected at the Box-Office on displaying their Student ID.
NSCI members can avail a special discount of 10% at the Box Office by displaying their membership cards.
“With 6 games, we’ll have an entire week of Kabaddi in Mumbai city and this is a real treat for our fans, especially given the exciting line-up of matches scheduled. Further, with the Ganesh Festival coinciding with our home leg, we look forward to celebrating the festival together with all our fans,” commented U Sports CEO Supratik Sen.

The Dome @ NSCI, SVP stadium will play host to the extended league for 6 days this season with U Mumba taking on the Jaipur Pink Panthers in the first encounter followed by the Maharashtra Derby on the second night with their weekend ending with a match against Dabang Delhi. Post their Rest Day on Monday, U Mumba will face debutants Gujarat Fortunegiants and Haryana Steelers on Tuesday and Wednesday respectively and close their home leg with a match against the Jaipur Pink Panthers again.

All matches start at 8:00 PM and Gates Open at 6:00 PM on match days.


          The Invisible Belt Invisibelt        
No more unflattering bulge from bulky belt buckles! This flat, undetectable and adjustable belt instantly gives you a sleeker, slimmer look.

I saw this on the MSN homepage. It is a clear plastic belt, similar to lingerie straps, which has a flat hook instead of a buckle. It holds up your jeans or pants, but doesn't make that "buckle bump" which shows under tops worn untucked.

No more unflattering bulge from bulky belt buckles! This flat, undetectable and adjustable belt instantly gives you a sleeker, slimmer look!

You know when you buy a pair of jeans that are just a little too big on the waist? Running to the tailor is a major time and money drain, and wearing an ordinary belt (ugh, that bulky buckle!) won't work either.

Think about it, do you really want to put your favorite fitted top over the dreaded buckle bulge? We didn't -- so we invented the Invisibelt -- a smooth, undetectable belt with a flat clasp.

Nicknamed the No Buckle Belt by its fans, the Invisibelt will help you look slim, finished and fabulous all day. It's genius! An ideal functional, fashion accessory with adjustable plastic belt with a flat clasp belt instead of a belt buckle. Plastic band, width is 7/8 inches. Naked is clear; Noir is black (a sexy patent sheen)

One woman received the invisibelt in the mail a few days ago. She decided to give it a tough few days' wear before she reported it either way.

So far it seemed to be doing a good job. It comes with instructions on how to adjust its length that makes it sound like it could be easily be stretched if pulled the wrong way, but so far it seemed to be holding up well. The clasp is plastic but easy to use, and it isn't bumpy at all.
Oliver Allen
http://invisibelt.blogspot.com/
          Gli infiniti possibili di Giorgio Sollazzi, musicista        
All'epoca ero molto ingenuo e molto presuntuoso e pensavo di poter scrivere “recensioni” di grandi opere musicali del passato. Le pubblicavo su un sito commerciale (che esiste ancora oggi). Quando mi venivano bene, erano “schede" molto pedantesche, contenenti le stesse informazioni che si possono trovare su una qualsiasi garzantina. Infatti, qualche anno dopo, quando Wikipedia arrivò in Italia, smisi di farmi sfruttare dal sito commerciale e trovai quella che probabilmente è la mia vera vocazione internettiana.

Ad ogni modo fu sul sito commerciale che conobbi Giorgio Sollazzi. Anche lui scriveva recensioni. Con la prima, importante differenza che lui è musicista, e quindi sa di cosa scrive, e con una seconda differenza: le sue recensioni erano avvincenti, estrose, godibilissime, anche e soprattutto quando sembrava che non avessero nulla a che fare col brano musicale che - in teoria - ne costituiva l'oggetto. Le recensioni di Giorgio non parlavano precisamente né del brano musicale “in sé”, né della sua ricezione da parte dell'ascoltatore-recensore. Si situavano, piuttosto, in qualche punto lungo la relazione fra questi due elementi, come un acrobata in equilibrio su un filo, o come uno dei fuochi di due specchi parabolici contrapposti. Non per niente “mirrors” (con la m minuscola) era il nickname che Giorgio si era scelto.

A un certo punto Giorgio uscì dal sito e cancellò il suo account. Dev'essere per questo che, cercando ora qualcuna delle meravigliose recensioni di mirrors, non ne trovo nessuna. Qualche tempo dopo si iscrisse nuovamente con un altro nickname e cominciò a pubblicare recensioni di forma più tradizionale, ma sempre molto belle, come ad esempio questa, sulla settima di Beethoven.

L'interpretazione verbale di un brano musicale è sempre un grosso azzardo. "Scrivere di musica è come ballare di architettura", diceva Frank Zappa. Le descrizioni che amo di più sono quelle di musiche inesistenti, come la sonata di Vinteuil in Proust o le composizioni immaginate da Thomas Mann nel Doktor Faustus. Proust mescolava genialmente le carte, inventandosi una sonata per violino e pianoforte che prendeva un po' dalla Sonata in re minore di César Franck, un po' da un quintetto di Saint-Saëns, senza essere né l'una né l'altro; in piena coerenza, d'altronde, con la sua estetica, dove non esistono "descrizioni" "realistiche" del "mondo esterno". Quanto a Mann, Arnold Schönberg s'inalberò quando seppe che la sua musica aveva ispirato quella del romanzo, al punto da pretendere una smentita da parte dello scrittore. E dal suo punto di vista Schönberg aveva anche ragione, in quanto Mann interpretava la dodecafonia come un fenomeno di dissoluzione morale, che era quanto di più lontano dagli intenti del severo musicista.

Ma anche divagare è un'arte, che a me non riesce: ci provo inutilmente, per poi subito ricadere nel mio solito modo di scrivere pedestre e nozionistico. Dunque, meglio rimanere on topic e parlare di Giorgio Sollazzi. Ecco: quando lo conobbi, non attraversavo quello che si dice un buon periodo. Mi ero laureato, avevo fatto il servizio civile, abitavo a casa dei miei in provincia, lontanissimo dall'università e dai miei amici di laggiù. Gli altri miei amici, quelli del liceo, erano sparsi in giro per l'Italia. Facevo pratica in uno studio legale. Ero, in sostanza, disoccupato, e mi sentivo terribilmente solo e senza prospettive. L'amicizia epistolare con Giorgio mi aiutò a tenermi in piedi. Ci scambiavamo commenti e messaggi sul sito commerciale (che fungeva anche un po' da social network), email, ma anche lettere cartacee: ricordo un plico meraviglioso che egli mi spedì con un CD che aveva masterizzato per me. Dentro c'erano un brano di Stockhausen, Il canto sospeso di Nono, un coro dal Trovatore, e non ricordo cos'altro.

A quel tempo Internet non aveva ancora stravolto la distribuzione della musica. C'era Napster, ma con le connessioni lente di allora non è che si riuscisse a scaricare granché. Per ascoltare musica bisognava ancora affidarsi alla radio, oppure ordinare il disco al negozio e aspettare che arrivasse. C'era poi una circolazione semiclandestina di audiocassette duplicate artigianalmente, che passavano di mano in mano come samizdat. Tutta una dimensione romantica, di scoperta, che si è persa dal momento in cui è bastato digitare un nome su un motore di ricerca per avere subito a disposizione l'intera produzione di qualsiasi musicista antico o contemporaneo.

Poco tempo fa ho chiesto a Giorgio se, come musicista, non si sentisse stimolato da questa odierna vasta disponibilità di musiche, e come mai ciò non lo inducesse a scrivere in una tale, enorme varietà di stili e di linguaggi: oggi un brano dodecafonico, domani uno pop, dopodomani uno free jazz, e via dicendo. Non ricordo esattamente il tenore della mia domanda - che comunque era piuttosto stupida, si capisce. Ricordo invece perfettamente la replica di Giorgio: fare come gli suggerivo io - mi ha risposto - avrebbe forse aumentato il suo tasso di libertà ma avrebbe diminuito il tasso di scelta.

In uno dei suoi romanzi, Nicola Lagioia offre alcune riflessioni molto interessanti a proposito del ritrovare sui social network i propri amici di gioventù. Queste amicizie del mondo reale divenute poi virtuali - osserva Lagioia - hanno una strana consistenza umbratile. Simile a quella degli spiriti nell'undicesimo libro dell'Odissea (o nel sesto dell'Eneide), aggiungerei io. Colpa del mezzo, evidentemente, e non dell'amicizia in sé - ma questo è un altro discorso.

Conosco Giorgio da sedici anni e non ci siamo mai incontrati di persona: solo via Internet, e qualche volta per telefono. Però non ho mai avvertito come un limite la virtualità della nostra amicizia. Forse perché nel suo caso manca il confronto con l'immagine mnemonica della persona reale, o forse per il felice paradosso che Giorgio riesce a realizzare nelle sue comunicazioni virtuali, allo stesso tempo lievi e intense.

Sto pensando che “lieve” e “intenso” potrebbero essere i due primi aggettivi che mi vengono in mente ascoltando la musica di Giorgio. Mi rendo conto che come contributo critico è parecchio inadeguato, ma ho già detto che non sono del mestiere. Giorgio ha esposto la sua poetica (o almeno, una delle sue poetiche) in uno scritto che potete trovare qui.

In questo saggio, Giorgio prende le mosse dal personaggio di Amleto (con annesso spettro del re di Danimarca?) per proporre una sua complessa concezione della composizione, come “apparizione” o “evocazione” di “potenziali”. 

Shakespeare era un altro interesse che ci univa quando scrivevamo sul sito commerciale. Giorgio ha molto riflettuto, e qualcosa ha anche scritto, sia in prosa sia in musica, sulla figura di Amleto.


Quanto a me, partendo dalla constatazione che su Internet in italiano c'era ancora poco materiale sull'argomento, mi ero messo in testa di compilare e mettere on line una "recensione" per ciascuno dei drammi del Bardo. Tanto ero sprovveduto, a quell'epoca.

Più tardi abbandonai l'insano progetto, assieme alle mie velleità di anglista, e praticamente smisi di leggere Shakespeare. Oggi amo recarmi, di quando in quando, a visitare l'abbazia cistercense di Morimondo. Questo non c'entra nulla con quanto ho detto finora. Però nell'abbazia c'è un bel coro ligneo di epoca rinascimentale.

Ogni volta che lo vedo recito mentalmente la prima quartina del Sonetto LXXIII.

La migliore traduzione italiana è quella di Ungaretti:

"Quel tempo in me vedere puoi dell'anno
Quando già niuna foglia, o rara gialla in sospeso, rimane
Ai rami che affrontando il freddo tremano,
Cori spogliati rovinati dove gli uccelli cantarono, dolci".

Di solito i commentatori sottolineano il senso di desolazione che promana da quei bare ruin'd choirs, vuoti, semidistrutti e muti. Sta di fatto che Shakespeare, mentre ce li descrive, riesce in qualche modo a farcene riascoltare il suono. Forse questa è una delle cose che il poeta vuole dirci: la memoria, aiutata dall'arte, può riuscire ad evocare la musica di un coro assente.














          Tifiamo Scaramouche!        
Tifiamo Scaramouche è una raccolta di racconti in quattro volumi che possono essere scaricati liberamente in formato PDF dal sito dei Wu Ming. Si tratta di una fan fiction derivante da L'armata dei sonnambuli, l'ultimo romanzo storico del collettivo uscito nel 2014.

A curare la raccolta è stato Simone Scaffidi L. Da un'idea di: Pietro Pace, Mauro Vanetti e Alessandro Villari (Avvocato Laser). Il progetto grafico e l'impaginazione si devono a Franco Berteni (Mr Mill) e Simone Scaffidi L. La copertina e le illustrazioni sono di Alessandro Caligaris e Francesca Sibona.

Qui di seguito, ecco il mio contributo, pubblicato nel terzo volume della raccolta. Buona lettura.


Il flauto tradito
Parigi, 1801

1.

A suo modo, Ludwig Wenzel Lachnith era un uomo generoso. La sera del 20 agosto 1801, dopo la trionfale prima della sua opera I misteri d'Iside al Teatro della Repubblica, il compositore offrì la cena all'intera troupe, comparse e suggeritore compresi.
Benché relegate al tavolo meno prestigioso dell'ampia sala del ristorante, le due comparse Léo Modonnet e Emanuele Gizzio potevano udire facilmente i discorsi del tavolo principale, quello dove sedeva Lachnith assieme al manager del teatro, al librettista Étienne Morel de Chédeville e ai cantanti protagonisti. Per meglio dire, potevano udire il monologo del torrenziale musicista boemo, la cui voce sopravanzava quelle di tutti gli altri.
«Eh sì, caro Chédeville! Il buon Mozart aveva del talento, questo nessuno lo vorrà negare; ma aveva anche un'esecrabile tendenza al lambiccato, all'insolito... In una parola: troppa complicazione! Oggigiorno il pubblico non ne vuole sapere di una musica che sia troppo difficile. La gente vuole ariette semplici, presentate con garbo, che tocchino il cuore senza affaticare il cervello. Prendete il Don Giovanni: quante graziose melodie! Parola mia, credo che abbiamo fatto bene a prenderne una in prestito, per il nostro terzetto. Tuttavia, andiamo... La scena con la statua nel finale secondo... Chi può sopportare una tale rombante cacofonia? Pensate solo questo: in quattro battute, quel povero basso deve cantare tutte e dodici le note della scala cromatica. Sapete? Un mio amico italiano, galantuomo e compositore eminente, mi parlava tempo fa con orrore di un certo quartetto per archi, dove Mozart ha accumulato tante di quelle dissonanze da creare un ripugnante caos, direi quasi un giacobinismo sonoro, dove va completamente perso ogni giusto criterio di gerarchia tra le sette note... Di proposito dico sette, non dodici; giacché nessuno, a meno che il suo orecchio non sia guastato dalla musica per tastiera, crederà mai che un re diesis possa essere uguale a un mi bemolle... Anzi: un re è sempre un re, come dicono in Italia, non è vero?».
«Ma va' curcati, buffuni!» commentò Gizzio a mezza voce.
«Perciò, quando mi fu proposto di allestire per le nostre scene Il Flauto magico, la prima cosa che pensai fu: sta bene; ma, per carità, sfrondiamo! Semplifichiamo!
Smussiamo le asperità del testo! Rendiamo il tutto più comprensibile, più adatto alle orecchie del nostro pubblico. Più elegante, anche. E l'esito così radioso di questa serata ha dimostrato che avevamo avuto pienamente ragione. Prima di tutto: i nomi. Tutti quei Tamino, Papageno e Papagena del testo originale, così goffi e plebei, noi li abbiamo cambiati nei molto più raffinati Isménor, Bochoris e Mona...».
Modonnet rise.
«Non voglio parlare della parte musicale. Ho dovuto lavorare parecchio di forbici e d'ingegno per dare una veste accettabile alla barbarica partitura. Ma, per quanto riguarda il vostro lavoro, Chédeville, potete andare orgoglioso di avere addolcito il carattere di quella terribile regina della notte. Certo, l'aria del secondo atto l'abbiamo dovuta proprio espungere: a parte che è impossibile da cantare, ma quel testo “der hölle Rache kocht in meinem Herzen...”, “vendetta infernale sento nel mio petto”... Ahimè! Una gentile e amabile donzella come voi, signorina Maillard, avrebbe dovuto intonare tali parole? Per carità! Abbiamo già sofferto abbastanza, qualche anno fa, con quella spaventosa Medea di Cherubini. Basta, basta! I personaggi femminili, a teatro, devono rassicurare, non inquietare! Belle fanciulle, mogli e madri esemplari: questo vuole il nostro distinto pubblico. Perché la gente, la sera, vuole distrarsi dai traffici quotidiani del commercio e della Borsa, e trovare sollievo dalle cure dello Stato. Dirò di più: nell'epoca moderna la gente vuole vivere il proprio tempo come un affascinante, mutevole, infinito spettacolo. In una parola, vuole divertirsi. Il nostro compito è di farli divertire. E questa sera ci siamo riusciti; possiamo affermarlo con fierezza. Brindiamo!».

2.

Erano passate le quattro del mattino quando Modonnet e Gizzio ritornavano al foborgo Sant'Antonio. Davanti alle botteghe dei fornai c'erano già le prime code. I volti e i discorsi delle persone in fila per il pane manifestavano stanchezza, frustrazione, rabbia.
«Quattordici soldi per quattro libbre di pane! Così non si può andare avanti».
«Uno schifo, altro che!».
«Bonaparte non sta facendo un cazzo».
«Sbagli, cittadina. Bonaparte sta facendo parecchio. Solo, non per noialtri».
«Per i grandi proprietari. Per i nobili, gli speculatori, i fornitori dell'esercito e i finanzieri. Per quei merdosi, ecco per chi sta lavorando il Primo console...».
Gizzio sembrava ancora più taciturno del solito. Per tutto il cammino dal centro al foborgo, dove lui e Modonnet abitavano, disse a malapena due parole, eccettuate le strane bestemmie che ogni tanto sputava tra i denti.
«Toglimi una curiosità» gli chiese alla fine Modonnet mentre stavano per arrivare a casa. «Al tuo paese è normale invocare con tanta frequenza la ghigliottina su Gesù Cristo, sulla Madonna e su tutti i santi, come fai tu?».
Gizzio rise amaramente: «Lo facciamo di continuo. Tutti, anche i bambini e i preti. Vieni a vivere un mese dalle mie parti, e capirai».
«Non mi ricordo mai come si chiama la tua città».
«Io stesso vorrei non ricordarmene. Comunque, non è una città: è un villaggio di poche anime sperduto nell'Aspromonte. Ammesso che esista ancora. Non ho sue notizie da due anni, cioè da quando sono venuto qui a Parigi».
Era il discorso più lungo che Modonnet gli avesse mai udito fare.
«Ma no» proseguì Gizzio, come parlando fra sé. «Giudico troppo severamente i miei compaesani. In fondo, nessuno di loro si è arruolato nell'Armata cristiana e reale». Gizzio pronunciò queste ultime parole con una smorfia di disgusto.
«Ne ho sentito parlare» commentò Modonnet. «Le bande del cardinale Ruffo, non è vero? Una specie di Vandea...».
«Molto peggio. I vandeani, almeno, sapevano per cosa combattevano; i sanfedisti invece si sono solo fatti affascinare dai feudatari e dai preti. Hanno avuto quello che si meritavano. Li aspettano altri due o tre secoli di dispotismo e di miseria. E ti dico la verità: penso che anche qui, in Francia, andrà a finire allo stesso modo. Te lo concedo: finora il popolo di Parigi si è comportato bene, specialmente i tuoi compagni del foborgo Sant'Antonio. Ma quanto ancora potranno resistere? I contadini francesi non sono affatto
più intelligenti di quelli del Regno di Napoli; nelle campagne già da tempo monta la reazione. Gente che cerca solo un padrone cui obbedire; e in buona parte l'ha già trovato. E allora non chiedermi perché bestemmio, Léo: mi è rimasto solo questo, mannaia lu signuri!».
«Ho sempre apprezzato il tuo ottimismo, cittadino Gizzio!» concluse Modonnet.

3.

Uno dei vantaggi del mestiere teatrale è che permette di dormire sino a tardi; quando si ha un tetto sotto cui ripararsi, naturalmente. Léo Modonnet, per ora, l'aveva; ma quella mattina dormì lo stesso un sonno assai inquieto. Verso mezzogiorno, poco prima di svegliarsi, fece uno dei sogni più enigmatici della sua vita.
Era un sogno musicale. Modonnet udiva con una chiarezza allucinatoria una breve melodia, gentile e saltellante, in uno stile antiquato, suonata da una piccola orchestra. Poi, lo stesso tema, ma eseguito da un'orchestra molto più grande, con accenti molto più imperiosi e con una chiusa cromatica vagamente minacciosa. A questo punto appariva uno strano ometto, che si esprimeva con un forte accento tedesco. «Ogni vero artista, mein Freund, è anche uno Zauberer – un mago –, sì. Può capitargli di prevedere un futuro imprevedibile. Cosa, o chi, aveva in mente Rousseau quando, riferendosi alla Corsica, scriveva: “ho il vago presentimento che un giorno questa piccola isola stupirà l'Europa”? E quel ragazzino di dodici anni, che un giorno nel mio giardino mise in scena il suo Bastien und Bastienne – come poté presentire che un giorno la volontà generale sarebbe stata manipolata e circuita da un tiranno? Eppure, mein Freund, la storia non è mai un copione già scritto, così come una partitura non è mai immodificabile. E quando ci si accorge che la pagina è guasta, rimane sempre una soluzione: strapparla».
Modonnet si svegliò frastornato e con un forte mal di testa. Senza sapere bene perché, la prima cosa che fece fu aprire il suo baule per cercarvi un involto. Dentro c'erano una maschera nera, un mantello e un bastone dal manico lucente.
Quella notte, Ludwig Wenzel Lachnith, davanti al portone di casa sua, mentre frugava un po' alticcio nelle tasche del suo soprabito per cercare la chiave, notò una scritta di colore rosso fosforescente sul muro proprio accanto alla porta:

RACHE

Prima che avesse il tempo di chiedersi cosa stava succedendo, avvertì il brivido freddo di una lama proprio sotto il mento, e udì alle sue spalle una voce altrettanto metallica e tagliente: «Cittadino musicista, vogliate cortesemente condurmi nel vostro studio».
«Come volete, amico mio» diceva Lachnith mentre saliva le scale, tallonato da Scaramouche. «Non c'è bisogno di tutta questa commedia... vi ho riconosciuto, sapete?».
«Merda» pensò Modonnet.
«Eravate con me a cena ieri sera. Ammetto che il ruolo che vi è stato assegnato nell'ultima produzione è al di sotto delle vostre capacità attoriali; ma tenete conto che si tratta di un'opera, e che Voi non sapete cantare. Ho delle conoscenze, e posso farvi ottenere una buona scrittura per la prossima stagione di prosa... però, immagino che vogliate un risarcimento più immediato, e in contanti».
Erano intanto entrati nello studio del compositore.
«Immaginate male» disse Scaramouche. «Voglio solo porre rimedio a uno dei più insensati e odiosi crimini contro il buon gusto e il buon senso che si possano citare nella storia dell'arte musicale. Voglio cancellare la macchia con cui voi avete insudiciato la memoria di un grande musicista. Voglio che mi diate la partitura originale di quello scempio chiamato I misteri d'Iside».
«Eccola». Lachnith sollevò un manoscritto dal ripiano della sua scrivania e lo consegnò a Scaramouche: «Cosa ve ne farete, adesso?».
«Non lo so ancora. La strapperò in mille pezzi e la getterò nella Senna. Oppure ne attaccherò i fogli ai muri di Parigi per denunciare la vostra cialtroneria».
Lachnith rise: «Vedo che siete un idealista. Forse non vi siete accorto che i tempi sono cambiati e che la rivoluzione è finita. Permettetemi di darvi un consiglio: perché non ve ne tornate in Italia? Laggiù c'è ancora da fare per le teste calde come voi. Già che ci siete, portate con voi quel musone del vostro amico, e ditegli che non è colpa nostra se i giacobini napoletani erano degli imbecilli... se avessero dato subito la terra ai contadini, anziché perdere tempo in chiacchiere, le cose sarebbero andate molto diversamente».
«Ce ne ricorderemo per la prossima rivoluzione» disse Scaramouche.

Nota bibliografica

Questo racconto deve molto al primo capitolo del libro di Augusto Illuminati Gli inganni di Sarastro, Einaudi, Torino 1980, che indaga – sia pure con qualche eccessivo schematismo – le relazioni fra la teoria politica di Rousseau, le scoperte di Franz Anton Mesmer, il Bastien und Bastienne – la cui prima rappresentazione si dice abbia avuto luogo nel giardino della casa di Mesmer a Vienna – e Il flauto magico di Mozart.
Hector Berlioz nelle sue Memorie critica con estrema durezza l'adattamento molto libero de Il Flauto Magico realizzato da Lachnith sotto il titolo de Les mystères d'Isis. Il testo originale delle Mémoires di Berlioz (Parigi 1865) è facilmente reperibile in Internet.
Sulle critiche rivolte a Mozart dal musicista suo contemporaneo Giuseppe Sarti si veda il saggio Sarti contro Mozart di Massimo Mila, ora in M. Mila, Mozart. Saggi 1941-1987, Einaudi, Torino 2006, pp. 332-58.
La sorprendente identità fra il tema iniziale dell'ouverture del Bastien und Bastienne e l'inizio della Terza Sinfonia di Beethoven è, secondo Hermann Abert – citato da Wolfgang Hildesheimer nella sua nota biografia mozartiana –, una pura coincidenza. Com'è noto, Beethoven intendeva intitolare la sinfonia a Napoleone Bonaparte; secondo la tradizione, il musicista strappò la dedica quando seppe che Napoleone si era fatto incoronare imperatore.
Il parallelo fra Napoleone Bonaparte e il Sarastro di Mozart/Lachnith si trova in Jean Tulard, Napoleone. Il mito del salvatore, Rusconi, Milano 1980, p. 9. Alle pp. 183-85 dello stesso libro si parla della crisi alimentare in Francia fra la primavera del 1801 e il 1802.
Le idee esposte qui da Lachnith sulla modernità come spettacolo e sulla “gente” che si vuole divertire derivano in realtà dal libro di Alessandro Baricco L'anima di Hegel e le mucche del Wisconsin, Feltrinelli, Milano 2009.


          1994        

From: "scrittore della domenica" <scritdom72@unimi.it>
To: "lorenzo" <Lrnz73@unipi.it>
Date sent: Mon, 14 Feb 1994 12:09:05
Subject: Eccomi

Mannaggia a te! Che c'era di male nelle lettere cartacee? Signornò. "Dai, mandami un'e-mail! E' facile, divertente, vedrai!". - Intanto ho dovuto iscrivermi al laboratorio d'informatica di questa cavolo di università, dove bisogna fare domanda in carta bollata anche per un caffè al bar. Poi, io il computer manco lo so usare. A quest'ora dovrei essere in sala studio a preparare l'esame di diritto privato comparato (capirai); invece sto qua ad arrovellarmi con tastiera e mouse.

Va beh. Ti scrivo per questo: devi assolutamente registrarmi un po' di cassette di musica rock. Hai presente? Quella che tu hai sempre detto che io la snobbo. Specialmente, quanto più progressive anni '70 riesci a procurarmi. Non so, gli Yes, i Genesis, i King Crimson, quella roba là. E poi il grunge. Non i Nirvana, ché onestamente non li reggo: Smashing Pumpkins, Pearl Jam, Soundgarden. E magari della musica da discoteca, però di un certo livello. E ci sarebbe un pezzo di un gruppo inglese che mi ossessiona, si chiama... ce l'ho sulla punta della lingua. Basta, appena mi ricordo il titolo te lo dico.

No, non sono impazzito. E' che ho conosciuto una ragazza molto simpatica che ha questi gusti musicali. Anche molto bella, a dire la verità. Anzi, la sola cosa che le vorrei dire è proprio questa: che la trovo bellissima. Ma, tu mi conosci; non c'è verso; se provo ad affrontare l'argomento, ammutolisco senza rimedio. Così mi servono urgentemente altri argomenti di conversazione. Lei studia inglese, e fin qui posso arrangiarmi. L'ho anche accompagnata a lezione, ho studiato i suoi appunti. Sai? Sto diventando, credo, il massimo esperto di T. S. Eliot di tutto il basso Ionio reggino. Quest'estate, se non altro, potrò esibirmi nei locali sul lungomare recitando The Waste Land a memoria.

Ma tutto questo non basta. Prima o poi dovrò trovare il coraggio di invitarla a uscire una sera, che so, ad un concerto, o addirittura (non ridere) a ballare. Perché ho capito che alle matinée in Conservatorio lei non ci viene. Ebbene, è qui che subentri tu. Devi aiutarmi ad andare oltre Beethoven. Ripeto, procurami del rock, perché mi serve come il pane!

Attendo tue notizie, stammi bene.

P.S. Mi sono ricordato il titolo di quella canzone: Creep, dei Radiohead.


From: "scrittore della domenica" <scritdom72@unimi.it>
To: "lorenzo" <Lrnz73@unipi.it>
Date sent: Mon, 21 Mar 1994 15:31:22
Subject: Re: Re: Eccomi

Grandi novità! Abbiamo occupato. Ora la nostra casa dello studente è Pensionato Universitario Occupato Autogestito. L'abbiamo deciso venerdì sera, al termine di un'agitata assemblea sugli ultimi aumenti delle rette e della mensa. Io mi sono aggiudicato la gran parte dei turni di notte in portineria: sia per evitare i turni di pulizia, sia perché mi piace fare le ore piccole e perché durante l'occupazione c'è un bel clima. Si parla, si beve, si fuma tabacco e non solo: effettivamente, non sto studiando granché. Però mi diverto.

Ieri, per esempio, verso la mezzanotte la situazione comprendeva una bottiglia di mirto, uno stereo, sei-sette persone fra cui Alice (la ragazza di cui ti ho parlato nella mia ultima lettera) e me. Il guaio è che dopo un'oretta loro sono usciti, per andare credo in discoteca, mentre io dovevo rimanere per continuare il turno; ma mi hanno lasciato la bottiglia, d'altronde semivuota, e lo stereo. O forse due bottiglie e due sterei, a quel punto non capivo più bene. Sono riuscito, in qualche modo, a togliere la cassetta dei Rage Against The Machine e a mettere su il Lamento d'Arianna di Monteverdi, che in quel momento era anche più adatto.

A proposito: mi hai registrato le cassette che ti ho chiesto? Se scendi anche tu in Calabria per le elezioni, tra una settimana me le puoi dare. Ma l'hai visto quel pagliaccio miliardario? E pensa che magari qualcuno lo voterà anche. Viviamo in un paese meraviglioso.


From: "scrittore della domenica" <scritdom72@unimi.it>
To: "lorenzo" <Lrnz73@unipi.it>
Date sent: Fri, 15 Apr 1994, 16:05:30
Subject: buona notte al secchio

La sai una cosa? Tre anni fa, dopo il diploma, commisi un solo errore.

Allo sportello della stazione chiesi un biglietto per Milano. Sbagliai: avrei dovuto comprare un sola andata per Londra, o per Parigi, o per Berlino.

L'occupazione è finita. L'Ente per il Diritto allo Studio ha promesso che, col nuovo bilancio, ben il 3,75% delle risorse aggiuntive sarà stanziato per porre rimedio ai recenti rincari delle tariffe, compatibilmente con il principio del pareggio contabile.

Insomma: non abbiamo ottenuto un bel niente.

Ho saputo che Alice si è fidanzata. Con uno studente d'ingegneria, milanese da varie generazioni e di ottima famiglia, buon giocatore dilettante di basket. Ha una macchina svedese con doppia alimentazione, benzina verde e gas, perché bisogna proteggere l'ambiente. Un bravissimo ragazzo.

Tutto è perduto. Mentre questa ridicola nazione, consegnatasi ancora volontaria nelle mani di un tirannello squilibrato, si avvia verso il suo triste destino, io ti comunico la mia irrevocabile decisione.

Pongo rimedio al mio errore.

Espatrio.

E basta, con queste e-mail del piffero! Ti farò avere prossimamente il mio nuovo recapito estero.

La sai un'altra cosa? Siamese Dream degli Smashing Pumpkins è molto più noioso della più tediosa sinfonia di Bruckner.


From: "scrittore della domenica" <scritdom72@unimi.it>
To: "lorenzo" <Lrnz73@unipi.it>
Date sent: Tue, 26 Apr 1994 16:28:43
Subject: scherzavo

E niente: all'estero non sono andato.

Ti spiego cos'è successo.

Sai che mi è sempre piaciuto stare sveglio fino a tardi; ultimamente sto esagerando; mi succede spesso di fare l'alba. Da un po' non scendo neanche più in sala studio, per non rischiare d'incontrare Alice. La sera me ne sto tappato in camera, ascoltando Brahms.

Un mio consiglio per i giovani: se abitate in una casa dello studente, cercate di non innamorarvi mai di un'altra persona ospite del pensionato. Soprattutto se non corrisposti.

Bene: domenica notte, mentre studiavo, ho messo su il Tristano. Così, tanto per cambiare. Ma, poco dopo il preludio, ho dovuto spegnere.

Frisch weht der Wind
Der Heimat zu
Mein Irisch Kind,
Wo weilest du?


Mi si è annebbiata la vista, e ho scoperto che avevo finito i kleenex. Ho chiuso il libro. Mi sono alzato dalla sedia e sono andato a lavarmi il viso con l'acqua fredda. Poi sono tornato alla scrivania.

Ho acceso il quinto canale della radio (quello che trasmette solo classica). C'era un brano di avanguardia; una cosa che non conoscevo, una specie di collage sonoro sul tipo di Revolution 9 dei Beatles, hai presente? Folle in tumulto, suoni strani, rumori ambientali, nastri in loop, voci umane che declamano sillabe incomprensibili. Un delirio.

Roba forte! Ho attaccato lo spinotto delle cuffie alla radio e mi sono sparato il brano nelle orecchie, chiudendo gli occhi e reclinando indietro la testa. A un certo punto, dal tappeto sonoro ha cominciato a emergere una voce femminile, che sembrava pronunciare un testo coerente. Dapprima si sentiva sullo sfondo, e non si capiva bene cosa dicesse; qualcosa sul Vietnam. Man mano, la voce diventava sempre più forte, più netta, e veniva sempre più in primo piano. Alla fine, con una presenza sonora impressionante, la voce scandiva, anzi no scolpiva, queste parole: "Rimanete qui, e combattete per la vostra dignità di uomini".

"Avete ascoltato: Luigi Nono, Contrappunto dialettico alla mente", ha detto l'annunciatore.

Ho staccato lo spinotto, ho tolto le cuffie e ho spento la radio.

Ho riconsiderato la mia intenzione di espatriare. Ho pensato: ma non l'ho già fatto? Sono già emigrato. E prima di me mio padre, proprio negli anni in cui Nono componeva quel pezzo.

Quante volte ancora voglio fare le valigie?

Possibile che l'unica soluzione sia quella di scappare sempre più lontano?

L'indomani, 25 aprile, sono andato alla manifestazione. Il concentramento era alle due del pomeriggio; ma mi sono svegliato così tardi che non ho potuto neanche fare colazione. Ho preso un caffè al distributore automatico giù in atrio e sono uscito, in direzione porta Venezia.

Era previsto un corteo molto grande. E' stato immenso. Mai vista tanta gente tutta insieme! E che varietà, quanti colori, che musiche, che allegria! Quanta pioggia, anche: veniva giù a secchiate, per tutta la durata della manifestazione.



Io ero in fondo al corteo, e pensa che non sono neppure riuscito a entrare in piazza Duomo, tanto era gremita! Ho svoltato per piazza Fontana, poi per via Larga. Ho vagato per un pezzo; non so chi o cosa mi aspettassi di trovare, a parte qualcosa da mettere sotto i denti, dato che avevo una fame da lupo.

Mi sono ritrovato, non so come, in piazza Sant'Alessandro, vicino alla facoltà di lingue, che naturalmente era chiusa; c'era però un bar-tavola calda miracolosamente aperto; mi ci sono fiondato dentro.

Ero seduto sul mio sgabello, dando le spalle all'ingresso, e divoravo la mia pizzetta, ovviamente pessima come solo a Milano la sanno fare, quando mi è parso di vedere una sorta di variazione nella luce. Come se avesse improvvisamente smesso di piovere e fosse uscito un sole splendente.

Mi giro, e vedo Alice entrare nel locale e raggiungermi.

Era in tenuta da manifestazione: jeans sdruciti, camicia grunge, niente make-up (lei che di solito è così curata). I lunghi capelli biondi inumiditi dalla pioggia, che intanto continuava a scrosciare.

"Ciao", le dico. "Dov'è il tuo fidanzato?"

"Sciocco", mi ha risposto. "Oggi ci sono cose più importanti", ha detto. "C'è mezza casa dello studente qui fuori: abbiamo fatto uno striscione molto figo, lo andiamo ad attaccare al portone dell'I.S.U. Cosa fai qua, solo come un gufo? Vieni anche tu!"

Non me lo sono fatto dire due volte.

E dunque. Fra un mese ho l'esame di diritto sindacale. Materia interessante, sai? Credo che chiederò la tesi.

Per ora rimango qui.

(Racconto già pubblicato su Evulon. Ogni riferimento a fatti, persone, città, eventi, uomini politici, bar e pizzette della realtà è puramente casuale).
          Giuseppe Genna: Grande madre rossa        
Oggi è il primo di agosto e sono piuttosto insoddisfatto di me stesso in generale e di questo blog in particolare. Vorrei scrivere qualcosa di incisivo e pregnante. Come al solito, non ci riesco. Invece, ho deciso di riciclare una recensione a Grande madre rossa di Giuseppe Genna che scrissi tre anni fa per un sito commerciale e che ripubblico qui di seguito, con minime variazioni. E' brutta, ma se non altro vi trapela un po' di entusiasmo: qualcosa che al momento mi manca.

Che libro è Grande madre rossa? In prima approssimazione, è un thriller. Ma, se incontrate l'autore, non insistete troppo su questa definizione. Tempo fa, Giuseppe Genna dichiarò che avrebbe regalato una copia del Codice da Vinci al primo che gli avesse detto che lui scriveva thriller. Inutile aggiungere che Genna non è precisamente un estimatore di Dan Brown.

Ecco la trama. Una spaventosa esplosione polverizza il Palazzo di Giustizia di Milano, facendo più di mille vittime. L'attentato non è stato rivendicato, ma se ne temono altri e il commissario Guido Lopez della Questura di Milano, sulla traccia dei colpevoli, lotta contro il tempo e forse contro ostacoli e depistaggi dei servizi segreti italiani e di quelli stranieri...

Certo, trattandosi di un thriller, sarebbe delittuoso (appunto) svelare ulteriori dettagli. Non lo farò. Dovete fidarvi della mia parola quando vi dico che il libro l'ho letto per intero e tutto d'un fiato.

Mentre Genna scriveva questo romanzo, vivevo e lavoravo a Milano (tra l'altro abitavo nel quartiere popolare di Calvairate, che Genna conosce bene e di cui spesso parla nei suoi romanzi, compreso questo). Ricordo benissimo la paura, che in quel periodo serpeggiava, di un nuovo e terribile attentato. Infatti, dopo l'11 settembre e dopo la strage della stazione ferroviaria a Madrid, tutti temevano che il prossimo bersaglio dei terroristi sarebbe stato la metropolitana di Milano: la quale, in quegli anni, l'undici di ogni mese risultava stranamente meno affollata rispetto agli altri giorni... Grande madre rossa rende assai bene quel clima di psicosi collettiva.

Ma è veramente un thriller, Grande madre rossa? E' un romanzo di spionaggio, di fantapolitica? E' un romanzo "realistico", qualunque cosa questa parola voglia dire? - Consentitemi di riportare per esteso la nota apposta al suo romanzo da Giuseppe Genna a mo' di premessa.

"Le vicende qui narrate sono finzioni letterarie al 100%. In esse compaiono nomi di persone e circostanze 'reali' in qualità di pure occasioni narrative. I nomi di aziende, strutture istituzionali, media e personaggi politici vengono utilizzati soltanto al fine di denotare figure, immagini e sostanze dei sogni collettivi che sono stati formulati intorno a essi, e si riferiscono quindi a un ambito mitologico che non ha nulla a che vedere con informazioni od opinioni circa la verità storica effettiva degli avvenimenti o delle persone - in vita o scomparse - su cui questo romanzo elabora una pura fantasia."

Attenzione: non si tratta del solito disclaimer messo lì solo per motivi legali (del tipo "ogni riferimento ecc. è del tutto casuale"). In questo romanzo i riferimenti non sono affatto casuali, tuttavia quando Genna usa le espressioni "sogni collettivi", "ambito mitologico" e "pura fantasia" dobbiamo prenderlo sul serio.

Di fatto, Genna dimostra con questo romanzo una eccezionale capacità di giocare con l'inconscio collettivo, di evocare sogni o incubi metropolitani, e di svelare (o forse di creare) archetipi remotissimi e affascinanti. Da questo punto di vista Grande madre rossa è molto più vicino a Lautréamont, ai surrealisti francesi, a William Burroughs, di quanto non lo sia a Grisham o a Ian Fleming.

Ho trovato veramente straordinaria tutta la parte del romanzo ambientata nel Cimitero Monumentale di Milano. Opera architettonica ottocentesca di notevole cattivo gusto, in questo senso equivalente milanese (anche se meno celebre) del Vittoriano di Roma, nonché una delle parti più neglette ed ignorate della città di Milano, nelle pagine di Genna il Cimitero Monumentale diventa genialmente il luogo dell'inconscio e del rimosso ove risiede la verità nascosta della città. Da gustare, in questo romanzo d'azione, crudo e hard-boiled secondo le migliori tradizioni del suo genere, il "cameo" dedicato al Manzoni:

"Non c'era più posto nel Vecchio Famedio, tempestato di lapidi in ogni centimetro quadro. Il tempio del tempo scaduto per Alessandro Manzoni. Manzoni: polvere sul mogano della cattedra, polvere di gesso. L'epidemia ubiquitaria, transgenerazionale, scolastica, che colpisce ogni italiano quindicenne: Manzoni.
Cosa c'entra Manzoni oggi?"


Fin dai tempi di Emilio Praga e della scapigliatura, Manzoni è il bersaglio polemico dell'avanguardia artistica milanese... Anche da questo punto di vista, Genna è veramente figlio della sua città. Qui, però, non è realmente chiaro se Genna stia polemizzando contro l'autore dei Promessi sposi, o non piuttosto contro la nostra epoca, così degradata da non trovare più posto per un Manzoni.

Bellissimo è poi il finale del romanzo, che descrive una ipotetica Milano post-catastrofe, in apparenza uguale ma forse enigmaticamente diversa, forse migliore. La piazza dove prima si trovava il Palazzo di Giustizia, distrutto dall'immane esplosione:

"La nuova piazza, larga, aperta, immensamente chiara: il luogo dove sorgeva, come un sogno, il Palazzo.
Come puntine da disegno e graffette, in controluce, i nonni e i bambini, che giocano, a passeggio, nell'incredibile spazio bianco della nuova piazza."


E, nella piazza,

"il monumento di marmo bianco, una colonna altissima, messo in verticale, l'architrave di quello che fu il Palazzo di Giustizia.
E' la nuova colonna infame."


Ed ecco, dunque, che abbiamo ritrovato anche il buon vecchio Manzoni... L'autore della Storia della colonna infame non poteva essere liquidato così facilmente, dato che la riflessione sul rapporto tra diritto e giustizia è uno dei temi portanti di Grande madre rossa.

Grande madre rossa è stato inserito da Wu Ming 1 nel "canone" delle opere più significative del cosiddetto "New Italian Epic", di cui tanto si è discusso negli ultimi due anni. Se fra le caratteristiche del "New Italian Epic" c'è anche quella di sapersi mantenere su livelli elevati di elaborazione mitico-simbolica, direi che questo romanzo merita ampiamente di rientrare nel novero. Parlando di mitologia, va detto che in Grande madre rossa si trovano quei puntuali riferimenti al matriarcato (il leggendario ordinamento sociale preistorico in cui comandavano le donne, studiato fra gli altri da Bachofen, da L. H. Morgan e da Engels) che il lettore legittimamente si attende da un romanzo con tale titolo.

Il romanzo di Genna può essere interpretato anche come una grandiosa, veramente "epica", fantasia di rivalsa. In questa sede non posso essere più preciso, ma consiglio ai lettori di tenere bene a mente la citazione da Ulrike Meinhof posta in esergo.

A proposito, ho letto recentemente un passo di Bachofen che sembra un commento anticipato a Grande madre rossa:

"Questo diritto materno materiale è il più sanguinario di tutti i diritti. Esso impone la vendetta anche là dove mentalità superiori la fanno apparire come un delitto. [...] Il diritto materiale della prima epoca mostra che la sua legge è quella del sangue [...]. L'idea della giustizia superiore, che considera ogni circostanza [...] proviene dal cielo. In precedenza esisteva solo la vendetta sanguinaria che non ascoltava alcuna difesa e che proveniva dalla materia. [...] L'età del diritto femminile è quella della vendetta e del sanguinario sacrificio umano, quella del patriarcato è l'epoca del tribunale, dell'espiazione, del culto senza spargimento di sangue".

BIBLIOGRAFIA

- Giuseppe Genna, Grande madre rossa, n. 1550 del periodico "Segretissimo", aprile 2009; prima edizione Mondadori, Milano 2004 (attualmente esaurita, spero che venga ristampata presto, perché il libro lo merita assolutamente).

- Johann Jakob Bachofen, Il matriarcato. Storia e Mito tra Oriente e Occidente, [antologia] a cura di Giampiero Moretti, Christian Marinotti Edizioni, Milano 2003, pp. 65, 66-67.

- Sul "New Italian Epic", vedi la relativa voce in Wikipedia.

- Il sito Internet di Giuseppe Genna.

- Per chi ne fosse curioso, la recensione di Genna al Codice da Vinci.
          Baricco e il postmodernismo da quattro soldi        
Sul "Primo Amore" Antonio Moresco ha pubblicato una bella lettera aperta ad Alessandro Baricco, in risposta a un'intervista concessa da quest'ultimo al "Venerdì di Repubblica".

Baricco, parlando del suo ultimo romanzo, non si limita ad esporre la sua personale poetica di scrittore, ma pretende di far assurgere quest'ultima al livello di teoria generale della letteratura valida per tutti. Moresco rimprovera giustamente a Baricco l'arroganza di tale pretesa.

Baricco non è nuovo a questo genere di smargiassate, così le chiamava il mio professore di filosofia del liceo (si riferiva alle teorie pseudo-storiciste di Francis Fukuyama, ma la definizione è adatta anche a quelle di Baricco). Nel 1992 lo stesso Baricco pubblicò per l'editore Garzanti un testo teorico sulla musica moderna (oggi reperibile in edizione Feltrinelli) dove, con piglio zdanoviano, condannava tutta la musica "atonale" in quanto non adeguata ai gusti della "gente". Nel 2003, qui, pubblicai una recensione di questo libro. La ripropongo ora qui in calce, con minime variazioni. Non mi piace molto com'è scritta, però contiene un'idea che, dopo aver letto il fondamentale libro del collettivo Wu Ming sul New Italian Epic, mi è diventata più chiara: l'idea, cioè, che il "postmodernismo da quattro soldi" sia una delle forme più pervasive e insidiose in cui si presenta oggi l'ideologia dominante. Ecco la recensione.

Alessandro Baricco, L'anima di Hegel e le mucche del Wisconsin. Una riflessione su musica colta e modernità, Garzanti, Milano 1992, pp. 101.

Avvertenza per gli estimatori di Alessandro Baricco: la presente è una stroncatura.

1. Riassunto dei contenuti del libro

Nel primo capitolo, intitolato L'idea di musica colta, Baricco individua l'origine del concetto di musica colta nell'idealismo romantico dell'Ottocento, la cui figura principale, Beethoven, stabilisce il paradigma a cui tutti i successivi compositori, nonché gli interpreti e il pubblico, si attengono: "una musica impegnata, spirituale e difficile" (p. 19). Tale concetto è oggi, secondo Baricco, sopravvissuto a se stesso, dato che ne sono venuti meno i presupposti storici, ideologici e sociali ("qualcuno sa cosa significa spirito?", p. 20). Ma gli esecutori e i fruitori della musica colta si ostinano a riproporre questa concezione ormai superata, e a riproporre i capolavori del passato in forma mummificata e inerte, secondo un malinteso concetto di fedeltà al testo, fondamentalmente perché - sempre secondo Baricco - hanno "paura" della modernità.

Nel secondo capitolo, come alternativa alla prassi corrente, Baricco propone la "sua" idea di interpretazione. La musica "colta" del periodo classico si proponeva di organizzare il caos entro un preciso ordine formale; compito dell'interprete di oggi è, secondo Baricco, di far esplodere tale ordine per far sì che le "schegge" del materiale musicale si possano ricomporre secondo nuove geometrie provvisorie, momentanee, ogni volta diverse, secondo costellazioni di senso sempre rinnovate, piacevoli e sorprendenti.

Il terzo capitolo è dedicato alla musica atonale del Novecento. Baricco parte da un'audace constatazione: ma questa musica, dopo più di settant'anni, ancora non ha un suo pubblico! Gli ascoltatori, per quanto si sforzino, non la apprezzano e non la capiscono! Hanno torto loro? No, naturalmente: hanno invece avuto torto Schoenberg e i suoi successori (tutti quelli che hanno composto musica atonale, vale a dire i tre quarti dei compositori del Novecento da Berg a Webern fino alla scuola di Darmstadt e oltre).

Baricco spiega il perché: esistono "invalicabili limiti fisiologici" (p. 55) che impediscono all'orecchio umano di apprezzare la musica atonale. Infatti ogni brano musicale, continua Baricco, altro non è che un "meccanismo di piacere" (ibid.) basato su un gioco di previsione da parte dell'ascoltatore/risposta da parte della musica: se si cancella la logica tonale, sparisce l'orizzonte della previsione e si elimina il "piacere dell'ascolto" (p. 56).

La musica seriale è ormai superata, e anche qui Baricco non manca di dare la sua spiegazione sociologico-storica: l'atonalità di Schoenberg e seguaci nasce come espressionistico grido di orrore di fronte alla tragica realtà dei massacri e dei totalitarismi del Novecento. Ma nel secondo dopoguerra, "una volta sfumata quella follia" (p. 63) e venuti meno i conflitti ideologici e sociali che caratterizzarono la prima metà del secolo, anche tale giustificazione per l'atonalismo viene a mancare. Perciò non ci sono più motivi validi per i quali i compositori debbano ostinarsi a frustrare "le legittime aspettative del pubblico" (p. 65) continuando a proporre musica così inascoltabile, e perpetuando "lo strappo profondo e grottesco tra quella musica e la gente" (p. 66).

Occorre dunque richiamare i compositori "ai doveri della modernità" (p. 67), "ricreare una sintonia col sentire collettivo. Con una certezza: la modernità è innanzitutto uno spettacolo" (p. 73) e la gente vuole innanzitutto divertirsi, anche nelle sale da concerto: i musicisti devono dunque accettare "l'allegra realtà di un'umanità inconsapevolmente e sanamente drogata" (p. 70), di una modernità dove "la spettacolarità del reale e quella delle forme di rappresentazione si inseguono in un'escalation per la quale anche l'orribile diventa meraviglia" (ibid.).

Nell'ultimo capitolo del suo libro, Baricco propone ai compositori contemporanei due modelli da seguire: Puccini e Mahler. Secondo Baricco, questi due autori avrebbero accettato la concezione moderna di spettacolarità, senza temere di adottare un linguaggio musicale primitivo, né d'infarcire le loro opere di elementi volgari o di cattivo gusto, pur d'intercettare il bisogno di spettacolo dell'ascoltatore odierno, precorrendo così l'estetica del cinema.

2. Critica

Sui primi due capitoli non c'è molto da dire: si tratta di luoghi comuni che Baricco espone come se si trattasse di trovate sue; interpreti come Pierre Boulez (nella sua attività di direttore d'orchestra) e Maurizio Pollini adottano da sempre prassi esecutive antiformalistiche senza bisogno di attendere lezioncine da parte di Alessandro Baricco: di propriamente suo c'è solo un certo superficiale edonismo.

Circa i restanti capitoli del libro, premesso che reputo agghiacciante ognuna delle frasi o espressioni di Baricco che sopra ho citato tra virgolette (reazione molto soggettiva, lo ammetto), la prima osservazione critica da fare su questo testo è che Baricco propone un'estetica normativa, vale a dire un'estetica che pretende di prescrivere agli artisti come devono lavorare (non dovete più scrivere musica atonale, dovete farvi capire dalla "gente", ecc).

Ora, ogni estetica normativa è un'aberrazione, indipendentemente dal suo contenuto. Se poi si vuole valutare quest'ultimo, bisognerà osservare che Baricco si accosta ad Andrej Zdanov, il "teorico" sovietico del realismo socialista: anche lui pretendeva dai compositori una musica dal linguaggio semplice, tradizionale, accessibile alle grandi masse popolari. Zdanov avanzava tale pretesa in nome del superiore interesse del socialismo, Baricco in nome della "modernità" e della fine delle ideologie, ma il risultato non cambia. Baricco, nella sua irritante e dilettantesca superficialità, non sembra neanche rendersi conto del totalitarismo implicito nella pretesa che gli artisti debbano conformare la loro produzione ai gusti della "gente".

D'altra parte neppure si capisce bene quale pubblico Baricco abbia in mente: il pubblico che frequenta le sale da concerto è così esiguo che non vale neanche la pena che i musicisti si affannino per compiacerlo: e peggio per tale pubblico se non riesce ad apprezzare Anton Webern. Viceversa, il pubblico che non ha mai messo piede in un auditorium e non ascolta Schoenberg e Stockhausen, nella sua stragrande maggioranza non ascolta neppure Mahler e Puccini, ed evidentemente non per motivi ascrivibili al solo linguaggio musicale.

In ogni caso, dal fatto che la lettura di questo libro non mi ha impedito neppure per un minuto di continuare ad ascoltare il mio CD con i pezzi per pianoforte di Schoenberg, deduco che quella degli "invalicabili limiti fisiologici" è una colossale sciocchezza, con cui Baricco cerca malamente di giustificare la propria opposizione ideologica alla musica d'avanguardia.

La sua valenza ideologica è in realtà l'unico aspetto un poco interessante di questo libro. Esso, con la sua esaltazione del disimpegno, delle gioie del consumismo e della "gente" che vuole divertirsi, appare come un esempio tipico di quella versione euforico-ebetudinaria del postmoderno che ha furoreggiato nel nostro paese durante tutti gli anni '80: un'epoca nella quale a molti intellettuali non è parso vero di poter finalmente riproporre (nell'aggiornatissimo linguaggio filosofico post-strutturalista) l'antico, tradizionale qualunquismo italiano. Appare tristemente ironico che alcuni di quegli intellettuali si scaglino oggi dalle pagine dell' "Unità" o di "Repubblica" contro le impreviste (ma prevedibili) conseguenze politiche della loro stessa filosofia.

P.S. Ad un certo punto del suo testo, Baricco inserisce alcune oscure insinuazioni a proposito di presunte "coperture politiche" di cui gli artisti dell'avanguardia musicale avrebbero goduto nel nostro paese. Sorge allora la tentazione di leggere questo libro, il cui valore teorico-critico è nullo, in chiave direttamente pratica: forse Baricco si è proposto di approntare un "manifesto" per i musicisti della cosiddetta scuola neo-romantica?

Mi sono allora comprato un disco antologico di un esponente di questa corrente musicale, che ebbe anch'essa un effimero momento di notorietà nel corso degli anni '80: Marco Tutino, Operas, CD Aura Music AUR421-2, 2000, Euro 4,25. Si tratta di composizioni carine, indubbiamente orecchiabili, il cui linguaggio musicale si colloca fra le colonne sonore di Bernard Herrmann e i balletti di Aaron Copland, il tutto realizzato senza troppa fantasia e con circa trent'anni di ritardo.

Bene, ho fatto un piccolo esperimento. Un brano di questo CD di Marco Tutino l'ho fatto ascoltare ad un mio coinquilino che ascolta solo reggae ed hip-hop (e che, così facendo, qualche volta supera gli invalicabili limiti fisiologici delle mie capacità d'ascolto), e poi gli ho fatto sentire qualche minuto di Contrappunto dialettico alla mente di Luigi Nono (1968). Nessuno dei due brani gli è piaciuto, ma ha trovato di gran lunga più interessante quello di Nono.
          Una pagina che Thomas Mann non ha mai scritto        
"Gli occidentali hanno forma, ma non hanno profondità", sentenziò Deutschlin. "I russi hanno profondità, ma non hanno forma. L'una e l'altra le abbiamo soltanto noi tedeschi".

"Bella frase, Deutschlin", disse Adrian. "Dovresti ripeterla domattina durante la lezione di ginnastica: il professore ne sarà contentissimo".

Deutschlin rise nervosamente. Era sempre difficile capire se Adrian parlasse sul serio o celiasse e, nel secondo caso, se avesse o meno l'intenzione di burlarsi del suo interlocutore.

Adrian proseguì: "E cosa mi diresti di un popolo allo stesso tempo caotico e superficiale? Un popolo presso cui non esistono ruoli, né regole definite e stabili. Dove il linguaggio stesso non conosce significati precisi e sempre uguali, e dove non ci si può intendere, né si può fare affidamento sulla parola di chicchessia, né è possibile l'arte, se questa presuppone un codice di comunicazione fra gli artisti e il pubblico. Dove tutto ciò che si dice, o si fa, rimane senza conseguenze. Dove si può essere indifferentemente il peggiore dei mascalzoni o la persona più santa, senza che ciò influisca affatto sulla reputazione e sulla carriera. Dove la politica non è altro che una farsa senza fine in cui il governo finge di governare, l'opposizione finge di opporsi, e ognuno si fa gli affari suoi..."

"Leverkühn!" - lo interruppi. "E' orribile! Forse ho capito a quale popolo ti riferisci. Ma sei molto ingiusto. In nessun luogo si potrebbe vivere così. Stai descrivendo l'Inferno in terra".

"Credi, Zeitblom?" rispose Adrian lentamente. "Ma questo è ciò che pare a te, da bravo studente prussiano quale tu sei. Invece, a quanto ne so, quello che ti ho appena descritto è uno dei popoli più felici. O almeno, è il popolo che sembra il meno disposto a cambiare la propria situazione. Se li vedessi, come ridono e scherzano tutto il giorno..."

"Ah, basta così" intervenne ancora Deutschlin. "Finitela con le vostre chiacchiere cupe e confuse! Io so soltanto che il secolo ventesimo, iniziato or ora, sarà un'epoca di progresso e di pace, e che noi tedeschi saremo chiamati a guidare l'Europa verso un avvenire luminoso. Gli altri popoli dovranno solo riconoscere la nostra indubbia superiorità morale, e lo faranno certamente. In un modo o nell'altro".

Adrian non lo ascoltò nemmeno. Sdraiato sulla paglia come noialtri, sembrava assorto in una sua visione, le mani dietro la nuca e lo sguardo fisso in un punto sul soffitto del fienile. "L'inferno, hai detto? Interessante..."

Mentre rientravamo verso la città, lo presi da parte e gli posi una domanda. "Dimmi, Leverkühn" gli chiesi, "ma tu cosa vorresti fare dopo il diploma?"

"Non te l'ho mai detto, Serenus?" Per la prima volta mi aveva chiamato per nome. "Farò il musicista".

Pubblicato il 3 ottobre 2011 su Evulon.

          Pausa pranzo        
Torno a casa. Metto una pentola d'acqua sul fornello e lo accendo. Poi prendo un dischetto e lo metto nel lettore.

Beethoven, Sonata op. 106 nell'orchestrazione di Felix Weingartner. Royal Philharmonic Orchestra, diretta dallo stesso Weingartner. Incisione storica, del 1930. Riversata su CD, edizione economica.

Che idea bislacca, trascrivere l'Hammerklavier per orchestra. L'opera, così, non funziona. E' incongrua, fuori posto. O forse è l'arrangiamento che non va bene: tutto in legato! Come no: siccome al piano non si può fare e con l'orchestra sì, allora mettiamo il glissando un po' dovunque...

Non importa. L'op. 106 è bellissima anche così. Beethoven è l'unico musicista che riesce a commuovere anche nelle esecuzioni più impossibili, e nelle situazioni d'ascolto più precarie.

Audiocassette in edizioni da autogrill della Quinta o della Sonata al chiaro di luna ascoltate in auto, d'estate, andando verso la spiaggia, coi finestrini aperti e quasi tutta la musica che si perde nel rumore...

C'è qualcosa di disneyano, nell'orchestrazione anni '30 di Weingartner. Quando ho visto per la prima volta Fantasia? Non ricordo, ma dovevo avere quattro o cinque anni. A Milano. I miei mi portarono al cinema, sicuramente, e qualcosa deve essersi depositato profondamente nella mia memoria. La Sesta sinfonia mi sembra di conoscerla da sempre.

Questa, però, è preistoria. La storia dei miei ascolti musicali comincia invece a metà degli anni '80. Avevo (o meglio, i miei genitori avevano) un magnetofono da tavolo a cassette, di quelli che si usavano per registrare pro-memoria e appunti vocali. Io lo usavo per sentire musica. Le cassette le avevo comprate all'uscita da scuola, prima di prendere il treno che mi avrebbe ricondotto a casa.

Il corso principale della città dove frequentavo il liceo scientifico aveva due negozi di dischi. Quello della signora Esposito era il più fornito: aveva dei meravigliosi cataloghi delle principali case discografiche. I cataloghi, però, mi mettevano in imbarazzo. Avrei voluto consultarli per ore, ma non stava bene: a un certo punto bisognava scegliere e ordinare. E poi, la cassetta arrivava dopo settimane, e a quell'epoca ero molto impaziente.

Il negozio del signor Cavo (dischi ed elettrodomestici, nomen omen) era più piccolo, ma aveva la particolarità di essere praticamente sempre aperto. Arrivavi col treno la mattina presto e trovavi già la saracinesca alzata, oppure perdevi il primo treno del ritorno, e potevi comunque rifugiarti una mezz'oretta da Cavo a contemplare lo scaffale con le cassette, senza essere disturbato (era, e per quanto ne so è ancora, un uomo di una discrezione esemplare, cosa non frequente in provincia). Potevi stare lì davanti quanto volevi prima di scegliere cosa comprare, oppure anche uscire senza aver preso niente, con un semplice grazie e arrivederci.

Ma, quando avevo diecimila lire in tasca, mi piaceva sempre entrare da Cavo per poi uscirne con una cassetta di Mozart o di Beethoven ben sistemata in mezzo ai libri - che tenevo orgogliosamente legati con una cinta elastica, per distinguermi dai miei compagni che sfoggiavano zainetti Invicta dai quali, durante l'intervallo, tiravano fuori i loro dischi di musica pop.

Intanto l'acqua bolle. Mezzo cucchiaino di sale. Apro la dispensa: pennette rigate o spaghetti? Opto per gli spaghetti: cuociono prima.

"La città dove frequentavo il liceo". Ho già scritto il nome di questa città? No. Lo scrivo adesso: Locri. Provincia di Reggio Calabria.

Da una vita, la semplice domanda "Di dove sei?" mi obbliga a fornire spiegazioni complicate e, suppongo, noiose, e anche poco convincenti. Ai tempi del liceo la risposta era semplice: di Africo. Se l'interlocutore era discreto, bastava così. Altrimenti scattava l'altra domanda: "E perché parli con l'accento milanese?" - Sai, la mia famiglia abitava a Milano, poi ci siamo trasferiti in Calabria. "Ah, allora i tuoi sono milanesi". - Niente affatto, siamo calabresi da chissà quante generazioni; ma i miei erano emigrati a Milano alla fine degli anni '60. "E come mai siete tornati qui?" - Uffa...

Da quando sto al Nord, la spiegazione è diventata ancora più involuta e implausibile. Se ci penso, mi vedo in un commissariato di polizia, seduto davanti a una lampada da tavolo puntata addosso a me, mentre l'ispettore, nascosto in una minacciosa penombra, mi inquisisce. "Ricominciamo daccapo. Di dove sei?" - Di Vigevano. "Ma non parli con l'accento di Vigevano". - No, perché sono calabrese. "Ma sul documento c'è scritto che sei nato a Milano". - Sì, perché all'epoca i miei abitavano lì. "Ah. E adesso dove abitano?" - Ad Africo. "Prima hai detto a Bianco." - Sì, anagraficamente stanno a Bianco. Sono due paesi confinanti. In realtà casa dei miei è tra Africo e Bianco, sulla statale. Ma comunque è più vicina ad Africo che a Bianco, anche se, sulla carta, è nel territorio di Bianco. Però i miei sono di Africo. "Ricominciamo daccapo..."

Intanto l'op. 106 di Beethoven, trascritta da Weingartner, è finita. Devo cambiare il CD. Ho ancora una cinquantina di minuti prima di tornare in ufficio. Cosa metto?

Scelgo velocemente, prima che la pasta scuocia: Invenzioni a due e tre voci di J. S. Bach. Glenn Gould, al pianoforte.

Butto gli spaghetti nello scolapasta. Che senso ha suonare il piano facendo finta che sia un clavicembalo? Venticinque anni che ascolto Gould e me lo chiedo.

Dicembre millenovecentoottantotto. Pomeriggio. Devo studiare per l'interrogazione di matematica. Non ne ho proprio voglia. Slego il fardello dei libri di scuola e ne estraggo il mio acquisto di oggi. Una cassetta made in U.S.A., dall'elegantissima copertina nera bordata d'oro. Bach, Inventions and Sinfonias. Glenn Gould.

Metto la cassetta nel mangianastri. Una musica astratta, trasparente, cantabile. Sembra provenire dallo spazio siderale, eppure i contorni si distinguono con precisione. Una sensazione di freddo secco, fine e pungente.

Guardai fuori. Non potevo crederci: stava nevicando. La casa dei miei è sul mare; l'Aspromonte dista solo una cinquantina di chilometri, ma qui sulla costa l'inverno è mite, la neve è un evento che capita forse una volta ogni dieci anni. Capitò quella volta. Mi alzai dalla scrivania e andai alla finestra a vedere i cristalli che scendevano lentamente.

L'inverno è mite, sulla costa ionica della Calabria. La stagione peggiore è l'autunno. A fine ottobre le piogge arrivano improvvise, massicce e violente, e possono durare per settimane. Non c'è che da chiudersi in casa e aspettare che passino.

Ho sedici anni e sto correndo attraverso la piazza principale di Locri verso la stazione. Il cielo è nero, l'aria è elettrica e tra poco scoppierà un forte temporale. Stavolta ho perso troppo tempo dalla signora Esposito, non sapevo decidermi, alla fine ho comprato la Sesta sinfonia di Beethoven e i concerti K. 488 e K. 491 nell'interpretazione di Daniel Barenboim, ma ora rischio di perdere il treno. La Sesta un po' la conosco, è quella della pubblicità. Ma il Concerto in do minore. Chissà com'è. Mozart scrive raramente in minore. Ma quando lo fa, mette i brividi. Mi precipito con il cuore in gola, mentre le bobine sbattono ritmicamente contro l'involucro di plastica nascosto fra i libri.

"Secondo le testimonianze di molta gente che ha vissuto in prima persona quei tragici giorni dell'alluvione e attraverso dei libri pubblicati da alcuni scrittori del paese, il 15 ottobre 1951 rappresenta una data indimenticabile e storica per il popolo di Africo in quanto un evento imprevisto sconvolse l’esistenza di Africo e della sua frazione, Casalnuovo. Per quattro giorni consecutivi dal 15 al 18 ottobre 1951, una bufera di vento, pioggia e nevischio si abbatté ininterrottamente sui due paesi causando frane, crolli di abitazioni e la distruzione di intere colture. La gente, spaventata, si riversò in massa in chiesa, pregando Dio e il suo Santo protettore, San Leo. La catastrofe avvenne soprattutto giorno 17 con continue frane, smottamenti di terreno, pioggia battente e violenta".

"La mattina del 18 ottobre la gente ricorda un'aria rossastra su nel cielo che metteva paura solo ad osservarla. [...] Molti furono quelli che, sorpresi dal maltempo, non fecero in tempo a mettersi in salvo, perché la piena del fiume impedì loro la via del ritorno a casa. Alla fine i due paesi contarono i danni: i morti furono sei a Casalnuovo e tre ad Africo. Gran parte del bestiame fu trascinato dal fiume, le case furono per la maggior parte distrutte e sepolte, le colture non più esistenti perché trascinate dalla pioggia."

"La lenta organizzazione della vita civile e della lotta politica fu sconvolta dall'alluvione del 1951. Una frana spazzò via il paese. I morti furono pochi, ma Africo scomparve. La storia della ricostruzione è allucinante. Per tutto un decennio gli africoti cercarono il terreno per ricomporre la loro comunità. Si iniziò una lotta tra chi voleva tornare nel vecchio territorio, dove erano restate le misere proprietà, e quelli che cercavano una sistemazione nuova. La scelta di una soluzione divise i due campi, anche la sinistra. Alla fine prevalse la tesi, sostenuta da don Stilo e dalla DC, di costruire un nuovo comune in una località distante 50 chilometri dal vecchio paese. Per lunghi anni la maggioranza degli africoti visse in un campo profughi. All'inizio del 1960 era sorta Africo Nuovo".

Un bambino di nove anni. Una bambina di due anni. Che esperienza possono aver fatto della catastrofe, e poi della loro condizione di profughi? Come l'hanno vissuta? Che tracce ha lasciato su di loro?

I miei genitori mi hanno parlato pochissimo dell'alluvione e degli eventi successivi. Hanno sempre insistito affinché studiassi, hanno incoraggiato i miei interessi per la musica, la letteratura, le scienze. Mi hanno sostenuto fino al diploma, poi fino alla laurea. Ma sugli eventi del loro paese non mi hanno mai detto molto.

Mio padre non sopporta il vento. Se è notte, e fuori c'è vento, non riesce a dormire.

"Non si è mai capito - manca una documentazione e mancano anche testimonianze orali credibili - se fu la mafia calabrese a premere per ricostruire Africo nel territorio di Bianco, senza terra, senza delimitazione territoriale e stato giuridico (com'è rimasto fino al 1980), in una località dove i contadini poveri, la grande maggioranza degli abitanti, sarebbero stati privati di quei diritti civici - il legnatico, il seminativo, il pascolo - di cui godevano nel vecchio paese. Da una montagna aspra al mare. Un caso esemplare di perdita dell'identità individuale e collettiva: gli abitanti di Africo infatti non sono più pastori né contadini, odiano il mare e non sono diventati né pescatori né marinai".

Ho diciannove anni. Preparo l'esame di maturità ascoltando la Sinfonia Italiana di Mendelssohn e la Sinfonia Incompiuta di Schubert. L'incongruità della situazione mi è divenuta insopportabile: che senso ha vivere in Calabria stando sempre chiuso in casa, parlare con un ridicolo accento settentrionale e, in generale, far finta di abitare in Mitteleuropa? A questo punto, non è meglio emigrare? Spengo il registratore e accendo la radio. Trasmettono The End dei Doors. C'è l'anniversario della morte di Jim Morrison.

Alla maturità, filosofia non è uscita. Peccato. Mi sarebbe piaciuto portare Kant. Non capisco perché tutti dicono che è un pensatore difficile: a me sembra così naturale, così ovvio. Certo: lo spazio, il tempo, sono forme della nostra mente. Ma, in sé, non esistono affatto.

Spengo lo stereo, aziono la lavastoviglie. E' ora di tornare in ufficio.

(Racconto pubblicato anche su Evulon. Nota: tutti i paragrafi tra virgolette sono tratti dal sito Internet di un mio compaesano, http://www.giuseppemorabito.it tranne l'ultimo che è tratto da Corrado Stajano, L'Italia ferita. Storie di un popolo che vorrebbe vivere secondo le regole della democrazia, Cinemazero, Pordenone 2010, pag. 96).
          Adagio in sol minore        
Roma, giugno 1984.

Una folla immensa e silenziosa riempie il centro della città. Un milione di persone, venute da tutta Italia per rendere l'ultimo saluto al segretario nazionale, abbattuto da un ictus durante un comizio. Piazza San Giovanni è troppo piccola. Le bandiere rosse sventolano nel sole, ovunque. Molti piangono.

Mentre il feretro esce dalla sede del partito, un sistema di altoparlanti inizia a diffondere una musica lamentosa, straziante.

L'Adagio di Albinoni.


Venezia, febbraio 1958.

Il freddo umido entra nelle ossa. Due uomini passeggiano lungo le Fondamenta della Misericordia, in mezzo a una fitta nebbia.

"Cusa l'è 'sta spüssa?"

Quello che ha parlato si chiama Mario e viene da Milano.

L'altro è il musicologo Andrea Mocenigo. "Quest'odore - risponde pazientemente all'amico - è l'acqua bassa. Ritirandosi, lascia scoperti i detriti sul fondo del canale. Dopo un po' ci fai l'abitudine".

"Va beh, Andrea, ma che schifo. Cià, mettiamoci al chiuso, ti offro un camparino".

Entrarono in un caffé e si sedettero. "Allora, camerata" disse Mario. "Parlami un po' delle tue ricerche".

Andrea lanciò una rapida occhiata intorno, per accertarsi che nessuno avesse sentito l'appellativo rivoltogli da Mario. Poi rispose: "Se vuoi parlare di politica, andiamo in un altro posto. Qui non è zona nostra". Gli sembrava che, da dietro il bancone, il barista li stesse già guardando male.

"Tranquillo. Niente politica. Sono venuto a Venezia solo per affari. E per rivedere qualche vecchio... amico. Lavoro per casa Ricordi, come sai. Nel tuo caso, unisco l'utile al dilettevole. Saremmo contenti di riaverti come collaboratore. Qualcuno ancora ha presente quel tuo strepitoso articolo del '40, come s'intitolava? L'arte di Verdi nell'era fascista. Poter pubblicare ancora delle robe così..."

"Altri tempi", disse Andrea.

"Altri tempi, già" concordò Mario. "Ma torneranno, torneranno, te l'assicuro... Veniamo a noi. Mi hai scritto di avere delle novità clamorose, no? E alura, tira fuori il rospo".

"No, no", Mocenigo mise le mani avanti. "Andiamoci piano. Novità grosse ancora non ne ho. Continuo a lavorare alla monografia su Vivaldi. Sarà pronta fra un anno o due. E poi c'è l'edizione delle opere di Albinoni, di cui ti ho scritto..."

"Ah, che meraviglia!" lo interruppe Mario. "Come t'invidio! Il barocco... Immergersi in quell'epoca dorata. Allora sì che regnava l'ordine: i re erano re, i nobili erano nobili, e la plebe era plebe! Ognuno al suo posto. Onore, fedeltà e disciplina! Non questa cosiddetta repubblica che c'è oggi, dove anche i figli degli operai vogliono diventare dottori. Per me un Campari e soda, tu cosa prendi?"

Era arrivata la cameriera a raccogliere le ordinazioni. Tornò poco dopo con le bevande. Mario le si rivolse ora con fare mellifluo. "Ma dica, signorina, cosa fa, lei, dopo il lavoro? Se vuole, passo a prenderla. Io sto all'Hotel Silva, ha presente? Vicino piazza San Marco. Un posto di gran lusso, sa? C'è una bellissima buvette, e si potrebbe bere insieme una flûte di champagne d'annata..."

La ragazza non rispose. Lasciò i due aperitivi sul tavolino, e si allontanò mormorando "Ma va' in mona".

"Bella gnocca, eh?" ammiccò Mario al suo amico. "Cos'è che ha detto?"

Andrea ridacchiò. "A una fanciulla / un vecchio come lei non può far nulla. Ecco cosa ti ha detto", rispose.

Mario si rabbuiò. "Lascia perdere il Mozart, quel pirlotto. Solo lui poteva farsi infinocchiare da un depravato ebreo come Da Ponte, al punto da mettere in musica versi così immorali. Se oggi non c'è più religione, è anche per colpa di gente come loro. Ma mi stavi dicendo di Albinoni. Continua".

"Ecco, mi sono immerso nella materia, come dici tu. E sai com'è, mi sono talmente immedesimato... che ho composto un pezzo. Un omaggio, un tributo, chiamalo come vuoi. Un breve adagio, per archi e organo, nello stile di Albinoni. Volevo fartelo leggere. Ecco, ce l'ho qui con me". Mocenigo si chinò, estrasse una partitura manoscritta dalla ventiquattrore e la porse a Mario.

Mario lesse con attenzione. Poi restituì la partitura ad Andrea.

"Allora?" chiese Andrea.

"Allora niente", rispose Mario. "E' bellissimo. E' un capolavoro. Lo pubblichiamo senz'altro. Però, guarda che ti sbagli. Non l'hai scritto tu, questo Adagio".

"No?" disse Andrea, stupito.

"No. Questo è un adagio inedito di Tomaso Albinoni, che faceva parte dei manoscritti del compositore, già conservati alla biblioteca di Dresda, e che tu hai fortunosamente scoperto. Come sappiamo, la biblioteca fu distrutta tredici anni fa, da un criminale bombardamento aereo angloamericano. Pochi, miseri frammenti sono scampati allo scempio, ritrovati fra le macerie. Da essi, tu hai sapientemente ricostruito questo Adagio, che ora sarà restituito alla riverente e commossa ammirazione del pubblico, quale ultima testimonianza di un'epoca di splendore ingiustamente tramontata. Spiegherai tutto nella prefazione alla partitura. Ah, tra parentesi: non preoccuparti per i diritti di copyright. Spetteranno a te, in qualità di arrangiatore. Prevedo che te ne verranno un bel po' di dané".

Andrea Mocenigo rimase senza parole. Poi balbettò: "Ma... ma sarebbe un falso bello e buono! Scusa, chi vuoi che ci creda? E quella roba, che secondo te dovrei scrivere: il 'criminale bombardamento alleato' e via dicendo! Come se la Luftwaffe, invece, sganciasse mazzi di fiori. No, mi rideranno in faccia. Non si può fare, mi spiace".

"Da che parte stai?", chiese Mario, gelido.

"Dalla tua! Ma scusami ancora, Mario. Non ti posso seguire in quello che mi proponi. Non siamo più nel 1940. C'è stata la guerra. L'occupazione tedesca, la gente se la ricorda bene, e oggi come oggi non gli puoi raccontare una storia in cui noi camerati figuriamo come le povere vittime. Senza contare che sarebbe una storia falsa, e prima o poi si verrà a sapere, e allora che figura ci faccio?"

Mario sospirò. Bevve un sorso del suo aperitivo, poi si appoggiò allo schienale. "Senti, Andrea" disse. "La nostra battaglia non comincia e non finisce oggi. Devi capire che noi lavoriamo per il lontano futuro. Hai detto bene: oggi, la gente non è bendisposta verso di noi. Per creare il Nuovo Ordine, il Reich Millenario, abbiamo dovuto procedere con estrema durezza. E, per ora, siamo stati sconfitti. Ma fra venti, trenta o quarant'anni, quando saranno scomparsi coloro che oggi ricordano certi... spiacevoli inconvenienti, allora la nostra Idea tornerà ad affascinare i popoli. Fino ad allora, si tratta di guadagnare terreno, a poco a poco, tenacemente. Partendo anche dai dettagli. E poi, il bombardamento di Dresda c'è stato per davvero, no? Cominciamo col dirlo".

"Sì, ma la storia dell'Adagio trovato fra le macerie è una balla", rispose Andrea.

Mario si spazientì. "Balla, non balla! Chi se ne frega! La verità è ciò che riesci a far passare per tale. Tu offri al pubblico una musica seducente e ben scritta, condita da una storia romantica. Vedrai che ti crederanno. Populus vult decipi, caro mio. Et decipiatur! Il popolo vuole essere ingannato. E allora, lo si inganni! E comunque" continuò Mario "se vuoi pubblicare con noi, queste sono le condizioni. E adesso usciamo, ché mi son rotto gli zebedei a stare qui".

All'uscita del locale, Mario e Andrea furono circondati da una torma di ragazzini in maschera, che improvvisarono un girotondo, e che se ne andarono solo quando Andrea, ridendo, ebbe dato loro qualche monetina. Mario, intanto, ostentava la più completa indifferenza.

"Ma tu dici che l'Adagio piacerà? Non somiglia troppo a Mascagni?", chiese Andrea.

"Ma va là! Il tuo è barocco purissimo, te lo dico io. Farà furore. Suonerà come le campane a morto, contro la robaccia negroide-bolscevica che va di moda oggi. E comunque, Mascagni era dei nostri anca lü".

Si allontanarono nella nebbia, mentre il puzzo di fogna si faceva sempre più forte.

(Pubblicato su Evulon il 21 aprile 2011. Nell'immagine: il bombardamento di Guernica del 26 aprile 1937. Fotografia tratta dalla pagina che ho linkato sopra).


          Il terremoto di Messina del 1908        
Ripubblico qui di seguito una mia recensione (risalente a sei anni fa) al libro di Giorgio Boatti, La terra trema. Messina 28 dicembre 1908. I trenta secondi che cambiarono l'Italia, non gli italiani, Mondadori, Milano 2004, pp. 414, € 18,50.

"Ore 5.20 terremoto distrusse buona parte Messina - Giudico morti molte centinaia - case crollate sgombro macerie insufficienti mezzi locali - urgono soccorsi per sgombro vettovagliamento assistenza feriti - ogni aiuto sarà insufficiente".

E' il testo del telegramma con cui il governo italiano apprese del terremoto di Messina: inviato dal comandante di una nave militare da una stazione telegrafica calabrese alle 14.50 del 28 dicembre 1908, giunse al Ministero degli Interni alle 17.35 dello stesso giorno, cioè dodici ore dopo il disastro.
In questo telegramma la valutazione dei danni è naturalmente molto sottostimata: il terremoto, dell'undicesimo grado della scala Mercalli, distrusse quasi completamente le città di Messina e Reggio Calabria e causò, secondo le statistiche ufficiali, 77.283 morti (in altre valutazioni la cifra oscilla fra le 80.000 e le 140.000 vittime).

A volte, quando ci si sofferma a considerarla, la storia del nostro paese sembra un'ininterrotta sequela di disastri. Ogni generazione ha la sua catastrofe civile da ricordare e anzi spesso più d'una, a volte d'origine naturale e a volte umana. Il copione sembra sempre lo stesso: evento tragico; prime ricostruzioni giornalistiche, concitate e a forti tinte; interviste ai superstiti; il cordoglio della nazione; le autorità dello stato si precipitano sul luogo dell'evento; polemiche sulla tempestività dei soccorsi e sulla loro efficienza; i parenti delle vittime accusano; funerali solenni; ancora polemiche finché i riflettori dei mass-media si spengono.

Questo libro di Giorgio Boatti sul terremoto di Messina si basa in gran parte su uno studio accurato dei giornali dell'epoca. Una prima constatazione è che in essi lo schema che ci è tristemente familiare appare già operante. Il governo di Giovanni Giolitti dovette ben presto difendersi dalle accuse di non aver compiuto in modo adeguato e tempestivo l'opera di soccorso delle popolazioni colpite. In particolare, l'opinione pubblica dell'epoca fu colpita dal fatto che i primi soccorsi organizzati non vennero apprestati da parte italiana, bensì, a partire dalla mattina del 29 dicembre, dagli equipaggi di squadre navali russe e inglesi che casualmente si trovavano nei pressi al momento del terremoto (equipaggi che, secondo tutte le testimonianze, svolsero la loro opera eroicamente). I primi soccorritori italiani, dell'ottavo reggimento dei Bersaglieri, provenienti da Palermo, sbarcarono solo nel pomeriggio inoltrato dello stesso giorno.

Ma la cosa che più colpisce nella reazione all'evento da parte del governo italiano non consiste tanto nella lentezza o inefficienza dei soccorsi, per la quale si possono addurre delle circostanze attenuanti: l'Italia era allora un paese povero, sottosviluppato rispetto alle altre nazioni europee; la stessa tecnologia dell'epoca non consentiva una grande rapidità di reazione; il terremoto danneggiò molto seriamente le infrastrutture e le vie di comunicazione nelle zone colpite; infine non esisteva ancora il moderno concetto di protezione civile e lo Stato italiano non era preparato ad affrontare simili emergenze.

Ciò che realmente sorprende è che fin dall'inizio, il governo e una parte della pubblica opinione sembrarono considerare il terremoto principalmente come un problema di ordine pubblico. Fra le prime preoccupazioni si registrano, infati, il timore delle epidemie e la paura dei saccheggi.

Scrive il quotidiano "La Tribuna" del 2 gennaio 1909: per impedire un'epidemia occorre "compiere l'opera distruggitrice perpetrata dal terremoto: buttare giù quel poco che resta di queste case, buttarlo giù nel modo più energico, più rapido: a colpi di cannone. Far sgomberare i pochissimi superstiti e dalle navi bombardare queste scarnificate vestigia della città (...) non v'è altra via per impedire che il luogo dov'era Messina diventi un centro d'infezione a cui nessuno osi più avvicinarsi". (p. 118). "Il Mattino" del 6-7 gennaio rilancia la stessa idea attribuendone la paternità al Re, mentre "Il Messaggero" del 6 gennaio suggerisce di ricorrere al fuoco: "Si dia in preda alle fiamme [Messina] per purificarla, o si ricostruisca con piccole case come una cittadina giapponese" (p. 119).

E' sconcertante che fra le prime misure suggerite dopo un terremoto, vi sia quella di deportare la popolazione colpita e poi bombardare la città: sembra che nel caso di Messina non si sia arrivato a tanto solo perché, a distanza di molti giorni dalla catastrofe, si continuavano a trovare dei sopravvissuti sotto le rovine. Ma si rimane ancora più stupiti quando si apprende che uno dei motivi che suggerirono queste misure estreme, fu la necessità di preservare dai furti i valori rimasti sotto le macerie e soprattutto i caveaux delle banche.

Il regio decreto del 4 gennaio 1909 stabiliva lo stato d'assedio nei territori colpiti dal terremoto e conferiva i pieni poteri per l'emergenza al generale di corpo d'armata Francesco Mazza (annota Boatti che una diceria popolare fa discendere dal suo cognome l'etimologia della locuzione siculo-calabra "non capire una mazza"). Installatosi con il suo stato maggiore a bordo di una lussuosa nave militare al largo, e senza scendere quasi mai a terra, il generale Mazza provvide a circondare Messina di un cordone sanitario di truppe, cui diede l'ordine di sparare su chiunque dall'esterno si avvicinasse alla città senza lasciapassare. Questo per impedire che bande di saccheggiatori si riversassero sul luogo del disastro.

Ecco alcuni passi tratti dal bando emanato dal generale Mazza il 10 gennaio, riportato integralmente a p. 374 del libro di Boatti: "1 - Sono sospesi fino a nuovo ordine gli scavi delle macerie da parte di privati cittadini, sia per rintracciare cadaveri, sia per recuperare valori. (...) Le persone trovate a scavare saranno considerate come ladri e deferite al tribunale di guerra. [Questo mentre ancora i parenti delle vittime cercavano i loro cari sotto le macerie, n.d.r.] Anche le truppe, nei lavori stradali che compiono, si limiteranno esclusivamente ai lavori di assestamento evitando di eseguire scavi. (...) 3 - E' proibito l'ingresso in città a tutte le persone non munite di regolare permesso rilasciato dall'autorità politica della provincia da cui provengono..."

Il 6 gennaio l'autorità militare ordina di sospendere la distribuzione di viveri ai superstiti. Saranno distribuiti viveri a bordo delle navi, solamente ai profughi che accetteranno d'imbarcarsi per lasciare la città. L'idea, commenta Boatti, è perciò quella di "utilizzare l'arma della fame e della sete per imporre (..) la desertificazione di Messina" (p. 135). Questa cinica soluzione non viene attuata perché, come accennavo sopra, alcuni dei sepolti sotto le macerie si ostinano a farsi ritrovare vivi anche dopo giorni e giorni dal terremoto; ma altresì per le perplessità espresse da una parte della pubblica opinione e anche per le proteste degli stessi messinesi: un'assemblea autoconvocata di cittadini chiede il 19 gennaio la revoca dello stato d'assedio. Stato d'assedio che - osserva con sarcasmo il corrispondente de "Il Mattino" del 6 gennaio 1909 - sembra avere lo scopo precipuo di garantire "il sonno ai morti e la biancheria, gli oggetti e i titoli di banca ai vivi" (p. 137).

In seguito Giolitti giustificò la scelta di dare priorità al recupero dei valori, adducendo il timore di speculazioni al ribasso sulla lira (p. 146). Boatti propone un'altra spiegazione: "La difesa delle proprietà, la guardia ai caveaux delle banche, il salvataggio dei lingotti che mette in secondo piano altri interventi è una linea d'azione adottata, anzi, sbandierata, perché dal disordine - anche sociale - del terremoto emerga alfine una visione dove a prevalere è l'ordine, lo status quo, l'autorità e il prestigio dell'apparato dello Stato. (...) Salvare milioni, o lingotti, dopo tutto è meno complicato che cercare di strappare alla morte, in una gara contro il tempo, migliaia di sepolti vivi" (p.155).

A questo atteggiamento grettamente calcolatore da parte degli apparati dello Stato si contrappone lo slancio di solidarietà manifestato da più parti della società. In poche settimane si raccolgono più di ventun milioni di lire (dell'epoca) in sottoscrizioni, buona parte delle quali provenienti dall'estero. La cosa non manca anzi di creare preoccupazioni nelle alte sfere: non si rischierà di creare l'abitudine all'assistenza, al farsi mantenere dallo Stato, a quello che oggi si chiama assistenzialismo? Sua Altezza Reale il Duca d'Aosta esprime autorevolmente questo cruccio quando afferma che "è immorale mantenere un'orda di vagabondi e creare oziosi" (p. 234).

Non si trattò soltanto di solidarietà finanziaria. Volontari affluirono da tutta Italia per prestare opera di soccorso. Boatti dedica particolare attenzione alla vicenda di uno di essi, il parlamentare parmense Giuseppe Micheli, un deputato cattolico che, arrivato a Messina pochi giorni dopo il terremoto, subito mise in piedi, con la collaborazione dell'Arcivescovo, un "comitato messinese di soccorso", a carattere volontario, che si rivelò un'organizzazione semiufficiale sotto molti aspetti più efficiente di quella statale (pp. 263-68). Un'altra figura che emerge è quella dell'ex sindaco socialista di Catania Giuseppe De Felice Giuffrida, che era stato protagonista pochi anni prima di una delle esperienze politico-amministrative più avanzate della Sicilia dell'epoca: da sindaco della sua città aveva promosso forme di socializzazione dei servizi pubblici (forni municipalizzati, cucine popolari), la cui esperienza risultò ora preziosa per organizzare la distribuzione dei viveri ai superstiti del terremoto (pp. 203-4).

La miseria delle regioni colpite dal terremoto impressionò molti degli osservatori e degli inviati giunti sul luogo della catastrofe. Qualcuno propose dei rimedi; ad esempio il letterato Giovanni Cena suggerì, naturalmente quale misura temporanea, quella di emigrare. "Parecchi anni di duro tirocinio all'estero (...): poi gli emigranti calabresi torneranno altri uomini e non domanderanno più nulla, fuorché il loro buon diritto di cittadini" (p. 381). (Oggi si può dire che noi calabresi abbiamo seguito il consiglio, e che gli "anni di tirocinio" sono stati effettivamente molti, anzi durano tuttora. Sarà che siamo un po' lenti ad imparare?).

Il libro di Boatti non manca di sottolineare l'imprevidenza e anche l'incoscienza generalizzata che indussero i cittadini di Messina e Reggio Calabria (le città che oggi qualcuno vorrebbe unire con un ponte lungo tre chilometri, inutile, dannoso e pericoloso) a costruire tutto, anche gli edifici pubblici, al di fuori delle più elementari regole di sicurezza. Le fotografie che corredano il volume illustrano un panorama di distruzione impressionante, ove emerge, unica costruzione intatta perché edificata con criteri antisismici, il villino di un medico messinese.

Nella sua ricognizione della pubblicistica dell'epoca, Boatti dedica due capitoli ad alcune singolari polemiche: quella (cap. XVII) fra autorità laiche e cattoliche riguardo alla sistemazione degli orfani del terremoto (il Vaticano pretendeva ovviamente che fossero tutti educati "in Cristo" nei suoi istituti), e quella concernente il destino dell'Università di Messina, di cui alcuni illustri cattedratici proposero senz'altro la chiusura, in base alla considerazione che di università ce n'erano fin troppe e che in particolare quelle meridionali erano diplomifici per giovani sfaccendati (pp. 276-7).

Boatti chiude la sua esposizione con un'osservazione suggestiva: la "meglio gioventù" dei volontari del terremoto, poco dopo, buttò via inutilmente la propria carica di idealismo e di amor patrio, la propria volontà di fare e di cambiare le cose, nelle trincee della Prima guerra mondiale. Agli ordini (aggiungo io) di quella medesima classe dirigente ignorante, ottusa, autoritaria, incapace e meschinamente arroccata nella difesa dei propri privilegi, che aveva già dato prova di sé nella gestione ufficiale dell'emergenza-terremoto e che di lì a poco "inventerà" il fascismo.

Questo testo di Giorgio Boatti fa luce su un episodio importante e poco conosciuto della nostra storia nazionale, e lo fa (a differenza della pseudo-storiografia sensazionalistica e superficiale oggi di moda) con grande scrupolosità e metodo: il volume si chiude con ben cento pagine di appendice documentaria e di note al testo. Anche solo per questo sarebbe da raccomandare. Per chi come me proviene da una delle zone disastrate, la lettura di questo libro è irrinunciabile e consente di ritrovare la radice di mali antichi.

Originariamente pubblicato il 22 febbraio 2005, qui.
          Stella rossa sull'Europa        
"Buongiorno, Anne. Buon anno".
"Buongiorno, Valentin. Buon anno anche a te. Novità?"
"Sì. Un nuovo arrivo. Sabato notte. Hai il colloquio già fissato per le undici. Trovi tutti i dettagli in agenda".
Anne Dupont, psicologa del Centro di Prima Accoglienza di Calais, entrò nel suo ufficio, accese il terminale e consultò la sua agenda elettronica.

Lunedì 5 gennaio 2011, ore 11,00. Colloquio con Monsieur Philip Brasser. Cittadino britannico. Età 38. Celibe. Operazione di salvataggio in mare, Canale della Manica, acque internazionali, 3 gennaio u.s. Condizioni fisiche buone. Non parla francese. Attribuzione provvisoria: codice blu.

Bene, pensò Anne. Un rifugiato politico. Iniziare l'anno nuovo con un codice blu era di buon auspicio. Il colloquio era di lì a due ore. Non c'erano altri impegni per la giornata. Completò con calma alcuni referti clinici iniziati la settimana precedente, fece una partita a Tetris, chattò con alcuni amici in Internet. Quando fu il momento, si aggiustò il make-up e si recò in sala colloqui.

Era una stanza non troppo ampia, arredata come un normale studio specialistico ma con qualche accorgimento per mettere gli ospiti a proprio agio: colori pastello, luci soffuse, lettino basso, comoda poltrona. Su quest'ultima, di fronte alla scrivania della dottoressa, era già seduto il signor Brasser.

"Good morning, Mr. Brasser. Prima di tutto, come sta?"
La domanda non era solo formale. L'uomo appariva molto provato. I tanti capelli bianchi, la pelle del viso magro solcata da numerose rughe, le profonde occhiaie dietro le lenti spesse, lo facevano sembrare più vecchio di dieci anni rispetto alla sua età anagrafica. Al posto degli abiti che indossava al momento del suo salvataggio, fradici e inservibili, gli avevano fornito un nuovo completo, che era tuttavia di due numeri più largo e accentuava la gracilità del suo fisico. Gli tremavano le mani.
Quegli scafisti maledetti, pensò Anne.
"Adesso sto meglio, grazie. Certo, suppongo che la notte passata all'addiaccio su quel canotto non abbia migliorato granché la mia cera. Ma ho fatto una buona dormita, qui da voi, e la vostra cucina è ottima". La sua voce era ferma, con una sfumatura d'ironia. "Solamente, non sono riuscito a procurarmi neppure una sigaretta, dottoressa..."
"Dupont. Ma può chiamarmi Anne. Temo che non ne troverà neppure in futuro. Nell'Unione non se ne producono più. Fino a qualche tempo fa, le importavamo dal suo paese".
"Oh, già, ora ricordo. Le esportazioni cessarono sei anni fa. Troppo pochi fumatori, qui da voi. Non c'era abbastanza profitto. Lo so perché all'epoca lavoravo in un'agenzia di rating".
"Lei è analista finanziario?"
Il signor Brasser rise. "No. Laureato in agraria. Da Troody's ero operatore al call center. Ogni grande compagnia ha il suo. E' la mansione che ho sempre svolto, durante tutta la mia carriera. Ho lavorato per almeno trenta società diverse, ogni volta per non più di sei mesi. Si imparano tante cose, sa?"
"Non ho dubbi. Ma veniamo al punto. Lei ha chiesto lo status di rifugiato politico. Data la sua provenienza, certamente la sua richiesta sarà accettata. Lei diventerà fra breve, a tutti gli effetti, cittadino dell'Unione delle Repubbliche Socialiste d'Europa. Già adesso, comunque, lei è libero di circolare in tutto il territorio dell'Unione, ed eventualmente anche di tornare da dove è venuto..."
"No grazie! Non ci tengo affatto".
"Dicevo per dire. In genere, qui da noi i rifugiati si integrano abbastanza in fretta. Tuttavia, non si può escludere che, all'inizio, lei si trovi un po' spaesato. Il nostro sistema sociale è molto diverso da quello da cui lei proviene. A sua richiesta, lei può fruire di adeguata assistenza psicologica e culturale, per superare eventuali difficoltà di adattamento. In questa fase iniziale, se vuole, mi consideri pure come suo referente".
"Oh. E quanto dura questa... fase iniziale?"
"Può finire anche subito, se crede. L'unico suo obbligo, se intende rimanere nell'Unione, è di iscriversi nelle liste di collocamento e nelle graduatorie per gli alloggi. Non credo che le sarà difficile trovare un lavoro e una casa. Se lei non ha esigenze particolari, penso che troverà una sistemazione accettabile nel giro di un paio di settimane. Fino ad allora, comunque, può rimanere qui, o spostarsi in una delle altre strutture di prima accoglienza nel territorio dell'Unione".
"Sembra magnifico. Dov'è la fregatura?"
"Ecco. Era proprio ciò che intendevo. Non c'è nessuna fregatura, per quanto lei sia abituato a pensare che debba per forza esserci. Non pretendo che lei mi creda. Presto se ne accorgerà da sé".

Non c'erano straordinari da fare, quel giorno. Alle tredici, Anne spense il computer, salutò i colleghi che arrivavano per il turno pomeridiano e, senza passare dalla mensa, prese l'elio-tram che, serpeggiando silenziosamente lungo la costa, la portò a casa sua in dieci minuti. Era una magnifica giornata di sole. Il mare era inusualmente calmo, in quei giorni. Una fortuna, per Brasser. Aveva evitato il triste destino di tanti boat-people che partivano clandestinamente dalla riva inglese ma non riuscivano a raggiungere i nostri mezzi di soccorso nelle acque internazionali.

Anne abitava da sola. Si preparò un leggero pranzo macrobiotico, poi un caffé d'orzo. Accese la radio; la spense. Si guardò nello specchio del soggiorno. Sorrise. Tutto sommato, si piaceva. Si chiese come sarebbe stato il suo sembiante, alla sua età, se anziché in Europa continentale fosse vissuta in quell'inferno che doveva essere Londra. I profughi le avevano raccontato storie orribili. Inquinamento, degrado. Se andava bene, orari lavorativi di dieci o dodici ore. Altrimenti, la disoccupazione, l'emarginazione e la pazzia. Oppure, per una ristretta minoranza, la ricchezza e il potere, ma a costo di rinunciare a qualsiasi barlume d'umanità. Un'altra forma di follia, in fondo.

Mercoledì 7 gennaio, ore 10,00. Secondo colloquio con Monsieur Brasser.

Quella mattina l'aspetto di Mr. Brasser era molto migliorato. Anne glielo disse.
"Grazie, Dottoressa. Lei è gentile quanto bella".
Anne Dupont ignorò il complimento.
"Se ho chiesto un nuovo colloquio" continuò Brasser, "non è per ottenere assistenza psicologica".
"Davvero? E perché, allora?"
"Ho due domande da porle".
"Le risponderò, se posso. Ma prima, permetta che le faccia io una domanda. Cosa sa, lei, dell'Unione?"
"Poco, in realtà. So che dapprima ci fu la Rivoluzione d'Ottobre, in Russia, nel 1917. Poi, tra il '18 e il '20, il capitalismo fu abbattuto in Germania, in Ungheria e in Italia. In rapida successione, tutte le colonie europee in Asia e in Africa conquistarono l'indipendenza. L'India nel 1925, la Cina nel '27, e così via. Poco dopo fu la volta dell'Algeria e del Marocco, e a quel punto la rivoluzione scoppiò anche in Francia e in Spagna. Alla fine degli anni '30, tutta l'Europa continentale era socialista.
Frattanto, il crollo di Wall Street nel 1929 aveva gettato l'America nella crisi più nera. Le elezioni presidenziali del 1940 furono vinte da Charles Lindbergh, un fanatico antisemita che instaurò negli U.S.A. una dittatura razzista, appoggiata dal grande capitale. Presto quel regime si circondò di una serie di stati-satellite che coprivano tutta l'America del Sud e del Nord.
Negli anni '80, quelle dittature iniziarono ad implodere, dapprima in America Latina e poi in Canada. Quando nel 1989 cadde il Muro di Tijuana, finalmente il capitalismo crollò negli stessi Stati Uniti. Da allora, secondo la nostra propaganda, il Regno Unito di Gran Bretagna è rimasto l'ultimo baluardo del libero mercato e della civiltà, contro la barbarie socialista che ha travolto tutto il resto del globo. Questo è quanto".
"Bene - disse la dottoressa - a parte la faccenda del baluardo, il quadro storico è corretto. Non le sarà stato facile ricostruirlo..."
"No, infatti. Da noi, formalmente, la cultura è libera, e ognuno può leggere ciò che vuole. Si possono prendere in prestito, nelle poche biblioteche rimaste, anche testi di Marx o di Lenin, e persino di Fabio Volo. Non è vietato. Di fatto, però, ci sono materie che non conviene approfondire troppo. Se si viene a sapere che lei fa certe letture e che ha determinate idee (e si viene a sapere sempre), non speri di trovare lavoro tanto facilmente. Io me la sono cavata con i call center, solo perché le mie origini non sono troppo umili. Quando avevo vent'anni, i miei riuscirono persino a mandarmi all'università. Certo, oggi non potrei più frequentarla. Da allora le rette sono decuplicate."
"Ah, lei ha letto Fabio Volo? Complimenti. Da noi, molti lo considerano un autore troppo difficile".
"Sì, è molto rigoroso e denso, ma se si ha tempo da dedicargli, è un pensatore affascinante. Le consiglio la Critica del tempo unidimensionale, se non l'ha ancora letta. A me ha aperto la mente. In realtà, uno dei motivi per cui mi sono deciso ad espatriare è che anche studiare per conto proprio da noi è diventato impossibile. Troppo costoso, da quando il dizionario è stato privatizzato".
"Il dizionario?"
"Sì. Tutti i sostantivi che iniziano per vocale appartengono alla Mircosoft. Quelli che iniziano per consonante sono del gruppo Murdogh. Gli avverbi sono di Merdaset, e così via. Per leggere o per usare comunque le parole bisogna pagare il noleggio ai legittimi proprietari. Quando lei scrive una e-mail, oppure quando chatta o quando telefona, un sistema di contatori automatici calcola la cifra e l'addebita sul suo conto. Ottimo sistema, fra l'altro, per controllare i contenuti della comunicazione. Io, per esempio, ho fatto quindici giorni di carcere per uso illecito di marchio registrato, la volta che in una mia mail ho scritto che la Cocca Colla mi faceva schifo".
"Senta, Mr. Brasser. Quali sono i suoi progetti? Cosa intende fare, ora che è venuto qui da noi?"
"Primo, togliermi una curiosità che mi ha tormentato a lungo. Ed è la prima delle due domande che volevo farle, si ricorda?"
La dottoressa Dupont sbuffò. "Va bene. Spari".
"La domanda è: perché non ci avete invaso? Come avete potuto lasciarci a mollo in quella fogna?"
Anne si appoggiò sullo schienale della sedia. "Beh, alcuni partiti in seno all'Internazionale erano per dichiarare guerra. Ma infine prevalse l'idea che il socialismo non può essere imposto con i carri armati. Se ci avessero attaccato, ci saremmo difesi. Per fortuna non accadde. Oggi, poi, molti sostengono che una pluralità di sistemi sociali diversi non è necessariamente un male. In India, in Giappone e in Sud America, dove la transizione al comunismo è molto avanzata, stanno già smantellando le strutture dello Stato, per sostituirle con vari tipi di organizzazione non statuale. In Europa e in Africa ci troviamo ancora nella fase socialista, in vari stadi di sviluppo a seconda dei territori. Forse è bene che ci siano delle zone dove ancora vige il capitalismo."
"Sarà un bene per voi, che ci osservate dall'esterno come se fossimo allo zoo! Ma per noi che siamo in gabbia è un altro discorso".
"Lei ora non è più in gabbia. Comunque, mi sembra che il suo atteggiamento nei confronti del suo paese d'origine sia un po' troppo negativo, non crede?"
"Mi dica lei cosa ci vede di bello, in quel letamaio", ribatté Brasser.
"Beh, che so... Avete una scena musicale molto vivace. Un sacco di gruppi pop, rock, punk, post-punk... Wim Wenders ci ha fatto anche un film. Poi, comunque, il vostro sistema ha ancora una base di consenso popolare".
"Si riferisce a West End London Social Club, vero? Quel film mi dà la nausea! Le televisioni del regime lo replicano senza tregua. L'unico film d'autore trasmesso in prima serata, e senza interruzioni pubblicitarie."
"Ecco, ad esempio - lo interruppe la dottoressa - Perché lei parla di televisioni di regime? Da voi ci sono sei o sette canali, se non sbaglio, tutti privati e in concorrenza fra loro..."
"... e trasmettono tutti le stesse schifezze. Non si distinguono l'uno dall'altro. Anne, lei non ha capito: da noi l'economia è allo sfascio, la società è in piena decadenza, la cultura è morta e sepolta. L'unica attività che va a gonfie vele è la manipolazione del consenso per mezzo dei mass-media. Quella è l'unica industria che non conosce crisi!"
"Non volevo farla arrabbiare. Si calmi. Lei ora è al sicuro. Andrà tutto bene. Respiri profondamente, e mi faccia la seconda domanda che voleva pormi".
"Mi scusi. La domanda è questa. Lei è libera stasera? Ho letto sul giornale che in un cinema d'essai a Dunkerque proiettano L'Atalante di Jean Vigo. E' una vita che desidero vedere quel film, e mi chiedevo se... lei volesse venire con me a vederlo, ecco."


Pubblicato su Evulon in due puntate: la prima il 7 gennaio 2011 qui, e la seconda il 12 gennaio 2011, qui.
          La rivoluzione russa        
La mattina del 20 settembre 1871, il Maestro Franz Liszt si esercitava al pianoforte nello studio della sua sontuosa magione di campagna vicino Budapest, quando fu interrotto da un confuso e concitato vociare proveniente dal portone d'ingresso.

"Che succede, Pierre?" chiese mentre raggiungeva il suo maggiordomo, il quale, bloccando con il suo corpo l'accesso alla casa, stava palesemente cercando di convincere un ospite indesiderato ad andarsene.

Quando Liszt, avvicinatosi dietro le spalle del suo domestico, poté scorgere l'aspetto dell'intruso (un uomo sui sessant'anni, calvo, barbuto, che sembrava assai malmesso, ma parlava un francese forbito con marcato accento parigino), quest'ultimo troncò subito, lasciando una frase a metà, il suo litigio con Pierre e, volgendo speranzoso lo sguardo al padrone di casa, così lo apostrofò:

"Maestro Liszt! Maestro! Vi prego, degnatevi di concedere udienza ad un vostro grande ammiratore, giunto or ora dalla Francia solo per avere l'inestimabile onore di fare la Vostra conoscenza!"

"Padrone!" diceva intanto il maggiordomo, "lasciate che cacci via a calci nel sedere questo vagabondo che pretende di farsi ricevere da Voi! E' inaudito! Come se qualsiasi pitocco potesse..."

"Va bene, Pierre, lascia pure entrare Monsieur... di grazia, come vi chiamate?"

Il viso dello strano ospite si rasserenò. "Mi chiamo Eugène Pottier. Da Parigi. Poeta. Per servirvi. Sapevo che avreste... oh, grazie, mille grazie, Maestro!"

"Potete chiamarmi semplicemente Padre. Come forse saprete, non sono che un umile servitore di Santa Romana Chiesa... Ma accomodatevi nel mio studio, ve ne prego, e raccontatemi di voi..." diceva Liszt mentre accompagnava il suo ammiratore lungo il corridoio. "Venite da Parigi, avete detto?", qui il musicista scoccò uno sguardo sospettoso sul suo interlocutore. "E dove siete diretto, se posso..."

Mentre Liszt tornava a sedersi al suo pianoforte, Pottier si accomodò su un'ampia poltrona disposta in modo da fronteggiare il lato destro dello strumento. Come in una sala da concerto, pensò Pottier un po' a disagio. "Maestro, cioè scusatemi, Padre. Avete già capito. Sono un combattente della Comune. Sono in esilio, ramingo per l'Europa, da ormai quattro mesi. Ma non voglio annoiarvi con il racconto delle mie tribolazioni. Sono venuto qui, attratto dalla vostra fama di grande artista e di uomo già attento alla questione sociale, perché ho un testo, da me composto, che vorrei chiedervi di porre in musica".

Ci furono alcuni secondi di silenzio, durante i quali le palpebre di Liszt si aprirono e si chiusero spasmodicamente per una ventina di volte. "Monsieur Pottier... vi rendete conto, spero, del rischio a cui state esponendo voi stesso e me. Mi è difficile comprendere come siate potuto giungere fin qui dalla Francia. Ma, che la vostra sia stata fortuna o incoscienza, sappiate che la polizia asburgica non è affatto indulgente con quelli come voi, né con chi dà loro rifugio."

Pottier si raddrizzò sulla poltrona. "Né fortuna, né incoscienza, Monsieur Liszt. Siamo stati sconfitti, è vero. Ma abbiamo compagni ovunque, pronti a dare il loro silenzioso contributo alla Causa. E' grazie alla loro solidarietà che sono riuscito a sopravvivere e ad arrivare a voi. La musica che porto con me" - a questo punto Pottier tirò fuori da una tasca della giacca un fascicolo spiegazzato, ingiallito e sgualcito, e lo tese a Liszt - "mi induce a confidare anche nella vostra solidarietà".

Sempre più stupito, ma senza offuscare la politezza dei suoi modi da gentiluomo, il musicista prese l'opuscolo che lo strano visitatore gli porgeva. Era uno spartito a stampa che recava sopra il pentagramma il titolo Lyon e il motto: Vivre en travaillant, ou mourir en combattant. Che si potrebbe tradurre, a un dipresso: Vivere del proprio lavoro, o morire combattendo.

"Dove l'avete trovata?" chiese subito Liszt. "Questa composizione non fa più parte della raccolta delle mie opere. Non viene più ristampata da..."

"Dal 1837" lo interruppe Pottier. "Me la regalò mio padre, il giorno del mio ventunesimo compleanno. Mi spiegò che un grande musicista l'aveva composta per celebrare il ricordo della rivolta degli operai disoccupati di Lione. Mi disse: se vuoi davvero fare l'artista, prendi esempio, figlio mio, e ricordati sempre da quale parte della barricata devi stare!"

Liszt guardò fisso il suo ospite, che ricambiava lo sguardo con fermezza. Poi sospirò. "Monsieur Pottier, i tempi sono cambiati. Persino quella testa calda del mio amico Wagner se n'è reso conto, ed è passato (come direste voi) dall'altra parte della barricata. L'epoca delle rivoluzioni è finita. Per sempre. Anche voialtri, col vostro folle tentativo laggiù in Francia, lo avete dimostrato. Datemi retta: la vostra cosiddetta questione sociale non ha alcuna soluzione. Non su questa terra, almeno. La sola cosa che posso fare per voi è scrivere due righe al priore del convento francescano che si trova a una lega da qui. E' mio amico. Vi darà ricetto e ospitalità, fino al giorno in cui Dio, nella Sua infinita misericordia, illuminerà la vostra mente, come già fece con la mia. Allora anche voi comprenderete, e vi rassegnerete alla Sua volontà".

Pottier rimase in silenzio. Poi fece per rimettere in tasca l'altro foglio di carta che ne aveva tratto poco prima e che stava per consegnare al grande musicista. Ma gli tremava la mano e, senza che lui se ne accorgesse, il foglio cadde per terra. Infine disse: "Bene, Monsieur Liszt. Vi chiedo scusa per l'incomodo e per il rischio che vi ho fatto correre. Mi ero sbagliato sul vostro conto. Ora non vi importunerò ulteriormente e, col vostro permesso, riprenderò il mio viaggio."

Stava per uscire senz'altro dallo studio di Liszt, ma quest'ultimo lo richiamo: "Aspettate, Monsieur Pottier. Non fatemi il torto di rifiutare la mia ospitalità, almeno sino a domattina... Tra poco sarà servita la colazione. Frattanto, accomodatevi, e siate così gentile da attendere che abbia finito i miei esercizi. Fra l'altro, suono meglio quando ho un pubblico ad ascoltarmi. Posso chiedervi inoltre, nuovamente, qual è la meta del vostro viaggio?"

Eugène Pottier si risedette. "Credo che andrò in Russia. C'è molto lavoro da fare, laggiù".

"In Russia!?" esclamò Liszt. Stava per aggiungere: voi siete pazzo, ma si trattenne. "Voi non sapete quel che dite! Ogni giorno, ogni giorno lo Zar incarcera, spedisce in Siberia o manda sul patibolo gente come voi! Ecco, guardate" - Liszt prese in fretta dallo scrittoio una rivista - "guardate questo giornale che mi è arrivato ieri da San Pietroburgo. Sapete leggere il cirillico? Ecco l'elenco dei terroristi che sono stati impiccati il mese scorso per avere cospirato contro la monarchia: Rodion Raskolnikov, Nikolaj Stavrogin, Aleksandr Uljanov... Va avanti per un'intera pagina! E voi volete andare in Russia?"

Pottier ribatté con calma: "Terroristi, avete detto? Uhm... no, non è questa la strada. Noi vinceremo, ma seguendo un altro cammino."

"Ah, sì? E quale, se mi è concesso chiederlo?

"Non lo so. Forse la strada non c'è. Ma so che c'è da camminare".

Liszt sospirò. Guardò Pottier. Poi guardò il giornale russo. Poi guardò il suo pianoforte. Infine ci si sedette e, senza dire niente, attaccò a suonarlo.

Suonava già da un quarto d'ora, e le tortuose armonie della Sonata in si minore si dipanavano con sicurezza sotto le sue dita, come un filo di lana in un labirinto, quando Liszt sentì un suono inconfondibile provenire dalla poltrona del poeta. Liszt portò a termine l'esecuzione della Sonata, poi si alzò dal pianoforte e risistemò delicatamente il poggiatesta imbottito sotto la tempia di Pottier. Quest'ultimo smise di russare, ma non si svegliò. Poi il musicista si chinò a raccogliere il foglio di carta che era caduto dalla tasca di Pottier. Si risedé al pianoforte e lo lesse. Era scritto in versi e iniziava così:

"Debout, les damnés de la terre
Debout, les forçats de la faim!
La raison tonne en son cratère
C'est l'éruption de la fin.
Du passé faisons table rase.
Foules, esclaves, debout, debout!
Le monde va changer de base.
Nous ne sommes rien, soyons tout!"


Il poema andava avanti su questo tono per un'altra decina di strofe. Liszt lo lesse con attenzione. Poi sbuffò forte col naso, mise il foglio da parte e si rimise al piano. Attaccò a suonare una sua composizione che s'intitolava Funérailles. Si interruppe dopo poche battute. Poi, per la prima volta dopo decenni, dalla cassa armonica rintoccarono le possenti note iniziali di Lyon. Ma anche questa esecuzione fu lasciata a metà.

Liszt si prese la faccia tra le mani. Cosa gli stava succedendo?

Infine il musicista sembrò distendersi. Riprese in mano il foglio con la poesia di Pottier e lo pose sul leggìo. Iniziò ad improvvisare. Si udì una melodia piuttosto bella, allo stesso tempo vivace e solenne, in ritmo giambico. (Molto tempo dopo, qualcuno l'avrebbe descritta come una via di mezzo fra Oh, my darling Clementine e La cucaracha).

Subito iniziò a variare. Mentre un ritmo lento, profondo e pauroso rombava nella parte sinistra della tastiera, la melodia si trasformò in un canto popolare slavo che sembrava provenire dall'inizio dei tempi.
Poi il ritmo si fece più veloce, incalzante e sincopato, come di tamburi africani, mentre la melodia, stranamente deformata in semitoni, diede l'allucinante impressione di provenire non più da un pianoforte, ma da una tromba con sordina, o da qualche altro strano strumento a fiato non ancora inventato.

Poi ancora la stessa melodia, resa esile, sottile e tintinnante, si stagliò nelle zone alte della tastiera, sullo sfondo di colpi molto distanziati, come di un gong, che provenivano dalla mano sinistra. Senza soluzione di continuità, questo tintinnio si tramutò nel canto di un muezzin. Poi fu come se, prodigiosamente, tutte queste versioni della stessa identica melodia risuonassero insieme. Pottier, che nel frattempo si era svegliato, non credeva ai propri occhi. Le mani di Liszt si muovevano ad una velocità sovrumana, producendo una fittissima gragnuola di note di ogni altezza, che scemava e poi di nuovo s'intensificava, fino a scoppiare in un'onda di energia di terrificante violenza. Infine, mentre le ultime risonanze dell'esplosione ancora si dissolvevano, la melodia iniziale ritornò piano, semplice ed infantile, lenta, simile ad un carillon che suonasse una ninna-nanna.

La straordinaria esibizione di Liszt aveva intanto richiamato tutta la sua servitù, che si era raccolta ad ascoltare in un piccolo drappello dietro la porta dello studio: erano anni che non lo sentivano suonare a quel modo. Fra di loro, c'era una famigliola composta da una giovane coppia con la loro bambina di tre anni.

"Hai sentito, Sandor?" disse la moglie. "Tu dicevi che il vecchio si era ormai completamente rincitrullito..."

"Sì, Hannah, te lo confermo: il vecchio si è totalmente rimbecillito. Ma per sua fortuna, le mani ce le ha ancora buone. Vieni, Milena!" prese in braccio la sua figlioletta, "ascolta. Un giorno anche tu dovrai suonare così".

Pubblicato il 7 ottobre 2010, qui: http://www.evulon.net/news.php?extend.3549


          Radici        
"Sai" dico, "sono scaduti i diritti d'autore sulle opere di Freud".
E' domenica e sono le nove del mattino. Anna sa che, prima di colazione, non sono in grado di dire nulla che abbia un senso compiuto. Se è di buon umore, mi asseconda nel mio delirio. Oggi è di buon umore.
"Perché?", mi risponde. "Vuoi cominciare a tradurre Freud?"
"Magari. Purtroppo non so il tedesco. No, è per spiegare come mai mi sono alzato così presto. Ieri pomeriggio sono entrato in libreria e ho visto che la Newton Compton ha pubblicato questa edizione economica del saggio di Freud su Mosè..."
"Quello sul Mosè di Michelangelo? Ma non l'avevi già letto?"
"No, non quello sulla statua. E' una monografia proprio su Mosè il personaggio biblico. E' l'ultima grande opera di Freud, pubblicata nel 1938, un anno prima della morte. Non l'avevo ancora letta, perché l'edizione Bollati Boringhieri costa una barbarità e non mi andava di prenderla in prestito in biblioteca. Sai, i libri di Freud sono di quelli che voglio possedere. Comunque niente, ieri l'ho comprato e l'ho finito proprio poco fa. Senza zucchero, il tuo caffellatte, vero?"
"Tre cucchiaini, grazie".
"Mi prendi in giro?"
"Certo. Ma raccontami un po' questo libro, sono curiosa. E' assurdo come l'altro, quello sulla statua di Michelangelo? Quello dove Mosè, di ritorno dal Sinai, vedeva il suo popolo adorare il vitello d'oro, s'incazzava e stava per spezzare le tavole della legge, ma subito si tratteneva, e proprio in quel momento Michelangelo era lì che lo 'fotografava' con lo scalpello, e dietro un cespuglio c'era il professor Freud, col suo taccuino, che analizzava l'intera performance..."
"Dai, non essere così cattiva. Diciamo che, in quel saggio, Freud ha dato una sua interpretazione, un po' audace, di una celebre scultura rinascimentale. Comunque anche W. H. Auden, in una sua poesia, ha scritto che Freud a volte era assurdo e che ciò non diminuisce affatto la sua grandezza".
"Sarà. Intanto neppure il tuo Freud è riuscito a spiegare ad Auden la verità sull'amore".
"Tesoro! La verità sull'amore non la conosce nessuno. Tranne tu ed io, naturalmente".
"Naturalmente. Ma non mi hai ancora detto cos'ha di tanto speciale questo libro, che ti ha buttato giù dal letto poco dopo l'alba".
"E' presto detto. Hai presente Mosè, no? Il patriarca, il fondatore della religione ebraica, il profeta che guidò il suo popolo nell'esodo dall'Egitto verso la Palestina, che ricevette da Dio i dodici comandamenti, eccetera. Bene, Freud sostiene che Mosè, in realtà, non era affatto ebreo. Era egiziano".
"Ma va'?"
"Proprio così. Secondo Freud, Mosè era un nobile, o forse un alto sacerdote egiziano, seguace del dio Aton. Come ricorderai, il faraone Akhenaton aveva tentato di introdurre in Egitto il monoteismo, sostituendo al culto degli dèi la religione dell'unico dio solare Aton. Ma la sua riforma religiosa, molto avanzata per quei tempi, non ebbe fortuna. Quando Akhenaton morì, il politeismo riprese il sopravvento in Egitto. Il clero, che era stato represso ed esautorato da Akhenaton, morto il faraone, si vendicò ferocemente. Fu una reazione terribile: tutte le tracce del culto di Aton furono spazzate via. Persino il nome Aton fu cancellato dai monumenti".
"Sì, mi ricordo. Anche il faraone Tutankh-Aton, il giovane erede di Akhenaton, dovette cambiare nome, riconvertirsi alla vecchia religione e chiamarsi Tutankhamon. E forse neanche questo bastò a salvargli la vita, poverino! Probabilmente lo ammazzarono e lo chiusero nella tomba con quella bellissima maschera funebre tutta d'oro..."
"...quella che abbiamo visto cinque anni fa al museo del Cairo..."
"... durante il nostro viaggio di nozze. A proposito, fra poco è il nostro anniversario, Tato. Dove andiamo a festeggiarlo?"
"Mah, in Egitto ci siamo già stati. Ti porto a Vienna, a visitare la casa di Freud?".
"Anche a Vienna ci sono già stata".
"Ma io no. Comunque, stavo dicendo: Mosè era un fedele del dio Aton. La nuova religione gli piaceva proprio, e non si rassegnò alla restaurazione politeista. Era in contatto con questa popolazione di nomadi, che vivevano nel deserto, ai margini della società egiziana, chiamati Habiru...".
"Gli Ebrei?"
"Proprio loro. Mosè ne fece il suo popolo. Li convertì alla religione monoteista, diede loro nuove leggi, insegnò loro tutto ciò che sapeva, e li condusse con sé nell'esodo fuori dall'Egitto, verso la terra promessa."
"Ciumbia! Sembra una puntata di Voyager. Quali altre sensazionali rivelazioni ci sono, nel tuo libro? Nel senso: Mosè era egiziano, e poi? Shakespeare era siciliano? Le sinfonie di Mozart le ha scritte un veneto? Atlantide altro non era che la Sardegna? E qualcosa sul Graal? Non dirmi che non c'è niente sul Graal. Cioè, scusa, Tato, ma è una teoria un po' delirante..."
"Sshh! Se ridi così forte, svegli la bambina. Sì, hai ragione, è delirante. Proprio in ciò consiste la genialità di Freud. Lui ragionava come i suoi pazienti. Altrimenti non sarebbe mai riuscito a guarirli, no? Tramite lui, la Follia torna a parlare, dopo tre secoli di censura... E lascia perdere Voyager: non c'entra niente. Freud credeva in ciò che diceva, e non gli interessava fare audience".
"Boh. Ma li guariva, i suoi pazienti?"
"Certo che li guariva! Guarda, mi hai fatto talmente arrabbiare che mi sono mangiato tutti i pistokeddos".
"I savoiardi di Atlantide? Ma se te ne mangi un'intera confezione ogni mattina. Sei forte, Tato. Però spiegami una cosa. Allora, siamo nel 1938. Mezza Europa è sotto dittature fasciste, Hitler sta per annettersi l'Austria, lo stesso Freud deve scappare a Londra per sfuggire alla persecuzione, e in questa situazione tragica per il suo popolo, il professore non trova di meglio che pubblicare un libro dove sostiene che il fondatore dell'ebraismo non era ebreo? A me pare una mezza vigliaccata, non capisco come fai a parlarne con tutto questo entusiasmo".
"Ma caspita, Anna, è proprio questo il punto! Senti: chi ha vinto le ultime elezioni?"
"Non capisco cosa c'entra".
"Come, che c'entra? Ma lo senti, quello che dicono? 'Padroni a casa nostra. Ognuno a casa sua. Il Suolo. Il Sangue. La Razza. Le Tradizioni. Le Radici. Il Territorio. Radicarsi nel Territorio'... Dio, quanto ce la menano co' 'sta storia del territorio! Tutti a ribadire come un disco rotto che bisogna Radicarsi nel Territorio, come se non fossimo esseri umani, ma olmi, o platani, o che so io. E come se non fossero stati proprio loro a devastarlo e distruggerlo, 'sto cazzo di territorio, da quarant'anni in qua, a furia di capannoni e svincoli e tangenziali e inceneritori e ripetitori, centri commerciali e colate immonde di cemento, fabbriche aperte e poi chiuse, e sempre zero solidarietà, zero giustizia, zero cultura, zero arte e zero umanità... Talmente spaventati e abbrutiti e rimbecilliti da questo schifo che loro stessi hanno prodotto, da non saper fare altro che cercare spasmodicamente qualche capro espiatorio, cui far scontare tutta la loro bile e la loro frustrazione... E prima i meridionali, e poi i tossici, e poi gli albanesi, e ora gli islamici..."
"Adesso sei tu che rischi di svegliare la bambina".
"Sì. Scusami. Preparo un altro caffè. O preferisci un po' di spremuta d'arancia?"
"Spremuta, grazie. Quando parli di quelli là, mi sembri tuo padre".
"Che cosa brutta che hai detto..."
"Perché? Mi sta simpatico, tuo padre. Ma non mi hai ancora spiegato cosa c'entra tutto questo con Freud".
"Niente, tranne il fatto che tutta quella ripugnante retorica del Sangue e del Suolo era esattamente la stessa di cui si riempivano la bocca gli antisemiti al tempo di Freud. Sai cosa dicevano? Questo, dicevano: che ogni razza ha un proprio suolo d'origine, a cui è legata da un vincolo spirituale e mistico; che la qualità del suolo determina la qualità della razza; che gli ebrei non hanno patria, non hanno territorio e quindi non hanno dignità, sono nomadi e sbandati, vivono da parassiti degli altri popoli, eccetera eccetera."
"Beh, oggi gli ebrei ce l'hanno, il loro Stato".
"E infatti i razzisti di oggigiorno non se la prendono più tanto con gli ebrei (almeno per ora), quanto soprattutto con gli zingari e con i migranti. Ma gli argomenti sono più o meno gli stessi. Ed è contro questi argomenti che Freud mette in campo il suo Mosè. Considera questo: gli dèi che le popolazioni del Medio Oriente veneravano, a quell'epoca, erano divinità nazionali; ogni popolo aveva le sue, e queste facevano tutt'uno con il loro territorio. Erano divinità guerriere, rozze, sanguinarie, che accompagnavano ciascun popolo nella sua lotta per la supremazia sugli altri popoli."
"Ma era proprio così o lo dice Freud?"
"Non lo so. Non m'intendo di storia delle religioni. Comunque, Freud sostiene che il dio di Akhenaton e di Mosè era un dio molto diverso dagli altri dèi suoi contemporanei. Era un dio illuminista, per così dire. Anzi, quasi kantiano. Pacifista. Un dio universalista: non gli importava la nazionalità dei suoi fedeli. Non gliene fregava niente di cerimonie, riti, preghiere, statue o amuleti. Non pretendeva templi dove essere adorato, né una casta di sacerdoti per servirlo. Nemmeno prometteva alcuna vita dopo la morte. A questo dio, importava solo una cosa: che ci si comportasse bene. Che si vivesse una vita secondo ragione, verità e giustizia. Tutto qui. E' questa, secondo Freud, l'essenza del monoteismo ebraico: solo una personificazione della Ragione e della legge morale. L'aspetto etnico o nazionale o 'razziale' è così poco importante, nella concezione freudiana del monoteismo, che lo stesso fondatore dell'ebraismo non è ebreo. E allora il paradosso è che, con questo libro, l'ateo, scientista e razionalista Freud ha reso alla religione e alla cultura dei suoi padri l'omaggio più elevato che per lui fosse concepibile..."
"Bello. Ma è tutta una contraddizione. Prima non hai detto che tramite Freud la follia trova finalmente voce? Adesso te ne esci con questo panegirico della Ragione illuminista. Poi, scusa Tato, ma mi sembra tutta una diatriba tra maschi. Il dio di Freud, così ragionevole e tollerante, contro i rozzi e violenti dèi guerrieri delle mitologie pagane, va bene. Però le dee? La Grande Madre Mediterranea, per esempio, che fine ha fatto? E Iside? E poi, non capisco questa cosa dell'iconoclastia: cosa avete contro le cerimonie, i riti, e anche contro la magia, le statue e gli amuleti? Non so, sarà anche una bella cosa, questo famoso monoteismo, un grande progresso, non discuto, ma non so perché mi fa venire in mente la caccia alle streghe... Vado a svegliare la bambina, vah! Ché se no si fa tardi".
"No! Aspetta un minuto".

Pubblicato il 7 maggio 2010, qui: http://www.evulon.net/news.php?extend.3368
          Comment on Intuitive Painting Workshop, come join us! by Joanna        
Very exciting, Emily, no better woman, lucky participants .
                  
Saatnya kita kali ini mempermudah diri memahami isi sebuah buku dengan bahasa kita sendiri. Rangkuman baca diantaranya ataupun catatan-catatan kecil tentang isi buku akan lebih memudahkan diri kita megerti apa yng ada dalam buku tersebut. Ada dua buah buku yang saya sajikan milik Prof. Dr. Rachmat Joko Pradopo yaitu, Beberapa Teori Sastra, Metode Kritik dan Penerapannya dan Prinsip-Prinsip Kritik Sastra.

1. Beberapa Teori Sastra, Metode Kritik dan Penerapannya Karya Prof. Dr. Rachmat Joko Pradopo

Buku ini dimaksudkan untuk menanggapi atau mengantisipasi masuknya teori-teori sastra dan kritik sastra yang baru. Disamping itu juga untuk menanggapai kesusastraan Indonesia sendiri, terutama kesusastraan Indonesia modern. Pada saat ii sangat perlu adanya pemahaman terhadap kesusastraan Indonesia modern secara menyeluruh. Oleh karena itu perlu adanya penyusunansejarah sastra Indonesia modern, yang pada waktu itu sudah berusia 75 tahun sejak lahirnya sekitar tahun 1920. berdasarkan alasan ini Rachmat Joko menulis buku tentang teori dan metode penyusunan sejarah sastra, maka didalam buku ini disajikan tulisan ‘Masalah Angkatan dan Penulisan Sejarah Sastra Indonesia’.
Menurut Pradopo (2005:3) teori-teori dan metode kritik sastra Indonesia itu bermacam-macam, yang semuanya untuk konkretisasi dipandang dari sudut pandang teori tertentu. Oleh karena itu dalam buku tersebut tidak semua teri sastra dan kritik sastra dapat dipaparkan. Yang menjadi utamanya adalah teori sastra dan kritik sastra strukturalisme dan semiotik serta teori dan metode estetika resepsi yang sekarang sedang banyak dipelajari dalam kritik sastra ilmiah.
Adapun hal-hal yang dibahas dalam buku “Beberapa Teori Sastra, metode kritik dan Penerapannya” adalah:

1.Masalah Angkatan dan Penulisan Sejarah Sastra Indonesia.
Ada dua masalah yang harus dibahas dalam bagian ini. Pertama, masalah angkatan sastra dan yang kedua akan dibahas masalah penulisan sejarah sastra Indonesia. Yang pada intinya, masalh angkatan itu tak lepas kaitannya dengan penulisan sejarah sastra Indonesia, atau penulisan sejarah sastra Indonesia tak dapat mengesampingkan pemecahan masalah angkatan dalanm sastra Indonesia.
2.Sejarah Puisi Indonesia Modern: Sebuah Ikhtisar.
Pada umumnya sampai sekarang, yang dianggap sebagai tahun lahirnya kesusastraan Indonesia modern adalah tahun1920,tahun terbitnya (ditulisnya) roman Azab dan Sengsara (1921) oleh Merari Siregar. Sedangkan sajak Indonesia modern yang pertama adalah sajak “Tanah Air” yang ditulis oleh M. Yamin. Jadi sesungguhnya lahirnya kesusasraan Indonesia modern itu bukan hanya ditentukan oleh sastra prosa saja melainkan juga sastra puisi dalam Rosidi (1964:7).
3.Perkembangan yang Dialektis dalam Kesusastraan Indonesia Modern.
Dalam tahun 1980an, selama satu dekade, karya-karya sastra yang menampilkan latar sosial budaya daerah makin berkembang seperti tampak dalam karya-karya Linus Suryadi Ag dan Darmanto Jt. Adapula dalam novel-novel Y.B. Mangun Wijaya Burung-Burung Manyar dan Roro Mendut.
4.Pusat Pengisahan Metode Orang Pertama dan Perkembangn Dalam Roman dan Novel Indonesia Modern
Dalam bagian ini diuraikan pusat pengisahan metode orang pertama dan perkembngannya dalam novel dan roman Indonesia modern. Untuk menguraikan perkembangan itudipilih roman dan novel Indonesia modern yang menunjukkan adanya pusat pengisahan orang pertama dan perkembangannya. Roman dan novel yang menjadi sampel dalm bagian ini adalah Di Bawah Lindungan Ka’bah, Atheis, Girah untuk Hidup dan Untuk Mati, Olenka, Priyayi dll.
5.Kritik Sastra Indonesia Modern dan Perkembangannya.
Untuk menafsir, menganalisis dan menilai karya sastra adalah arientasi karya sastra yang menentukan arah atau corak kritik sastra. Orientasi karya sastra itu berdasarkan keseluruhan situasi karya sastra: alam (kehidupan) pembaca, penulis dan karya sastra. Berdasar hal itu ada empat orientasi, yaitu, mimetik, pragmatik, ekspresif dan objektif.
6.Konkretisasi sastra.
Istilah pemberian makna dalam sastra disebut konkretisasi. Dalm analisis karya sastra itu diuraikan unsur-unsur pembentuknya. Dengan demikian makna keseluruhan karya sastra akan dapat dipahami. Hal ini mengingat bahwa karya sastra itu adalah sebuah karya sastra yang utuh. (Hawkes, 1978:16) disamping itu sebuah struktur kemampuan yang utuh dapat dipahami makna keseluruhannya bila diketahui unsur-unsur pembentuknya dan saling hubungan diantaranya dengan keseluruhannya.

7.Penelitian Sastra dengan Pendekatan Semiotik.
Penelitian sastra dengan pendekatan semiotik sesungguhnyamerupakan lanjutan dari pendekatan strukturalisme(Junus,1981:17) bahwa semiotk itu merupakan lanjutan atau perkembangan strukturalisme.
8.Analisis Puisi Secara Struktural dan Semiotik.
Untuk menganalisis struktur sistem tanda perlu adanya kritik struktural untuk memahami makna tanda-tanda yang terjalin dalam sistem (struktur) tersebut. Analisis struktural merupakan prioritas pertama sebelum yang lain-lain, tanpa itu kebulatan makna intrinsik yang dapat digali dari karya itusendiritidak akan tertangkap.
9.Hubungan Intertekstual dalam Sastra donesia.
Intertekstual hanya dapat dipahami dengan baik sesudah bagaimana wujud kritik sastra dan perdebatannya sepanjang sejarahkritik sastra. Dalam bagian ini pertama kali diuraikan mengenai wujud kritik dan perdebatannya.
10.Hubungan Iintertekstual dalm Roman-Roman Balai Pustaka.
Dalam hal ini makna karya sastra tidak semata-mata ditentukan oleh sruktur instrinsiknya saja, melainkan juga ditentukan oleh latar sosial budaya dan kesejarahannya.
11.Estetika Resepsi dan Teori Penerapannya.
Yang dimaksud estetika resepsi adalah estetika(ilmu keindahan) yang didasarkan pada tanggapan-tanggapan atau resepsi-resepsi pembaca terhadap karya sastra. Dari dahulu sampai sekarang karya sastra itu selalu mendpat tangapan-tanggapan pembaca, baik secara perseorangan mauapun secara bersama-sama atau massal.
12.Tinjauan Resepsi Sastra Beberapa Sajak Chairil Anwar.
Karena sebagai pentair yang sangat penting karena sajk-sajaknya, maka drai waktu ke waktu sajak-sajaknya selalu mendapat tanggapan dari para pembaca sastra termasuk para kritikus, tanggapan tersebut bermacam-macam berdasarkan horizon jawaban masing-masing pembaca atau horizon harapan pembaca pada tiap periode.
13.Tanggapan Pembaca Terhadap Belenggu.
Melalui tanggapan pembaca dari waktu ke waktu ini maka karya sastra lebih terungkap dan nilai sastranyapun dapat ditentukan dengan lebih baik. Belenggu dari waktu ke waktu selalu mendapat tanggapan yang berbeda, bahkan juga pada waktu terbitnya(1940). Menurut Mr. Dajoh dalam Pradopo(2005: 236) Belenggu adalah buku modern, bahkan paling modern, amat baru penyajian isinya, disamping itu juga amat baru bentuk gambaran mengenai masyarakatnya dan kehidupan yang digambarkan pengaranganya.



2. Prinsip-Prinsip Kritik Sastra Karya Prof. Dr. Rachmat Joko Pradopo

Dalam bukunya prinsip-prinsip kritik sastra Rachmad Joko Pradopo menjabarkan beberapa teori kritik sastra dan pelaksanaanya dalam kritik sastra modern. Pada awal-awal buku diulas tentang apa, bagaimana, seperti apa,hingga bentuk-bentuk kritik sastra. Adapun karya sastra yang dikritik dalam buku ini cukup banyak sekali. Seperti H.B Jasin, Amal Hamzah, Ajip Rosidi, J.U Nasution, Junus Amir Hamzah, Boen Oemajati, dan M.S. Hutagalung. Di dalam buku yang setebal 211 halaman ini banyak sekali mengulas serta membicarakan karya sastra yang bersangkut paut soal penilaian. Menurut Rachmat Joko Pradopo sendiri, kritik sastra adalah ilmu sastra yang berusaha menyelidiki karya sastra dengan langsung menganalisis, memberi pertimbangan, baik-buruknya karya sstra, bernilai seni atau tidaknya.
Sedangkan seorang kritikus menurut Rachmat Joko Pradopo sendiri adalah “hakim” harus berpegang teguh pada kebenaran juga kejujuran karena ia haruslah adil. Jadi dalam menilai ia haruslah objektif dan dapat melepaskan perasaan senang dan tidak senangnya. Ia hanya mencari kebenaran, tidak menambah-nambah, tidak pula menguranginya bila baik dikatakan baik, dengan alasan dan sandaran-sandaran yang dapat diterima akal dan budi manusia.
Pada pokoknya kritik sastra mempunyai tiga kegunaan diantaranya; pertama, berguna bagi ilmu sastra sendiri, kedua bagi perkembangan ilmu kesusastraan dan yang ketiga berguna bagi masyarakat pada umumnya yang mengininkan penerangan dalam karya sastra. Sedangkan menurut bentuknya kritik sastra terbagi menjadi kritik teori, kritik praktik dan kritik terapan. Kemudian jika dilihat dari pelaksanaanya, kritik oleh Abrams dibagi menjadi kritik judisial, dan kritik immpresionistik. Sedangkan berdasarkan pendekatannya terhadap karya sastra Abrams membagi kritik sastra kedalam empat tipe. Kritik mimetik, kritik pragmatik, kritik ekspresif, dan kritik objektif.
Dari sini terlihat betapa pentingnya kritik sastra itu, apalagi dalam kesusastraan Indonesia yang masih muda. Selain itu kritik sastra berguna pula untuk menyusun ilmu sastra, berguna pula untuk para penulis muda yang sedang memperkembangkan bakatnya. Sangat menyenangkan apabila khasanah sastra Indonesia bertambah dengan terbitnya buku semacan prinsip-prinsip kritik sastra karya Rachmad Joko Pradopo.
          SENTRA DURIAN NGEMBAL        
Durian Unggulan





DURIAN MONTHONG
Family Bombacaceae
Deskripsi
Durian ini berasal dari Thailand. Tanaman Durian monthong merupakan tanaman genjah. Mampu berproduksi pada umur 4-5 tahun sejak ditanam dengan bibit asal sambung pucuk. Produksi buahnya cukup banyak. Mampu beradaptasi pada berbagai tempat. Sayangnya, tanaman ini tidak mempunyai ketahanan terhadap penyakit Phytophthora .sp. Bentuk buah bervariasi, dari bulat panjang sampai hampir persegi. Durinya besar dan tersusun jarang. Bobot buahnya mampu mencapai 6 kg. Kulitnya tebal dengan warna hij au. juringnya ada 5. Warna daging buah ada yang kuning emas, ada pula yang krem. Dagingnya sangat tebal dengan rasa manis legit dan aroma harum sedang.
Manfaat
Buah durian matang, atau tepatnya arilusnya, yang merupakan bagian yang dapat dimakan, umumnya dikonsumsi dalam keadaan segar. Di pasar, buah durian ini mengiklankan diri melalui baunya yang keras dan khas. Buah durian sangat disukai orang, sehingga panen padi di Indonesia akan terbengkalai jika bertepatan dengan panen buah durian, dan sampai puncak masa panen durian orang-orang masih bernafsu besar untuk memakannya. Buah durian diawetkan dengan cara mengeringkan daging buahnya menjadi kue durian, atau diolah menjadi dodol; dapat pula difermentasi atau dijadikan asinan. Kini arilus durian juga diciutkan dan dibungkus, lalu dibekukan untuk memperpanjang penyediaan durian; dengan cara ini buah durian dapat diterima di pasaran ekspor. Rasa durian lebih disenangi di dalam es krim dan kue-kue. Biji durian yang direbus atau dibakar dimakan sebagai makanan kecil. Pucuk muda dan buahnya yang masih muda dapat dimasak untuk lalap. Kulit buah yang dikeringkan digunakan sebagai bahan bakar, terutama untuk mengasapi ikan. Beberapa bagian pohon durian dimanfaatkan sebagai obat; buah durian dianggap dapat menyembuhkan kesehatan orang atau hewan yang sakit. Menurut kepercayaan yang umum dianut, orang yang memakan durian dibarengi dengan minuman beralkohol dapat menyebabkan sakit atau bahkan mematikan. Kayunya yang kasar dan ringan tidak tahan lama, tetapi dapat digunakan untuk konstruksi dalam rumah clan perkakas rumah yang murahan.
Syarat Tumbuh
Tanaman durian dapat tumbuh di dataran rendah sampai ketinggian 1.000 m di atas permukaan laut. Namun, produksi terbaiknya dicapai jika penanaman dilakukan pada ketinggian 400-600 m di atas permukaan laut. Tanaman ini menyukai daerah yang beriklim basah atau tempat-tempat yang banyak turun hujan. Jenis tanah yang baik untuk pertumbuhannya yaitu tanah yang lembap, subur, gembur, tak bercadas, dan kedalaman air tanahnya tidak lebih dari 1 m.
Pedoman Budidaya
Di Indonesia, sebagian besar durian masih ditumbuhkan dari benih, walaupun beberapa cara perbanyakan klon telah dipraktekkan pula. Di Filipina, perbanyakan dengan benih telah diganti dengan penyambungan sanding (inarching) dan penyambungan celah (cleft grafting). Di Thailand, pembibitan-pembibitan menghasilkan sejumlah besar 1′pohon durian melalui dua cara. Penyusuan secara tradisional mungkin merupakan penyambungan sanding yang cukup sederhana dan sangat tinggi persentase keberhasilannya; caranya ‘ialah batang bawah yang dipelihara dalam kantung dibuntungi dan disisipkan ke cabang kecil pada tanaman induknya. Cara lainnya ialah penyambungan hipokotil, menggunakan semai dalam pot, berumur 5-6 minggu, yang disambung-celah dengan batang atas-mini yang dipotong dari pucuk lateral yang tipis saja. Perlakuan fungisida, terowongan plastik, dan naungan berat sangat diperlukan untuk melindungi jaringan yang masih rapuh. Lima orang pekerja yang berpengalaman dapat mengerjakan 300 sambungan, dikerjakan dari pukul 8 malam sampai tengah malam ; menghindari panasnya siang hari konon merupakan faktor penting alam mencapai tingkat keberhasilan di atas 90176. Benih durian kv. ‘Chanee’ biasa digunakan di Thailand untuk meningkatkan penyediaan batang bawah. Anakan durian dapat ditanam di lapangan seteiah berumur 1 tahun, dengan jarak tanam 8-16 m. Pada tahun pertama diperlukan naungan. Pada jarak tanam yang lebih rapat, mungkin kebun durian itu perlu penjarangan setelah 8-1
Pemeliharaan


Gulma dibabat dan dibiarkan sebagai mulsa, tetapi lahan di bawah kanopi pohon diusahakan bebas dari gulma. Penyedotan hara sampai saat panen berjumlah 2,4 kg N, 0,4 kg P, 4,2 kg K, 0,3 kg Ca, dan 0,5 kg Mg per ton buah, tetapi penyedotan hara total belum pernah diteliti. Praktek di Thailand ialah memberikan pupuk majemuk dekat dengan garis-tetes segera setelah muncul kuncup bunga, ditunjang dengan pemberian pupuk di atas tanah jika telah ada pembentukan buah yang lebat; pemberian pupuk lainnya dilakukan setelah panen. Jika tersedia pupuk kandang, dapat menggantikan pemberian pupuk yang terakhir.
Hama dan Penyakit
Penyakit busuk akar, penyakit busuk pangkal batang, atau kanker-bintik (patch canker), yang disebabkan oleh Phytophthora palmivora, merupakan pembunuh yang ditakuti. Jamur ini hidup di dalam tanah dan memperlemah pohon dengan cara menginfeksi akar. Infeksi bagian di atas permukaan tanah juga terjadi, barangkali terutama disebabkan oleh cipratan partikel-partikel tanah. Pohon durian akan mati jika infeksi pada pangkal batang lama-lama melukai keliling batang pohon itu. Untuk memberantas penyakit ini, pangkal batang diusahakan bebas dari tunas-tunas lateral setinggi 1 m atau lebih, lahan sekitar pohon agar bebas dari gulma, dan pengairan hendaknya tidak membasahi pangkal batang atau tanah yang dekat situ, juga air penyiraman dari satu pohon tidak membasahi pohon lain. Semacam pasta fungisida (sistemik) dicatkan pada pangkal batang durian, dan pohonnya hendaknya seringkali diperiksa, bagian yang terinfeksi agar dipotong dan bekas lukanya dibersihkan. Penyakit-penyakit lain, seperti bintik daun yang disebabkan oleh Colletotrichum spp., Homortegia durionir dan Phyllorticta durionir, dan busuk buah (Rhizopus sp.), tidak begitu berarti. Berbagai hama telah diamati menyerang durian, tetapi kerusakannya tampaknya hanya kadang-kadang. Suatu ulat pengebor buah, Hypoperigea (Plagideicta) lepro.rtricta, memakan biji durian, dan tampaknya lebih sering terjadi. Mamalia, seperti tikus, babi hutan, dan beruang, senang sekali memakan buah durian, dan buahbuah yang berjatuhan harus dikumpulkan setiap pagi agar mengurangi kerugian.
Panen dan Pasca Panen
Panen Pohon durian tumbuh sangat tinggi, dan karena sulit menerka matangnya buah, praktek yang umum dilakukan ialah menunggu sampai buah itu berjatuhan. Pemanenan secara selektif itu perlu, dan pemetik yang berpengalaman menggunakan berbagai kriteria untuk menaksir kematangan buah durian. Diawali dari jumlah hari yang telah dilewati sejak bunga mekar, mereka juga mungkin memperhatikan warna, elastisitas dan letaknya duri, intensitas bau yang keluar dari buah, suara yang terdengar jika jari-jari dijentikkan pada alur-alur di antara duri, perubahan pada tangkai buah, dan uji-apung di air. Penanganan pasca panen Berkat kulitnya yang kuat, pengangkutan buah durian dipermudah, tetapi adanya duri-duri itu menyulitkan penanganannya; buah ini perlu dipegang tangkainya. Buah yang telah pecah sewaktu jatuh ke tanah, cepat sekali rusak, arilusnya menjadi tengik dalam waktu 36 jam saja. Buah yang masih bertangkai, yang dipungut dari bawah pohonnya masih dapat dimakan setelah 2-3 hari, tetapi jika daya tahan buah yang telah dipungut itu dapat diperpanjang sekitar 1 minggu lagi, hal ini akan merupakan keuntungan yang besar. Buah durian harus segera diangkut ke pasar, diwadahi karung, keranjang bambu atau ditumpuk saja dalam bak truk. Ruang pendingin bersuhu 15° C dapat memperpanjang daya tahan, buah durian selama 3 minggu, dan daging buah yang dibekukan secara cepat akan dapat mempertahankan rasanya selama 3 bulan atau lebih
          BUDI DAYA SRIKAYA        



Srikaya Persiapan Lahan Unggulan



Syarat Tumbuh
Srikaya tumbuh di daerah tropik pada ketinggian sampai 1.000 m dpl, dan memiliki reputasi, terutama di India, berkat sifatnya sebagai tanaman yang bandel dan tahan kekeringan. Alasan ini hanya sebagian benar. Walaupun periode istirahat dan luruhnya daun masih memungkinkan pohon sarikaya bertahan terhadap musim kering yang hebat, pohon ini memerlukan kelembapan yang memadai selama pertumbuhannya, dan sangat responsif terhadap penambahan pengairan. Pentingnya kelembapan tampak dari kenyataan bahwa baik di India maupun di Asia Tenggara terbentuknya buah dihambat oleh permulaan adanya hujan, jadi pembungaan juga akan terhambat. Walaupun tanaman ini tumbuh pada tipe-tipe tanah yang kisarannya luas, dari mulai tanah berpasir sampai tanah liat berlempung (clay loam), hasil yang lebih tinggi dan lebih konsisten tampaknya hanya dapat dicapai jika pohon ditanam pada tanah berpasir atau tanah liat berpasir. Selanjutnya pertumbuhan vegetatifnya dapat pula diatur lebih mudah lagi melalui pengairan dan pemupukan. Pada tipe tanah yang lebih berat dan lebih sulit dikeringkan, genangan air merupakan penyebab utama rontoknya bunga dan berkurangnya pembentukan buah. Pada tanah yang dangkal, penimbunan akan memperbaiki kedalaman tanah dan drainase, serta pemberian mulsa dapat memacu perkembangan perakaran yang dapat memperoleh hara dari permukaan tanah.
Pedoman Budidaya
Perbanyakan dan penanaman Buah nona (Annona) biasa disambungkan ke batang bawah sarikaya yang ditanam dari benih Batang bawah sarikaya cenderung menurunkan ukuran pohon. Cara yang paling umum digunakan adalah sambungan pecut (whip grafting), sambungan, pecut dan lidah (whip and tongue grafting), dan sambungan celah (cleft grafting). Persentase keberhasilannya biasanya tinggi, jika penyambungan dilakukan pada awal keluarnya getah setelah peristirahat. Di Filipina dianjurkan ‘patch budding sebelum rontoknya daun, yaitu pada musim sejuk dan kering (bulan November-Februari). Penampilan batang atas di atas batang bawah yang berasal dari semai sangat bervariasi, bergantung kepada kecepatan tumbuh, kerentanan terhadap genangan, gangguan air, dan serangan layu bakteri. Perbanyakan kultivar-kultivar sarikaya tanpa penyambungan atau dengan batang bawah asal-klon akan mengurangi variabilitas tersebut di atas. Walaupun begitu, kini perbanyakan melalui stek, cangkokan, dan kultur jaringan belum berhasil dengan memuaskan. Jarak tanam yang kini digunakan berkisar antara 5 m x 3 m dan 4 m x 3 m untuk sarikaya. Tata laksana Dimulainya belajar berbuah untuk sebatang pohon diperlukan untuk melatih pembuahan yang lebat tanpa rantingnya patah. Untuk pertumbuhan pohon yang subur (terutama kultivarkultivar ‘cherimoya’), bentuk pohon yang paling cocok adalah bentuk piala terbuka (open goblet). Jika pertumbuhan lebih lemah, dikehendaki pohon yang cabang-cabang utamanya berada di tengah. Pemangkasan formatif (formative pruning) hendakjiya dilaksanakan pada masa istirahat. Di Thailand, sarikaya dipermuda setiap tahun agar kualitas buahnya terjamin. Cabang-cabang lateral yang menjadi lemah setelah berbuah hendaknya dipotong dan tunas-tunas pengganti yang lebih subur akan muncul. Pohon dipangkas ketika daundaunnya persis akan luruh, yang akan meningkat ke pertumbuhan awal lagi. Pertumbuhan baru harus ditunjang oleh pengairan sampai tiba awal musim hujan. Dengan cara ini masa panen dapat diajukan. Untuk memperbaiki pembentukan buah mungkin dapat dilakukan pelepasan sejumlah besar kumbang penyerbuk ke pohon pada hari yang kondusif untuk pembentukan buah. Penyerbukan dengan bantuan tangan juga sangat efektif dalam meningkatkan terbentuknya buah dan hasil buah. DI Kalifornia, praktek ini merupakan alat utama dalam mencapai hasil tinggi secara konsisten. Teknik-teknik untuk penyerbukan dengan bantuan tangan pada bunga ‘atemoya’ meliputi pemindahan serbuk sari yang sebelumnya telah dikumpulkan, ke kepala putik dengan menggunakan kuas kecil, atau menggunakan pengepul (piffer.r), atau pistol penyerbuk (pollination guns) untuk meniupkan sezbuk sari ke atas kepala putik. Pistol penyerbuk ‘persimon’ buatan Jepang terbukti sangat efektif di Kalifornia. Dengan kultivar yang tinggi produksinya, seperti ‘African Pride’, mungkin diperlukan sedikit pengurangan jumlah buah untuk mengatur muatan pohon dan agar besarnya buah dapat dipertahankan.
          PROSPEK GAHARU 2012        
GAHARU, AROMATIK TERMAHAL DI DUNIA


Gaharu adalah bahan aromatik termahal di dunia. Harga gaharu kualitas baik di tingkat konsumen di pasar internasional, sekitar US $ 5 sd. 15 per gram, (Rp 45.000,- sd. 135.000,-). Sedemikian tingginya nilai produk gaharu, hingga penjualannya menggunakan bobot gram. Bukan ons atau kg. Gaharu adalah bahan parfum, kosmetik dan obat-obatan (farmasi). Parfum diperoleh dari hasil ekstraksi resin dan kayunya. Gaharu sudah dikenal sebagai komoditas penting, semenjak jaman Mesir Kuno. Mumi mesir, selain diberi rempah-rempah (kayumanis, cengkeh), juga diberi cendana dan gaharu. Dalam injil, disebutkan bahwa kain kafan Yesus (Isa Al Masih), diberi Aloe. Istilah ini bukan mengacu ke Aloe vera (lidah buaya), melainkan kayu gaharu.

Itulah sebabnya kayu gaharu juga disebut sebagai aloeswood (kayu aloe). Nama dagang lainnya adalah agarwood, heartwood, dan eaglewood. Di pasar internasional, gaharu murni diperdagangkan dalam bentuk kayu, serbuk dan minyak (parfum). Kayu gaharu bisa dijadikan bahan kerajinan bernilai sangat tinggi, atau untuk peralatan upacara keagamaan. Serbuk gaharu digunakan untuk dupa/ratus, dan minyaknya merupakan parfum kelas atas. Serbuk gaharu sebagai dupa akan dibakar langsung dalam ritual keagamaan. Baik Hindu, Budha, Konghucu, Thao, Shinto, Islam dan Katolik. Kayu gaharu disebut sebagai kayu para dewa. Aroma gaharu karenanya dipercaya mampu menyucikan altar dan peralatan peribadatan lainnya.

Selain itu dupa gaharu juga dimanfaatkan untuk mengharumkan ruangan, rambut dan pakaian para bangsawan. Aroma gaharu akan digunakan sebagai aromaterapi di spa-spa kelas atas. Selain untuk ritual keagamaan, parfum dan kosmetik, produk gaharu juga sering dikaitkan dengan hal-hal yang berbau mistik. Baik pemanfaatannya, terlebih lagi proses pencariannya dari alam. Pengambilan gaharu dari hutan, memang selalu dilakukan secara tradisional, dengan berbagai ritual dan kebiasaan setempat. Pencarian gaharu di lokasi sulit, harus menggunakan pesawat terbang atau helikopter. Beberapa kali pesawat terbang dan heli pencari gaharu, hilang di hutan belantara di Kalimantan, hingga memperkuat kesan mistis produk gaharu.

# # #

Gaharu adalah getah (resin, gubal) dari pohon genus Aquilaria, yang tumbuh di hutan belantara India, Asia Tenggara (termasuk Indonesia) dan Cina Selatan. Sampai saat ini, Indonesia masih merupakan pemasok produk gaharu terbesar di dunia. Meskipun populasi tumbuhan Aquilaria cukup besar, namun tidak semua pohon menghasilkan gaharu. Sebab resin itu baru akan keluar, kalau tanaman terinfeksi oleh kapang (fungus) Phialophora parasitica. Akibat infeksi, tanaman mengeluarkan getah yang aromanya sangat harum. Getah ini akan menggumpal di dalam batang kayu. Para pencari gaharu menyebut kayu dengan resin ini sebagai gubal. Tanaman Aquilaria yang tidak terinfeksi Phialophora parasitica, tidak akan beraroma harum.

Genus Aquilaria terdiri dari 22 spesies: A. (Aquilaria) agallocha; A. apiculata; A. baillonii; A. banaensis; A. beccariana; A. brachyantha; A. citrinicarpa; A. crassna; A. cumingiana; A. filaria; A.grandiflora; A. hirta; A. malaccensis; A. microcarpa; A. ophispermum; A. parvifolia; A. pentandra; A. rostrata; A. sinensis; A. subintegra; A. urdanetensis; A. yunnanensis. Dari 22 spesies itu, yang bisa terinfeksi kapang Phialophora parasitica hanya ada delapan spesies yakni: A. agallocha; A. crassna; A. grandiflora; A. malaccensis; A. ophispermum; A. pentandra; A. sinensis; dan Aquilaria yunnanensis. Dari delapan spesies itu, yang paling potensial menghasilkan gaharu adalah A. malaccensis dan A. agallocha.

Gaharu yang sekarang beredar di pasaran, semuanya berasal dari perburuan dari hutan. Para pencari gaharu, kadang-kadang tidak membedakan, mana kayu yang ada gubalnya, dan mana yang tidak. Hingga semua pohon Aquilaria yang dijumpai akan ditebang. Akibatnya, populasi kayu Aquilaria terus terkikis dan makin langka. Dalam pertemuan ke 13 Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora (CITES CoP 13) di Bangkok, Thailand, 2 -14 Oktober 2004, genus Aquilaria telah dimasukkan dalam apendik II. Hingga pengambilan gaharu dari alam, sebenarnya dilarang. Tetapi karena tingginya nilai gaharu, maka pencarian gaharu dari hutan terus berlangsung tanpa bisa dicegah.

Genus Aquilaria adalah pohon dengan tinggi mencapai 20 m dan diameter batang 60 cm, yang tumbuh di hutan hujan tropika basah, mulai dari ketinggian 0 sampai dengan 1.000 m. dpl. Aquilaria bisa hidup pada berbagai jenis tanah. Mulai dari tanah humus, berpasir, lempung, berkapur, sampai berbatu-batu. Gaharu termasuk tanaman yang tahan kekeringan, dan juga tahan hidup di bawah naungan. Tanaman yang masih muda, memang memerlukan banyak air, dan naungan. Biasanya Aquilaria tumbuh di bawah tajuk palem atau pakis-pakisan. Aquilaria berkembangbiak dari biji. Buah Aquilaria berupa polong yang keras, dengan panjang antara 2,5 sd. 3 cm. Biji mudah dikecambahkan di tempat yang lembap dan hangat, tetapi terlindung dari panas matahari.

# # #

Dalam kondisi optimum, pohon Aquilaria akan mampu tumbuh dengan sangat pesat. Yang dimaksud dengan kondisi optimum adalah, suhu udara, kelembapan, sinar matahari, air dan unsur haranya cukup. Meskipun Aquilaria tahan hidup di berbagai macam tanah, tetapi dia akan tumbuh optimal di tanah humus yang subur, dengan topsoil cukup tebal. Tidak semua Aquilaria yang tumbuh di hutan merupakah penghasil gaharu. Produk gaharu, baru akan terjadi, apabila kayu Aquilaria terinfeksi oleh kapang Phialophora parasitica. Tumbuhan Aquilaria yang tidak terinfeksi kapang Phialophora parasitica, hanya akan menjadi kayu biasa yang sama sekali tidak harum. Beda dengan cendana (Sandal Wood, Santalum album), yang kayunya memang sudah harum.

Untuk mempertahankan diri, tumbuhan Aquilaria yang sudah terinfeksi kapang Phialophora parasitica akan menghasilkan getah resin (jawa: blendok). Resin ini akan menggumpal dan membentuk gubal. Proses pembentukan gubal berlangsung sangat lambat. Bisa puluhan bahkan ratusan tahun. Resin dan bagian kayu yang terinfeksi inilah yang akan menghasilkan aroma harum yang tidak ada duanya di dunia. Aroma gaharu ini sedemikian khasnya hingga hampir tidak mungkin disintetis. Pembuatan gaharu sintetis, hasilnya akan lebih mahal dibanding dengan gaharu alam. Proses pembentukan gubal berlangsung sangat lama, juga merupakan salah satu penyebab tingginya produk gaharu.

Kapang genus Phialophora terdiri dari delapan spesies aktif: Phialophora americana, Phialophora bubakii, Phialophora europaea, Phialophora parasitica, Phialophora reptans, Phialophora repens, Phialophora richardsiae, dan Phialophora verrucosa. Dari delapan spesies itu, yang berfungsi menginfeksi kayu Aquilaria hanyalah kapang Phialophora parasitica. Spesies lainnya merupakan kapang patogen, yang bisa menginfeksi manusia dan menimbulkan gangguan penyakit. Malaysia dan Indonesia, sudah bisa mengisolasi kapang Phialophora parasitica, untuk diinokulasikan ke pohon Aquilaria.

Di Indonesia, penelitian gaharu antara lain dilakukan oleh Balitbang Botani/LIPI, Badan Litbang Departemen Kehutanan dan Universitas Mataram di Mataram, Lombok. Universitas Mataram, malahan sudah melakukan ujicoba penanaman gaharu, dan menginfeksinya dengan kapang Phialophora parasitica. Sayangnya, tanaman yang belum membentuk gubal itu sudah dicuri orang. Para pencuri ini beranggapan, bahwa kayu gaharu sama dengan cendana. Padahal cendana pun memerlukan waktu paling sedikit 30 tahun agar meghasilkan kayu dengan tingkat keharuman prima. Gaharu yang sudah terinfeksi ini, masih memerlukan waktu puluhan tahun agar gubalnya bisa dipanen.

# # #

Mengingat tingginya nilai gaharu, dan juga kelangkaannya, maka budidaya gaharu sudah semakin mendesak. Membuat hutan Aquilaria, bisa dilakukan dengan mudah. Sebab tumbuhan genus ini relatif mudah dikembangbiakkan dan toleran dengan lokasi tumbuh yang sangat ekstrim sekalipun. Mengisolasi kapang Phialophora parasitica juga sudah bisa dilakukan di laboratorium Universitas Mataram. Menginfeksi tumbuhan Aquilaria dengan kapang Phialophora parasitica juga sudah berhasil diketemukan metodenya. Yang menjadi masalah, untuk mengembangkannya dalam skala komersial, diperlukan jangka waktu lama. Gaharu kualitas baik, baru akan terbentuk setelah proses selama puluhan bahkan ratusan tahun.

Para pemilik modal, akan berpikir ulang kalau investasinya baru akan kembali pada puluhan bahkan ratusan tahun yang akan datang. Para pejabat di lingkup pemerintah daerah pun, juga akan menolak untuk merancang proyek yang tingkat keberhasilannya baru akan bisa diukur puluhan bahkan ratusan tahun kemudian. Belum lagi gangguan masyarakat yang tidak terlalu tahu tentang gaharu. Mereka menganggap bahwa tanaman Aquilaria yang sudah diinfeksi kapang Phialophora parasitica, akan segera bisa ditebang untuk diambil gaharunya. Ketidaktahuan masyarakat ini, juga disebabkan oleh sedikitnya publikasi tentang gaharu. Para wartawan yang mengenal gaharu, jumlahnya juga masih sangat sedikit.

Dalam situasi seperti ini, pencarian gaharu di hutan menjadi satu-satunya alternatif. Di Papua, pencarian gaharu bahkan dilakukan oleh para pengusaha dengan cara yang sangat tidak bermoral. Para pengusaha tahu bahwa masyarakat Papua, sudah kecanduan minuman keras. Hanya dengan disodori beberapa kaleng bir, mereka sudah bersedia untuk mencari gaharu. Apabila gaharu sudah diperoleh, para pengusaha pun menawarkan perempuan kepada penemu gaharu. Perempuan-perempuan malang ini didatangkan dari Jawa, kebanyakan dengan cara ditipu untuk dicarikan pekerjaan yang layak di Freeport atau perusahaan HPH. Setibanya di Papua, mereka hanya dijadikan umpan memperoleh gaharu.
          Kommentar zu Nächster Karriere-Stepp: Dem Gefühl vertrauen, einen Bogen bauen von Roman        
Ein toller Artikel!
          The Perfect Wedding Gift or ‘How our Adventure to Ireland Got Even Awesomer’        

Now it’s that time of year where loads of romantic gestures are appearing all over the internet, and lovely as they all are, I think we may have one of the best…. Right from our first meeting with Shane and Rachel back in Bournemouth, we knew we were going to be in for an awesome […]

The post The Perfect Wedding Gift or ‘How our Adventure to Ireland Got Even Awesomer’ appeared first on DigitalBohemiaWeddings.


          VIDEO: Romans 9 What If        
A new VIDEO from Bible Believers Church is now available on SermonAudio.com with the following details:

Title: Romans 9 What If
Subtitle: Romans
Speaker: Pastor Mike Ragan
Broadcaster: Bible Believers Church
Event: Sunday Service
Date: 9/6/2015
Bible: Romans 9
Length: 44 minutes
          VIDEO: Romans 9 The Truth in Christ        
A new VIDEO from Bible Believers Church is now available on SermonAudio.com with the following details:

Title: Romans 9 The Truth in Christ
Subtitle: Romans
Speaker: Pastor Mike Ragan
Broadcaster: Bible Believers Church
Event: Sunday Service
Date: 8/30/2015
Length: 60 minutes
          VIDEO: Romans 8 It's Up to You        
A new VIDEO from Bible Believers Church is now available on SermonAudio.com with the following details:

Title: Romans 8 It's Up to You
Subtitle: Romans
Speaker: Pastor Mike Ragan
Broadcaster: Bible Believers Church
Event: Sunday Service
Date: 8/23/2015
Bible: Romans 8:28-39
Length: 54 minutes
          VIDEO: Romans 8 Manifestation of the Sons of God        
A new VIDEO from Bible Believers Church is now available on SermonAudio.com with the following details:

Title: Romans 8 Manifestation of the Sons of God
Subtitle: Romans
Speaker: Pastor Mike Ragan
Broadcaster: Bible Believers Church
Event: Sunday Service
Date: 8/9/2015
Bible: Romans 8:13-26
Length: 49 minutes
          VIDEO: Romans 8 A Way of Escape        
A new VIDEO from Bible Believers Church is now available on SermonAudio.com with the following details:

Title: Romans 8 A Way of Escape
Subtitle: Romans
Speaker: Pastor Mike Ragan
Broadcaster: Bible Believers Church
Event: Sunday - AM
Date: 7/22/2015
Bible: Romans 8
Length: 47 minutes
          Broadway Unlocked shares five lessons learned from hosting a livestream benefit        
Each year, one in six people in the U.S. will be victims of violent crimes. Two years ago, we became part of the effort to change that, when we began work with Broadway Unlocked. 

Two years ago, we met Jessica Ryan — a woman whose mission is rooted in two seemingly unique spheres: celebrating live theatre and helping survivors of interpersonal violence. Jessica founded the  Broadway Unlocked #giveback concert, a livestream, interactive benefit concert aimed at connecting the two communities and helping raise awareness and donations for the Crime Victims Treatment Center (CVTC). The CVTC, New York State’s largest and most comprehensive hospital-based victim assistance program, provides therapy and services to survivors of assault, abuse and violence. All treatments at CVTC are free.

In an effort to reach a larger audience and expand the nonprofit’s donor base, Broadway Unlocked collaborated with Google for Nonprofits to broadcast the show and spread the message globally in 2016. On February 22, Google for Nonprofits helped bring Broadway to YouTube for the second year in a row with one night of song and social responsibility through the concert. To bring the show beyond NYC, Google Fiber hosted a watch party at the Fiber space with local Kansas City theatre groups and community members. 

This was a Broadway show unlike any other. This was Broadway with a variety of star performers, including Kyle Dean Massey, Carolee Carmello, Ali Stroker, Natalie Weiss, and Collabro. This was Broadway hosted by Google Fiber. Streamed via Google Hangouts on Air. And fueled in part by fundraising through donation cards on YouTube. This was Broadway on the internet -- crowdfunded and broadcast for one night only.

How did Broadway Unlocked make their globally livestreamed and crowdfunded event a success? We’re turning the mic towards Broadway Unlocked to hear what they learned.

5 Lessons Learned from Hosting a Livestream Benefit

  1. Engaging the community is key: Using Hangouts on Air, we were able to pull off a cross-city sing-a-long! Check it out. The video wasn’t flawless, but we successfully transported Broadway beyond the Big Apple.

  2. Global events can help grow engagement and donor base: Putting on an event in different cities is no easy feat. But it's amazingly rewarding to bring like-minded people and groups together to support similar causes. Hangouts and livestream technology made reaching new communities easier to do in one event. And by engaging these communities, we’ve been able to grow a stronger community and ultimately, donor base.

  3. Interactive video adds another dimension of creativity: Using Hangouts allowed us to engage the audience on the other side of the screen, adding a new dimension unique from watching on a passive screen. Our creative team came up with Musical MadLibs, (our new favorite game!), which really shows how we were able to interact with the crowd through video chat.

  4. Google is a gamechanger for nonprofits: YouTube and Google Fiber enabled us to livestream the concert to theatre lovers and supporters in Kansas City and hundreds of people at home that night. This allowed us to increase the viewership of our benefit by 10X more than if we had only shown the concert to the folks at the Greene Space in NYC.

  5. Crowdfunding and donation cards can help you reach your goals: Through crowdfunding using donation cards on YouTube, One Today donations, live fundraising at the concert, and private donations, we raised more than ever before -- an astounding $50,000. This additional funding will hugely impact our ability to provide treatments for victims of domestic violence in tandem with the CVTC.

To see if your nonprofit is eligible to participate in the nonprofit programs, review the Google for Nonprofits eligibility guidelines. Google for Nonprofits offers organizations like yours free access to Google tools like Gmail, Google Calendar, Google Drive, Google Ad Grants, YouTube for Nonprofits and more. These tools can help you reach new donors and volunteers, work more efficiently, and tell your nonprofit’s story. Learn more and enroll here.

If you are a U.S. nonprofit looking to add donation cards to your YouTube videos, learn more here.

Nonprofits aren't endorsed by YouTube or Google


          Natura Siberica Gzel Royal Berries hiusnaamio kaikille hiustyypeille 120ml        
Kautta aikojen Siperian kansat ovat arvostaneet villimarjojen tehokkuutta, jonka ansiosta terveys ja kauneus säilyvät pidempään. Rikastettu Siperian marjojen luonnollisilla öljyillä ”Royal Berries” hiusnaamio syväkosteuttaa ja ravitsee hiuksia, sekä intensiivisesti elvyttää hiusrakennetta. Tekee hiuksista eloisat ja ylellisen kiiltävät. Arktinen karpalo on rikastettu vitamiineilla ja hivenaineilla. Se on todellinen pelastaja heikoille ja vaurioituneille hiuksille. Se vahvistaa hiuksia, syväkosteuttaa ja ravitsee, korjaa kaksihaaraisia, ja antaa hiuksille uskomattoman kiillon. Lakassa on ainutlaatuisia ominaisuuksia, minkä vuoksi Siperiassa sitä kutsutaan ”kuningasmarjaksi”. Sen sisältämät vitamiinit ja antioksidantit ravitsevat ja vahvistavat hiuksia juurista latvoihin, ja suojaavat ympäristön haittavaikutuksilta. Tyrni sisältää valtavasti vitamiineja ja mikroelementtejä. Sen sisältämä A-vitamiini tehokkaasti parantaa hiusrakennetta. E-vitamiini kosteuttaa ja ravitsee. Tyrni sisältää kymmenen kertaa enemmän C-vitamiinia kuin appelsiini, siten se vahvistaa hiuksia ja lisää hiusten kasvua.  
          Om vÃ¥ldet och om sprÃ¥ket i Édouard Louis nya roman        
Édouard Louis romandebut år 2015 skildrade hans uppväxt i en fattig nordfransk familj. Hans nya roman Våldets historia bearbetar minnet av en våldtäkt..
          Begär och makt hos Duras romangestalter        
Teman som havet, makt och åtrå återkommer ständigt i Marguerite Duras författarskap. Hanna Nordenhök läser en roman där klassproblematiken skälver i varje vändning..
          Order in the Court!        
Yesterday, America watched the justice system hard at work as it passed down a guilty verdict for Jodi Arias. In case you have been living under a rock, Arias is the 32-year-old Arizona woman who, five years ago, admitted to killing her lover Travis Alexander by stabbing him and shooting him 27 times in his … Continue reading
          Besplatna slika        






Merry Christmas

Christmas is a wonderful time of year. It really brings out the best in people. Spending time with family and friends, great food and, of course, great drinks! I hope everyone enjoyed it and is looking forward to New Year’s celebrations!

Once again, I haven’t posted in several weeks. Things have been extremely busy since getting back from Afghanistan. As of yesterday, I am no longer on active duty with the Air Force. I am now a reservist with the 914th at Niagara Falls! That also means that today is my first day working ‘full time’ with New Buffalo Brewing.

We have done a lot in the last month, but we haven’t talked about it much. We set up a small lab in Clarence, and are currently dialing in on what we think will be our first four beers.  We are also working on a Kickstarter Campaign, which is a huge project. The support we receive from donors will make the difference between opening this spring and pushing off for several more months.

I want to talk about the lab in today’s post. It’s small, with a Brew Magic as our system, six half-barrel fermenters, and room for only one and a half barrels of finished beer. We are producing all the beer we need to have ready between now and April on this nano- of nano systems! You can imagine space will become an issue.

The plan is as follows: We are going to brew six beers between January 25th and March 10th. We aren’t publicizing the names yet, but we will have a brown ale, bitters, APA, and IPA. Our last two are still wild cards. We have two dry stout variants, a sweet stout and a porter. As much as I like the sweet stout, I think it’s on the chopping block. Many people we have talked to have varying degrees of lactose intolerance, and we want to make sure we are making something everyone can enjoy.

So where is this beer going? We have a couple of big things in the pipe. First, we want to be able to enter all our beers into the Amber Waves of Grain on March 10th.  Second, we need to have samples for the distributors and the bank to try. But I’m sure most people are interested in our the tastings…

We are planning four events to go with our Kickstarter campaign, three in Buffalo and one in Rochester. We’ll be sure to give everyone a big heads up once we have the locations nailed down. So far we have one place approved and three in the works.

So watch for an active blog again, and I will be updating the main site often over the next month or so as we get ready to announce our ‘official’ beers. Thanks for reading!

Bill

          What does a Buffalo Drink?        

More work is getting done n the last week. We have started collection data from Buffalo Bar’s on what it is people are drinking. Hopefully we can get an honest look at what kind of beers people are buying. Its one of those hard things in Craft Brewing. You get allot of false positives from things with a ton of awards and then find you sell hardly any of it. Dogfish Head World Wide Stout is a great example, a couple hundred barrels a year for that amazing brew! Over the next month we’ll get some on the ground information and see what people are really buying and use that to adjust our offerings. It’s not to say we’re not going to do what we want. Statistically most people are drinking Bud Light, we’re not making Bud Light. Period. Since you didn’t read the period as ‘period’ I thought I’d write it out for you. Point being please tell us what beers your buying and what beers you want to buy. It’s important for us to make what Buffalo demands.

          We have A Brewer        

This week we have brought on two more contracted people onto the New Buffalo Team. Jimmy Bass and Jon Downing, of Buffalo News Fame. Jimmy is a prior Marine and I think he will fit in with the rest of the group. (3 out of 8 players are vets).

Jimmy is developing some beers for use while I’ll be in Afghanistan under the mentorship of Jon. This is a very big deal for New Buffalo since Jimmy is training to be a ‘real’ brewer. Not to knock my home brew creations or that of any other home brewer but there is a distinct difference between a home brewer and the formally trained. Jon Downing made introductions to New Buffalo Brewing and I think we’re well on our way. Bringing on Jon and already having Tim we now have a combined 60 years and 180 breweries worth of experience.

I was also contacted to use the New Buffalo Brewing logo in an art project. 26 painting about buffalo each with one letter. They are going to be shown Nov 2nd I think. Sadly I will be unable to be there for the display but we we’re invited to do a beer tasting. I really want to pursue that if possible. I wrote over to custom Beer Crafters to see what it would cost to do a 10bbl run.  While in Nov we’ll still be 6-7 months from producing ourselves I think it would be good to at least get some beer into the hands of the people. It would also let us spread those kegs out over 2 months or so and hit up a few tastings. 

With Jimmy and Jon on board we have the how part of New Buffalo locked in pretty well. The two remaining questions are what and where. As we said in the last post we effectively abandoned the building we had a couple months sunk into and are looking anew.  Putting that aside I’m focused on the what.

On the main page we posted most of my experimental brews for the year and a half. Jimmy is going to redo at least two of them into something that can be scaled up and start creating new brews. Statically I know what we should do, and IPA (20% market share) and a Pale Ale (18%) market share. With the assort packs, I’d safely toss in another 7% . (Assortments and Seasonals made up just over 20%). These are two styles I’m really not interested in doing. There are allot of each on the market, it’s a crowded space and there so overdone. The thing I found the most reveling in the top 15 styles, not a single black beer made it.  These happen to be some of my favorite beers. So it begs the question do we enter the fray with our own Pale and IPA or do we try to seize a niche market? 

I’m sure we can get allot of insight from Tim and Jon on the topic. Point being the other big ones with Amber larger, meaning most craft beer drinkers are still looking for a fairly pale, crystal clear beer. Bitter seems to be the name of the game for the last 10 years.

We have a little time yet, but I’d love to hear from beer drinkers what they want.  

          Business in Buffalo        

Allot was accomplished while back in Buffalo over break. Some of it was already mentioned on facebook but this is where I can do some less official ranting.

So what I want to talk about is doing business in Buffalo. I’m sure allot of people have heard horror stories about working with in the city limits. I know for years people don’t me, don’t even bother if you’re not in the old boys club you can’t get anywhere in the city.  My experience was completely the opposite.

We had narrowed our search into the Black Rock area. I think it’s really an area on the up and up. The people there are really passionate about the neighborhood and eager for business to come back. The success of the black rock bar and kitchen and delish are sort of the test beds. As Chippewa seems to be  kicking out the college crowd there is going to need to be somewhere for all those older college students to go. I’m not saying Black Rock should open clubs and go crazy, just that older crowd is going to be looking for somewhere new to go and that could be black rock without a problem. Elmwood can be a bit ‘high end’ and Buff State is right across the river. Honestly Amherst is going to be where it’s at.

I’ve had the pleasure to bounce around the country for the last couple of years. My position in the Air Force requires allot of traveling form base to base, and I’ve found the same formula in all the ‘up and coming’ urban places is the same.

Provide a service or good that’s 100% better at 50% more cost. It’s what Craft Beer is all about, but it’s also what the whole urban movement seems to be able.  When I visit other cities and find something I think  could be a knock-out in Buffalo I write it down or grab a menu. Sadly for all the great ideas there is only so much money, but the formal is the same.

Chef’s in Manhattan KS is one of the business restaurants I’ve ever been in. It costs about 50% more then Denny’s but when you get Salmon Eggs Benedict, the $5 extra over a grand slam seems like nothing. I’m not saying I’ve stumbled upon the Holy  Grail or anything. I’m just finding that it seems to be true across the whole of the United States. It might the ‘Europeanization’ of America.  That’s a different topic so I’ll get back to Buffalo.

Where I wanted to get was armed with this formal and some really impressive growth numbers from Craft Beer the Councilmen Joe Golombek was willing to sit down for almost 2 hours with us, from that we got an audience with the City Office of Strategic Planning, Department of Labor, Tonawanda BOA, NYSBDC, SBA, ECIDC, NYSIDC. I’m missing once person from that list so I apologize. Point being they we’re great to sit down with, tell them what we want to do, and offer some suggestions on how to go about it. I didn’t run into some brick wall or have to cow tow to anyone to get this. I grew up 25 miles outside of the city, I went to School in Rochester. While Buffalo is my city, its not like I have a network. No Doubt I’m developing one, and the other companies we work with have been paramount to that.

Allot of reasons and things like the $1,000,000,000 that state is talking about I honestly don’t think is going to have nearly the effect it could have if it was $1 thousand million dollar grants or 10,000 $100,000 grants. The things about doing business in NYS being hard then other states.  That’s absolutely true, the taxes are terrible, the bureaucracy is enormous, and the law suits plentiful. Despite all that Government workers are really trying to work around it and with it to get Buffalo back on top.

Point being is Buffalo wants to grow, and the real growth is going to be by small business making an investment in the city, living here working here making that lifelong commitment to the area. There isn’t going to be a hand out from the government to get you started. It’s going to be with the help of people in Buffalo and on your own labors. I encourage anyone who’s thinking about starting to do
          Merry Christmas!        
I’ve been busy on all fronts the last month and have no posted here as I would have liked to. I really need to take a page out of CBWs book and do a stern 1 week update. It’s never that there isn’t anything to talk about. More an issue of, should some of it be spoken about in a public form. 

We’re trying to get a deal together on a building in Black Rock and the support from the community has been tremendous. I really can’t say how great they have been to work with and we’re only pitching some ideas right now. The actually negotiations on the building have not been progressing as I’ve like. Hopefully I’ll have better news on that front by the 6th of Jan. If not I’ll like be forced to put everything on ice until I get back.

Speaking of getting back, I’m leaving for a bit. The USAF finally have dates ‘set in stone’ for deploying to Afghanistan. They’ve told me that these ones are for sure so I will be out of the country for 10 of 12 months in 2012. Longer then original expected but it will help buffer some of the startup costs, and I should get allot less smack talk from the Army. (a value in its self). This will delay the start up by 9 months, why so much more? Winter, its allot harder to move equipment in, doing concrete work in the middle of winter makes things harder than it should be; so we’ll wait for spring of 2013. Not what I want to do but what is necessary to do. 

This week I also brought Dana Saylor of oldtimeroots.com to do some research. She has a pretty cool site and its interesting work. I haven’t seen the finished product so I can’t vouch for her as of yet, but I feel pretty good about it so far. 

Lastly I promised more book reviews. I read a handful on my last few trips across the country. Just for a quick notes on them I’ll say if I liked them or not.

Great American Ale Trail: Its just a list of bars and a couple of lines about them. It’s sort of a good reference and The Blue Monk in Buffalo was in the notable mentions section for NY. If you’re thinking about opening a beer bar up I would say it’s pretty good. Other than that I don’t know anyone with the time or money to visit 1000+ beer bars in the country. Once we get New Buffalo Brewing, I’ll have my beer books on site so if someone wanted to stop in and check for a place feel free.

The Story of the Irish Pub: The begging with a history of the licensed trade was good, so about 70 pages of the book are good, the remaining 150, not worth it. Just little notes of where a bar is and who owns it. Over all very disappointing. If your going to Ireland it might be fun to stop  into one, but that’s about it.

In the Classic Beer Style Series, I picked up and read, Porter, Brown Ale and Stout. This series has been pretty fun to read, and for a serious home brewer I’d recommend them They all are set up with a little history, some water information, a few home brew recipes and a list of examples that are current for the time it was published (the early ones are over 12 years old). This book are really great for someone looking to starting a microbrewer, to see how far the brewing world has come in a decade. Also as an American, to see how we have consistently tossed out style guild lines and made so many great new beers. 

Porter was a really weak read, maybe if I hadn’t already read the mild book it wouldn’t have seemed poor.

Brown Ale was very good, tons of information on the different sub sets of Brown Ale and good information all around. So many beers in this style and information about most of them.

Stout has been the best read so far, The writer has a clear passion for stouts and has offered an immense amount of information on it, the different sub-styles and many references to Guinness. I’d recommend this the most of any of them so far. I will put out the disclaimer that I too love stouts. If there is just one style of beer I could have it’s a thick cream stout.

This should have been spread out to a couple of updates, but with the holidays I don’t know if I will get around to many in the next two weeks. Also one last pitch for buying our sweet gear for someone over Christmas! 

http://www.kegworks.com/search/search.php?keywords=new+buffalo+brewing&x=0&y=0

          A Buffalo Church as a New Buffalo Brewery        


In Buffalo NY it’s hard to not be drawn to a church for a brewery right away. It’s like a brewing palace. Beautiful surroundings, ceiling heights that are unmatched, since it was for people to gather the utilities are surprisingly low (several feet of brick and mortar are even better than 6 inch of fiberglass, the temp stability is amazing) and Buffalo has a bunch of extra churches right now that could use a, well use. 

So what’s the problem? They came in a couple of flavors (Sadly the flavors are like skunked Bud Light, and not a Buffalo micro-brew). 

1) If the church is owned by the Papacy it cannot be used for a brewery, period dot. That takes out many of the primary candidates 

2) Most of the churches need some repairs, the first church we looked at required over 500k in stabilization and another 400-500k in conversation costs. The second needs 300k, but the conversion costs were down to about 100k. That is almost the entire budget for New Buffalo. In this same category, if there’s not a door I can get the tank thought I don’t want to bust down walls to get them installed, that’s not hard and fast just a bit of the preservationist that lingers. 

3) A brewery falls under a M1 Zoning, churches are a C1, the first city councilmen I tried to work with refused to talk to me about it for several  weeks before giving me a “I won’t actively try to stop you, but I’m not going to help you in anyway” kind of answer.  The Councilmen Franczyk, who’s district I wasn’t working in was excited about the idea. In any case not being zoned correctly is another huge risk for use to undertake, a 6 month wait would bankrupt us in our first year   

 4) There is no equity in churches so the bank will not lend us money to fix a church for the most part.  On top off that even as we pay down the merger costs of the church we can’t barrow against it later own to expand like a normal building. 

5) Preservation, on one hand it has some money we can tap into in, almost 50% of the stabilization or big repair costs could be deferred by public funds,  however you have to keep the building the way the rules call for which in the case of the first building, we would have had the largest tasting room in the world (not proven but I don’t know of any breweries with 12,000sqft of tasting space, and two levels with a stage in the middle) 

6) Transportation, I need to be able to bring in semi’s, right now were planning on a grain bin for the pale malt, and I have to be able to get that into the building, also just in the first year we’ll be moving a couple truckloads of beer a week. I have to be in a place they can get too. 

To sum it up, were still looking for a church that could hold us but it’s not our focus anymore. Unless we received a grant for $1million it looks like it’s going to be a goal to expand too.  I know the city has money like that, and that $5million went to the Staler. The city isn’t going to trust a young guy like me, my background is Intelligence and factory work, not history building refurbishing. 

This was a very long post, but I wanted to hit on it since several people have asked me about it. Chris Fetter has been a tremendous help, sending us updates when a non-Catholic church comes on the market.  We hope this will work out, but we can’t wait forever. 

This post is in response an exchange with http://www.communitybeerworks.com/, on our facebook page http://www.facebook.com/pages/The-New-Buffalo-Brewing-Co/215182275168604


          3 consigli per dominare la Metro di Londra        
Dietro questo titolo roboante in realtà si celano i giorni di smarrimento che ho passato quando prendevo la metro a Londra le prime volte. Del resto basta guardare la piantina… …ed è facile immaginare che un romano abituato a visualizzare la  mappa del metro della propria città con una “X” si senta perso le prime volte nella Tube.  […]
          Travel: Our accommodation in Phuket (Thailand), BYD Lofts Boutique Hotel & Serviced Apartments        

This is probably my first post related to my overseas vacation. So this will placed under the travel series. This year in June, my family and I decided to go for a 6 days 5 night trip to Phuket. Initially, I said that I did not want to go but since I am not going for any graduation trip , I decided to tag along at the last minute. Plane ticket was a little more pricey because I did not but early. We took Silkair and my ticket cost about S$400++ about a hundred more than what my other family members paid for. That was my first time in Phuket but not my first time in Thailand. I went to Bangkok few years before this trip. And I really enjoyed the trip.

We stayed at BYD Lofts Boutique Hotel & Serviced Apartments. 


The van that ferried us to the hotel
When we first arrived at Phuket International Airport, we were greeted by the driver for the airport transfer. Since there were seven of us, we requested for a bigger vehicle. If not for that I would prefer being chauffeured by complimentary luxury transfers that BYD lofts provides.... Mercedes Benz CLS class

After travelling for about 2 hours, we reached BYD lofts. We were greeted by their staffs as soon as we alighted from the van. The staff actually came out from the lobby to greet us. I thought it was a nice gesture. We were also given welcome drinks and flower garlands at hotel lobby. The lobby was quite small but cosy. 


In front of BYD lofts, where out van stopped

The citrus welcome drinks and hot towels that we received at the lobby...Thought that the drinks tasted really interesting with chewy bits in it
The flower garlands that staff put around our necks



Let's talk about the room itself. BYD Lofts is located at Patong. The room that 4 of us stayed in is called 2 bedroom Penthouse. I think that is best type of room available at BYD Lofts. We were really excited to stay there and the experience did not let us down. Unlike most hotels, the pictures of rooms in their website are really true to what we received. The elevator brings us directly into the room, which was really interesting. We were greeted by a spacious living room once the door of the elevator opens. I remembered my mom was awed when she stepped into the penthouse LOL.

So the penthouse has a large living room, a balcony, a fully furnished kitchen, two bedrooms (master bedroom and a smaller room), 3 toilets (one in the living room, and a toilet in each of the rooms). There are also wifi which is password protected.

The living room equipped with TV and fully furnished. There were complimentary fruits on the tables

The balcony...good news for those who smokes

The kitchen. It has a fridge, dining tables, induction stove, coffee maker and etc. 

The master bedroom. It has a huge toilet, desk, TV, wardrobe and etc. 

One part of the master's bedroom toilet

Another part of the master's bedroom toilet

The second bedroom which fully furnished with a TV, wardrobe, a toilet and etc. 
PROS:
1) Good distance from the main shopping district e.g. Jungceylon, Bangla Road
2) Related to the first point, even though walkable distance to many amenities is not too near. Hence, really quiet.
3) There are a lot of laundry, massage and tailoring services near BYD loft
4) Spacious and lots of toilets!!!
5) Comfortable beds
6) 10 minutes walk to Patong beach
7) For those who needs halal, there are a lot of halal eateries nearby like Kusuma etc. but I did not eat there because of hygiene purposes. I will talk more about the halal restaurants that I ate at during another time

CONS:
1) Weird housekeeping time...which was frustrating at times
2) The lift in our room can be a little troublesome
3) Although the majority of the staffs were friendly, not many are fluent in English

Please feel free to ask any questions in the comment section below.

I will the end the post with a weird incident that happened in Phuket. It was 2 a.m. and everyone else in the Penthouse had already fallen asleep. I was awake charging my phone and using my macbook. Then I heard a bell from the intercom. I ignored it at first but it kept on ringing. Then I check the intercom and saw a person waiting at the first floor. He looked kinda drunk. Since I have no idea who it was, I checked that the lift connected to the room was locked. I got a little scared and went to bed after that...hoping that he doesn't come up banging the door.  


          Side-Talk: FIX Cafe at Ah Hood Road        
Met up with my friends few weeks ago to take time off from studying. I suggested that we have dinner at FIX cafe. Have been eyeing this place ever since it got its halal certification. Their desserts look so photogenic on photos. However its location is a little out of the way from where we usually hangout. Suggested this place because the others do not have any better suggested, so we went….

We took a bus there and it took us almost an hour to reach but it was worth it. Got seated near the pool. It was not very crowded and the lighting of the cafe was good for photo taking. You have to the counter to order. I went to the counter to order but forget what my friends wanted to buy as soon as I was about to order haha. I bet the cashier thought I was weird. Went back to our table and asked my friends to come with to order haha. They also commented why I went to cashier without bringing my wallet -.- Scumbag brain.

Okay back to the food we ordered. We had Chicken Tikka Naanwich, Turkey Ham and Cheese Naanwich, Fish & Chips, Soy-glazed Chicken Drumlets and Strawberry Pistachio Rose Tart. For drinks we had ice-lemon tea, Iced Mocha and Iced Chocolate. The price came about $51 dollar, if I remembered correctly. And that is very reasonable.

Didn't manage to take lot of the photos of the food because we were all very hungry and could not wait to dig in. Here is my take on each of the item we had.





1) Chicken Tikka Naanwich (S$11)

This main comes with a cup of Nachos. The chicken tikka was nicely spiced and goes well with everything else. The portion of chicken was pretty generous. The only complain I have is that there was  too little cheese on the Nachos.

2) Turkey Ham and Cheese Naanwich (S$11)

Likewise this main comes with a cup of Nachos. I like the combination of everything. The oozing yolk completes the dish. The naan is not too hard and it is buttery. The turkey ham is good too, but felt that the slices were too little. It might look difficult to eat but you can just cut into sections and eat it. The ingredients complements each other well.

3) Fish & Chips (S$11)

The fish is quite plump. The inside is soft and the outside has just enough crust. I can actually taste the slight peppery taste to it. The fries is quite mediocre in my opinion.

4) Soy-glazed Chicken Drumlets ($7)

The skin of the Chicken has a nice crunch to it. However, the soy-glazed is kinda sweet for my liking. Maybe I should have squeezed more of the lemon slice that came with it.

5) Strawberry Pistachio Rose Tart ($6)



I was really to the tart visually. I also like how FIX presents their deserts, it looked quite luxurious. Some of the strawberries are sweet and some were not haha. We shared the dessert and my friend kept getting the sour ones haha. I like the pistachio base, because I like anything that is nutty. Anyway, my sister particularly like the combination of the pistachio base with the strong tasting strawberry jam. The sweetness is just right and it is a pretty light dessert.

Don't be deceived by how the mains look, they are pretty filling. Initially we all said that we are going to order more but we were extremely full and couldn't even finish the chicken. What I like about this cafe is that the prices are reasonable, a lot of halal cafes out there have ridiculously expensive food and they are not even good :/. Overall I will come back again. I really can't wait to taste their other desserts. The owner of FIX cafe is going to open another halal establishment called FIX grill. It is located just beside FIX cafe. Gonna give it a try after my exams. 

          Side-Talk: Halal Omiyage (Souvenir) from Japan        
As mentioned in my previous post, my eldest sister went to Japan in December 2014 and brought back lots of Japan face products. While she was there, she whatsapp us to help to her search online for halal mochi which she can bring as souvenirs for her muslim colleague. I look up on google and do not find any halal kochi that is already in Japanese market. However, I did find out that there are halal omiyage out there are halal certified by Nippon Asia Halal Association (NAHA). Interesting huh. Below is the halal logo of NAHA.

One of the product is "Arare", which is a type of rice crackers. It is product by Osama Rice Cracker Co. Pte Ltd. Do note that not all of their products are halal. So what is "Arare"? According to wikipedia, it is japanese confectionary made from glutinous rice. The difference from senbei is its size and shape. In other words it is fried mochi.



Okay great there are halal souvenirs but where do we buy them? We saw online that it can found in a shop called "Hyobando" along the row of shops at Asakusa Temple. But my sister said it is too out of the way for her. 


Photo credit: NAHA Facebook page

Then browse through NAHA Facebook Page. I found out that it is also sold at Narita Airport Terminal 1! I was thinking great then, she can buy it before she bought the plane. NAHA posted the photo below but did not state the exact location of it…like where in Terminal can it be bought.

Photo credit: NAHA Facebook page
So using my detective skills, I go Narita airport website to check the directory and look out for shops with similar display. The is called KONNICHIWA and the location is at:

Narita Airport Terminal 1
Level 4 of Central Building

So back to the story about my eldest sister. She say her departure hall is at Terminal 2 instead and most like would not be able to Terminal 1 first due to shortage of time. So I look for a way for her to buy the halal "Arare" online. Sakura Gate (link) enables you to buy online and provides delivery service to the Airport. Except you will need you to order in advance…and this is not possible for my sister. But I think the idea is genius! Tourists can now save time from looking for souvenirs while they are on holidays. I always find looking for souvenirs to but for others a waste of time HAHA. In the end, I said to me sister that I have no other solution for her.

So she finally returned to Singapore after her trip and reach home at 2am in the morning. I saw her carry this ANA paper bag with the 8 packets of halal "Arare" in it. I was like, where did you get it from. Apparently, it is sold in Narita Airport Terminal 2 as well. So another place for you to buy the halal "Arare" is at ANA FESTA lobby gift shop located at:

Narita Airport Terminal 2
Level 4 of the Main Building

My sister bought 2 flavours of halal "Arare, seaweed and red pepper. I only have photo of the seaweed one since we already ate the red pepper one. Heard there is going to be a new flavour (Wasabi) coming out soon.



For more information and updates of halal products in Japan, do visit NAHA Facebook page. 


          Euros Punt Podcast: 19th June        
The final round of group fixtures kick off on Sunday evening, with Switzerland taking on France and Romania playing Albania in Group A. On this edition of the podcast, Oliver Zesiger offers up his thoughts on Switzerland and Andrew Gibney provided the French perspective as they both join Mark Walton. Enjoy. http://serve.williamhill.com/promoRedirect?member=audiobooUK&campaign=DEFAULT&channel=will_football&zone=1478396557&lp=1478422550
          The Punt: Euros Podcast 15th June         
Jack Critchley looks ahead to three games on Wednesday and is joined by Andrew Gibney on France v Albania, Alan Moore on Russia v Slovakia and Oliver Zesiger on Romania v Switzerland.
          Euros Punt Podcast: Friday 10 June        
France take on Romania at the Stade de France on the opening day of the Euros and we have a selection of guests on this edition of the podcast. Andrew Gibney is the chief of the website French Football Weekly and he talks about the host nation, while Lee Phelps tells us a little bit more about Romania. #Euros #betting #football
          The Euros - Group A Preview        
Group A sees the hosts France joined by Switzerland, Romania and Albania. Dave Kelner and Lee Phelps offer up their best bets here. Enjoy.
          I Found the One Place Where the Terrorists are Losing, and it's on FX's 'Tyrant'        

It’s been kind of a rough couple millennia for Christians in the Middle East. Whether faced with persecution from Jews, Romans, Palestinians, Syrians, Egyptians, Iraqis, or ISIS, the common denominator has always been Christians remaining strong and showing unbelievable courage, but pretty much living in a world where everyone and everything tries to kill them.


          Sofia Vergara Get Naked For A Cover At 45        
Sofia Vergara, who is 45, proudly posed nude on the cover of Women’s Health magazine and opened up about life as a sex symbol after 40. “Here’s a woman, 45, being able to show her body. It’s not like before, when it was just young girls who would make the cover of a magazine,” the […]
          Halle Berry Says Her Oscar Win “Meant Nothing” For Black Progress        
In 2002, Berry became the first African-American woman to win the Best Actress Oscar — but it seems like that did it change anything. In a recent interview with Teen Vogue, the actress reflected on how the optimistic prediction she made in her historic Oscar victory speech has so far not come to pass. “I […]
          See Pippa Middleton’s Wedding Album!        
Pippa Middleton is officially a married woman after tying the knot with hedge fund manager James Matthews! The 33-year-old socialite and younger sister of the Duchess of Cambridge got married in a wedding ceremony at St. Mark’s Church on May 20 in Englefield, England. Pippa‘s sister Kate Middleton and her husband Prince William were at […]
          You Can't Keep a Good Woman Down        
You Can't Keep a Good Woman Down
author: Alice Walker
name: Marisa
average rating: 4.02
book published: 1971
rating: 4
read at: 2016/06/21
date added: 2016/06/21
shelves:
review:


          Woman Rebel: The Margaret Sanger Story        
Woman Rebel: The Margaret Sanger Story
author: Peter Bagge
name: Marisa
average rating: 3.84
book published: 2013
rating: 3
read at: 2016/04/26
date added: 2016/04/26
shelves:
review:


          5 Best Joomla Security Extensions For You to Breathe Easy        





Apart from WordPress and Drupal content management systems, Joomla is the most popular CMS used all over the world to power websites of all sorts and sizes. Just like any other open-source CMS, Joomla powered sites also have to deal with hacking attacks. In fact, almost every day Joomla powered site encounter callous hackers who mutilate website pages, upload backdoors and steal or delete sensitive information. And sadly, most of the attacks cost website owners substantial amount of time and money in getting the damage fixed. And so, it becomes needful for website owners take all the possible measures into account that helps to strengthen security of their Joomla site.

In this post we have come up with a list of remarkably useful Joomla extensions that helps to secure your Joomla website. 



jHackGuard

 










jHackGuard is an extension designed by Siteground that helps to protect the websites of Joomla users from being hacked. The extension is made publicly available to Joomla site owners, irrespective of whether they're using Siteground hosting services or not. This extension is a blend of a security plugin (that does the system work) and component (that helps to handle configurations) – that helps to protect a Joomla site by filtering the user's input data and integrating more PHP security settings. But, the plugin is disabled so that filters don't prevent authenticated administrators from performing their administrative tasks.


jHackGuard is compatible with Joomla version 3 and higher. And so, if you want to protect your site security running on an older Joomla version, you can choose to download the appropriate versions of jHackGuard for the older Joomla versions such as jHackGuard for Joomla 1.5 or other.







Akeeba Backup